Menu

Domanda di devitalizzazione

Risposte pubblicate: 8

Sono passati 3 giorni e purtroppo avverto una leggera parestesia a livello facciale

Scritto da Fabrizio / Pubblicato il
Salve Lunedì 6/3 mi è stato devitalizzato un premolare inferiore con anestesia tronculare, ora è otturato con la medicazione (cavit?), tra una settimana verrà impiantato un perno in fibra. Sono passati 3 giorni e purtroppo avverto una leggera parestesia a livello facciale lato dx, quindi del dente trattato, che parte dalla zona mascellare e sale fino allo zigomo e all'occhio, ho una tremenda paura che sia stato lesionato il nervo alveolare inferiore, a dover di cronaca ricordo che sono al secondo giorno di cura, a base di cortisone, per via di un'infiammazione all'orecchio dallo stesso lato. Purtroppo leggo che a volte alcune devitalizzazioni vengono mal eseguite e possono causare seri problemi, la cosa che mi spaventa è che normalmente dal mio dentista di fiducia, tali terapie, le esegue uno noto specialista, mentre questa volta stranamente l'ha effettuata una dottoressa che in tale studio si occupa di tutt'altre mansioni, in più ho notato che un computerino che avvisa circa la corretta posizione del canale da riempire aveva smesso di funzionare. Insomma ho notato un po'di improvvisazione. Grazie a chi mi risponderà.
Sono passati 3 giorni e purtroppo avverto una leggera parestesia a livello facciale
Gentile Fabrizio, la sintomatologia avvertita dopo anestesia tronculare non può essere dovuta ad un danno irreversibile del nervo alveolare inferiore in quanto un ago non ha la capacità di lesionare in modo permanente il nervo. Molto spesso si può verificare una piccola raccolta di sangue che può creare una compressione transitoria del nervo che di solito nel giro di qualche settimana si riassorbe e la sintomatologia regredisce. Lei già sta assumendo del cortisone che sicuramente la aiuterà nella risoluzione del problema. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Caro Signor Fabrizio, buongiorno. In primis, ha le idee un po' confuse sul significato del termine "impiantare" perché un perno in fibra non è impiantato ma è semplicemente un manufatto che si usa preparando il canale della radice del dente con frese calibrate per ricevere un pernomoncone che ricostruisce il moncone del dente su cui si "mette" poi una corona provvisoria, prima e definitiva nel materiale più idoneo alla sua situazione clinica, poi!"dal mio dentista di fiducia, tali terapie, le esegue uno noto specialista, mentre questa volta stranamente l'ha effettuata una dottoressa che in tale studio si occupa di tutt'altre mansioni"! Scusi ma se fosse veramente di Fiducia, non porrebbe a noi questa domanda ma a Lui! Poi, mi lasci dire che un Dentista che non faccia endodonzia mi "suona2 molto "limitato" perché l'Endodonzia, come la Conservativa, i pernimoncone, le protesi fisse e rimovibili, la Gnatologia ed almeno la Visita Parodontale con doppio sondaggio sono normalissima "routine" di tutti i giorni e fanno parte dell'Odontoiatria Generica! Di cosa si occupa il suo dentista? Perché senza endodonzia non può praticamente fare niente o quasi! Poi uno Studio dove cambia Odontoiatra, così, non è che è una Low Cost? Poi è sicuro che sia un premolare inferiore e non un molare? Perché la Tronculare alla Spina di Spix si fa per i molari dato che il forame mentoniero, dove emerge il Nervo Alveolare inferiore diventando nervo Mentoniero, si trova di regola subito mesialmente od apicalmente al secondo premolare! Certo il secondo premolare, non il primo, a volte è anestetizzabile con la tronculare ( aseconda dei suoi rapporti anatomici col forame mentoniero) ma quasi sempre con una semplice plessica! Poi è un dente dell'arcata inferiore: la parestesia dovrebbe essere non facciale ma all'emilingua e/o emilabbro inferiore omolaterale! Certo esistono rami nervosi che si "intrecciano" tra di loro mettendo in comunicazione tutto ma si sarebbe dovuta fare allora una tronculare nel punto "sbagliato" e più alto della Spina di Spix sulla branca montante della mandibola dove emerge il nervo alveolare inferiore ed imbocca il canale mandibolare dopo aver fatto diramare il nervo Linguale! La diagnosi di Paresi l'ha fatta il Dentista o se la è fatta da "Solo"?!"Purtroppo leggo che a volte alcune devitalizzazioni vengono mal eseguite e possono causare seri problemi" = Lei non è in grado di capire e diagnosticare quanto afferma! Abbia più rispet to per la Dentista che l'ha curata! Come le ho detto è una terapia che tutti i Dentisti sanno e devono fare! Non occorre chi sa chi per farla! Lo strumentino di cui parla Lei è un localizzatore d'apice ma niente è meglio di una Rx endorale ed relativa misurazione della radice e regolazione con lo stop dello strumento, su quella posizione (si parla della lunghezza dell'apice anatomico, non radiografico che sono differenti)! Mi sembra che lei voglia sostituirsi al dentista! Non lo può fare, diamine, un po' di correttezza e rispetto! Parli col Suo Dentista ed anche con la Dentista che ha fatto la terapia ed otterrà tutte le in formazioni che vuole e deve avere! Definire "improvvisazione" solo perché non ha funzionato il localizzatore su cui poi ci sarebbe da parlare a lungo sulla sua reale efficacia perché misura la differenza di potenziale tra il solco gengivale e l'apice endodontico e basta che ci sia un'infiammazione dell'uno o dell'altro come una osteolisi periapicale o una tasca parodontale ( che a 43 anni può benissimo esserci perché questa è l'età di inizio della malattia parodontale, più o meno, ovviamente in chi ne deve soffrire) o semplicemente una gengivite, che la lettura può essere falsata! Quindi meglio della Rx endorale non esiste niente! "Neanche il microscopio, di cui taanti si fabnno "belli" solo per "stupire" il paziente! Quello che conta è la "mano " dell'operatore e che soprattutto sia collegato al Suo "Cervello"! E' stata fatta una visita parodontale prima di iniziare la terapia endodontica? Visita Parodontale che fa parte della Visita Clinica Odontoiatrica di Routin e che consiste in due visite intervallate da una preparazione iniziale con Igiene Professionale della tasca, Curettage e Scaling e Root Planing per rimuovere il tessuto di granulazione dall'interno della tasca stessa che falsa la presa delle misurazioni della sua profondità, le Rx endorali complete, i modelli di studio e che nella seconda visita si riprendono le misure delle tasche che ora saranno quelle vere e dalla differenza tra le prime e le seconde si fa diagnosi sul tipo di Parodontite, sulla sua Aggressività, sulla sua attività e si emette una Prognosi e si pianifica una eventuale terapia se ovviamente ci fosse la Malattia Parodontale o Endoparodontale che fosse! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Mi associo a ciò che dice il dr. Savino per quello che riguarda la parestesia e la anestesia. I fastidi in zona zigomo ed occhio potrebbero esser dovuti ad un altro dente??? Bisogna vedere se una rx ci svela altre carie o infezioni.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Gentile Sig. Fabrizio, dopo una anestesia tronculare può esserci una parestesia che però è transitoria. E' generalmente data dall'ago usato che però non è in grado di provocare un danno permanente. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Dopo un anestesia tromculare con blocco del NAI i sintomi da lei riportati sono possibili, non frequenti, ma possibili. Ma assolutamente reversibili, nel giro di giorni o qualche settimana, in quanto si tratta di lesioni nervose soltanto da stiramento - lacerazione superficiale. Per quanto riguarda occhio e zigomo, da calutare un altro dente come possibile causa.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig.Fabrizio, non si allarmi le macchinette elettroniche non sono essenziali in questi casi, per quel dente basta una minima esperienza. La parestesia deve essere indagata ed è indipendente da quel dente.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Fabrizio, non si preoccupi per nessuna ragione, questa parestesia e' sicuramente transitoria, poiche' tutto cio' che sia stato iniettato, e' assolutamente riassorbibile e sa il perché? Non esiste una parestesia che sia leggera, o sente formicolio e trattasi di un anestesia e quindi irreversibile, oppure, come nel suo caso, si e' formato un edema che comprime il nervo ed andra' incontro ad una risoluzione positiva. Un solo consiglio, faccia del cortisone in maniera massiva che l'aiutera' sicuramente alla risoluzione del problema. Stia tranquillo e non si preoccupi e vedra' che nell'arco di circa 10 giorni recuperera' alla grande, ma, consiglio vivamente una terapia cortisonica massiva e non sottovaluti il consiglio! Buona serata.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Straguzzi
Sant'Agata li Battiati (CT)

Caro Sig. Fabrizio, Grazie per averci scritto. Purtroppo, non ci fornisce molti dati oggettivi per tentare -quanto meno- di rasserenarLa a distanza (in attesa che -naturalmente- si incontri fisicamente col Suo curante per fugare tutti i Suoi dubbi e/o si rechi da altro specialista per una c.d. "second opinion"). In ogni caso, se ha piacere di ricevere anche una nostra opinione un po' più concreta, Le suggerisco di ripresentare questa domanda curandosi di: A) Allegare una radiografia ortopanoramica (OPT) odierna. B) Rispondere alle seguenti (semplici) domande: - Dopo qualche ora dalla tronculare, è passata la sensazione di anestesia al labbro inferiore dx? - La "leggera parestesia" [una parestesia -chiariamo- equivale a una sensazione di "formicolio", giusto?] che avverte a livello facciale lato dx a partire dalla zona mascellare superiore, dove la avverte esattamente? Sul labbro superiore? Oppure dove? - Il sintomo che sente salire fino allo zigomo e all'occhio è la parestesia o altro tipo di sensazione/sintomatologia? - Da quando ha fatto la tronculare e la devitalizzazione, il 6/3, a oggi, la sensazione di "leggera parestesia" è variata in qualche modo? E se si, in meglio o in peggio? - L'infiammazione all'orecchio dallo stesso lato è antecedente o successiva al 6/3? Con l'auspicio di una pronta risoluzione del Suo caso!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)