Menu

Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 13

SEGUITO ALLA DOMANDA: È così urgente e necessario?

Scritto da Laura / Pubblicato il

Buongiorno, grazie a tutti i medici per le precedenti risposte. Come richiesto allego l'ultima ortopanoramica, dove è ben chiara una cisti ossea delle dimensioni stimabili di 2.5cm. Nel referto il medico scrive:" grossolana cisti ossea che interessa la sede periapicale di 34-35 con sottile vallo schlerotico, delle dimensioni complessive di 2.5 cm". Come vedete si nota anche il mio fissatore ortodontico. Ho fissato per domani la TAC per controllare meglio la situazione e ho una visita con un chirurgo maxillo facciale per il 27/10. La mia domanda e`: secondo voi e` urgente la rimozione tanto da doverla rimuovere privatamente con tanto di devitalizzazione dei 3 denti le cui radici sono nella zona compromessa, come dice il mio dentista... oppure posso dopo la visita e l'esito andare via mutua aspettando anche 4 mesi? l'operazione in via privata e tutto il resto è davvero molto costosa! Grazie ancora a tutti per l'aiuto.

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/chirurgia/6540_cisti-ossea.html

 

SEGUITO ALLA DOMANDA: È così urgente e necessario?
E' lì da anni, non è un mese che cambia la vita. Cordialità. Marco Iorio

Scritto da Dott. Marco Iorio
Castelletto sopra Ticino (NO)

Gentile paziente, la formazione cistica in oggetto va studiata e rimossa in ambiente ospedaliero. Le prove di sensibilità che vanno necessariamente fatte indicheranno la eventuale necessità di terapie canalari che allo stato non appaiono automatiche. La cisti ha dimensioni ragguardevoli e sta erodendo l'osso minando la stabilità del ramo mandibolare. Si consulti con un maxillo facciale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Gentile Signora, come dice il referto, la cisti sembra proprio odontogena! Per confermare questa diagnosi, la TAC può essere utile, ma indispensabile è l'esame clinico con la ripetizione dei test di vitalità dei denti interessati. Questi denti sono i due premolari, o uno dei due. In tal caso, cioè se la cisti si è formata a causa di un probabile micro traumatismo malocclusivo a carico di uno o due premolari (che dovrebbero risultare con polpa necrotica), questo o questi andranno certamente sottoposti a terapia endodontica, mediante la quale si può anche curare la cisti, portandola a regressione fino alla completa guarigione. Sarebbe un tentativo certamente da esperire, che le eviterebbe l'intervento chirurgico. Se posso esprimere liberamente il mio pensiero, al posto suo mi rivolgerei ad un bravo dentista esperto in endodonzia, non certo da colui che le ha devitalizzato ed incapsulato i due molari inferiori, ed eviterei l'ospedale dove, in genere, questo tipo di intervento per l'exeresi della cisti viene effettuato in uno con l'estrazione dei denti compromessi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Sig. Laura, la diagnosi è certa? Le consiglio di seguire i consigli del suo odontoiatra che voleva approfondire con TAC e poi decidere il da farsi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara Signora Laura, a quanto detto nella mia precedente risposta e a quanto detto dai Colleghi, aggiungo solo che la zona anatomo-chirurgica in cui si trova la cisti è quella della emergenza del forame mentoniero del canale mandibolare che è formazione anatomica da cui deve essere escissa sapientemente senza ledere queste strutture anatomiche, la cisti, per la qualcosa non sono tanto importanti i costi quanto le capacità chirurgiche dell'Operatore, che sia Privato Libero Professionista od Ospedaliero! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Buongiorno La formazione cistica è presente da qualche tempo e quindi l'urgenza non trova accoglimento, considero necessario la rimozione in quanto la presenza della cisti e la suo eventuale evoluzione può essere a discapito dell'osso mandibolare,"solo ipotesi" ma che deve essere presa in considerazione. Qualora volesse sono in grado di consigliarLe un ospedale a Milano con chirurghi di fama nazionale e non,dove collaboravo, che sono in grado di asportare la cisti in ambito del S.S.N. Distinti saluti Vaja Dr. FAbio
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Vedendo l'opt, anche se non ha ancora fatto la tac, le posso dire che i due premolari vanno devitalizzati, ma prima deve fare ancora il test di vitalita' per escludere la causa endodontica. E' un intervento che si fa abitualmente in ambulatorio a meno che la tac non evidenzi delle dimensioni tali da far pensare a rischi di frattura mandibolare. Deve comunque farlo prima possibile e deve sapere che potrebbe esserci un problema di anestesia prolungata anche qualche mese (non e' detto ma e' possibile). Potrebbe essere pero' una pseudocisti ma comunque la terapia e' simile
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile paziente, capisco che il costo di tale intervento possa essere molto alto, ma per la salute si fa questo e altro. Cosa più importante del costo dell'intervento è trovare un bravo chirurgo, vista la vicinanza con strutture anatomiche vicine quali il nervo alveolare inferiore. Cordialmente

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Cara Laura, come hanno puntualizzato i colleghi precedenti la cisti è molto estesa, interessa il nervo mandibolare e l'origine non è nota. Le consiglio di rivolgersi all'Istituto Stomatologico Italiano Via Pace Milano dove potrà essere curata col sistema sanitario e non privatamente. Cordiali saluti Michele Lasagna.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Salve Signora Laura, leggo solo ora la sua domanda e cerchero' di darle spiegazioni più semplici possibili. In effetti siamo di fronte ad una lesione di tipo cistico, abbastanza importante. Premesso che non si tratta di alcuna lesione maligna, le cisti in questione è considerata si una "neoplasia", ma assolutamente benigna. La sue malignità è rappresentata solo dal suo ingombro. Più cresce, più fa danni. Quindi ovviamente prima la leva meglio è, anche se parliamo di tempi di crescita della lesione molto lunghi(mesi). I denti interessati, come gia' detto da qualche collega, dovranno essere devitalizzati prima dell'intervento. E dico devitalizzati, NON estratti, mi raccomando. Pero' Laura, le hanno detto perché si è formata questa lesione? se no, glielo spiego io..... Visto che non si tratta ne una cisti follicolare, ne di una cisti radicolare,ne di una cisti residua, e visto che noto, dalla rx, che lei porta delle contenzioni per un recente trattamento ortodontoco, la causa potrebbe essere stata un precontatto, non intercettato, sui denti in questione. Cosa che capita di frequente quando si spostano i denti.  Infatti io ci giurerei che si tratta di una CISTI EMORRAGICA DA TRAUMA. IN tutti i modi va rimossa. Cordiali saluti dott Giglio Andrea

CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Anni fa mi si presentò una cisti di analoghe dimensioni che interessava i quattro inisivi inferiori. Dopo aver appurato l'insensibilità di un solo incisivo centrale lo aprii e, appena pulito il canale, cominciò ad uscira liquido citrino; con una siringa ne ho aspirato almeno 3 centimetri cubi. Nella seduta successiva stesso. Poi con un ago di Miller,l ungo e sottile ho "punzecchiato" la parete inferiore della ciste fino a vedere tracce di sangue nel liquido che fuoriusciva. Due o tre trattamenti così e la ciste ha smesso di produrre liquido. Ho sigillato il canale, con una lieve fuoriuscita di cemento dall'apice. Controlli radiologigi successivi hanno dimostrato il progressivo regredire della cavità con riformazione della trabecolatura ossea. A distanza di un anno l'osso si era riformato fino a chiudersi attorno al cemento fuoriuscito... ci pensi!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pierluigi Scaglia
Calenzano (FI)

Concordo col dott Giglio,anch'io ritengo opportuna la devitalizzazione, almeno dei due premolari, ed eventualmente del canino. La cisti è molto estesa ed in fase chirurgica, x l'escissione della cisti, quei denti perderebbero sicuramente la vitalità, le consiglierei di fare l'intervento in un reparto di chirurgia maxillofacciale anche se fosse tra 4 mesi(la cisti è presente da anni, ed attendere qualche mese, non sarebbe un problema) Cordiali saluti. Cristina Cortis

Scritto da Prof. Cristina Cortis
Cagliari (CA)

Ha postato una radiografia di buona qualità, ma nonostante questo non possiamo avere il beneficio dell'esito delle altre prove strumentali che si eseguono in questi casi. In linea di principio ritengo che (anche se è possibile il contrario) vi deve essere una causa odontogena alla sua ciste, pertanto tenterei di stabilire se uno dei denti che "pescano" nella ciste possa esserne anche la causa. Una terapia canalare ben fatta forse non le risolverà il problema in tempi brevi, ma potrebbe benissimo invertire la tendenza alla crescita della lesione. Come hanno giustamente detto i miei colleghi, la zona su cui insiste la sua lesione è quantomai ricca di formazioni anatomiche che sarebbe meglio lasciare il più indisturbate possibile, pena il ritrovarsi alla fine si senza la lesione (che sono in accordo definire con tutta probabilità di tipo benigno), ma anche con un deficit sensoriale importante, ed in una zona dove questo porterebbe il massimo dei disagi possibile. Il maxillo facciale taglia e cuce, e lo fa nella migliore delle maniere possibile, il dentista valuta anche quali possono essere i guai a posteriori. Se mai dovesse ricorrere alla chirurgia, lo farà nella consapevolezza di non aver lasciato nulla di intentato, e correrà il "rischio" molto più consapevolmente. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)