Menu

Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 3

Ho un figlio di 23 anni con ritardo psicomotorio grave da trauma perinatale.

Scritto da Giulia / Pubblicato il
Buongiorno, ho un figlio di 23 anni con ritardo psicomotorio grave da trauma perinatale. Perdonate la domanda asciutta, ma sono molto stanca. Mio figlio non collaborativo ha bisogno di un bravo e sensibile odontoiatra disponibile a prendersi a cuore la missione di conservare i denti quanto più possibile invece di estrarli quasi sempre, che abbia la possibilità in privato di offrire le cure in reparti solventi o cliniche in day hospital/surgery in cui presta la propria attività. Abito a Roma e in ogni caso le strutture pubbliche che offrono servizi per disabili sono depauperate e prevedono liste d'attesa lunghissime, snervanti e che rendono inutili le speranze di salvare le cose, esponendo i soggetti a un tremendo prolungarsi delle sofferenze. Grazie a chi ci darà un orientamento.
Cara Signora Giulia, buongiorno. Posso dirle che in Veneto c'è un "Centro di Odontoiatria per Disabili", di vera eccellenza Guidato dalla Dottoressa Elena Pozzani, responsabile della branca Odontoiatria per disabili Aulss 9 Scaligera - Regione Veneto e segretario nazionale SIOH (Società italiana di odontostomatologia per l'handicap) (www.sioh.it). La interpelli e si faccia dire da Lei se esistono altri centri a Roma o nelle vicinanze o vada da Lei! Di più portoppo non posso fare. Le faccio di cuore tantissimi auguri a Lei gentile Signora ed a Suo Figlio :) Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Buongiorno sig.ra Giulia, comprendo la sua stanchezza ed ha tutta la mia ammirazione e stima. Nel nostro centro disponiamo di una sala operatoria attrezzata per anestesia generale ed abbiamo già in passato trattato pazienti con gravi problemi di autismo. Se ha piacere mi mandi una radiografia di suo figlio così vediamo in quale modo possiamo aiutarlo. tenga presente che siamo a Padova e quindi non propiamente comodi per voi.
 

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Sig. Giulia, la sua proposta di dare la possibilità a un odontoiatria privato di operare in una struttura ospedaliera con proprio paziente è bellissima, ma non è contemplata nelle nostre strutture pubbliche. Purtroppo ai pazienti non collaboranti si eseguono difficilmente cure conservative, perchè poi non sono in grado di mantenerle. Poi ci sono anche i problemi economici che non aiutano.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento