Menu

Domanda di chirurgia

Risposte pubblicate: 19

Ho tolto due denti lo scorso venerdì

Scritto da stefania / Pubblicato il
Ho tolto due denti lo scorso venerdì ( due premolari parte superiore) con chirurgia muco-gengivale e osteotomia , con suture che toglierò lunedì. Il dente precedente ( canino) era già stato monconizzato e anche il molare dopo perchè metterò una protesi a ponte. Tuttavia il dentista dopo l'estrazione mi ha consegnato un provvisorio da appoggiare sui monconi senza volerlo cementare, dicendomi che la ferita deve respirare, quindi consigliandomi di appoggiarlo solo qualche ora al giorno. IL punto è che ieri e oggi io sento dolore intorno al canino monconizzato e vedo che la gengiva intorno è infiammata. Temo quindi che la causa sia proprio quel ponte non cementato che appoggio, che mi ha infiammato la parte. Purtroppo fino a lunedì il mio dentista non c'è, quindi vi chiedo se è meglio per me non mettere affatto nel frattempo questo provvisorio oppure se lasciare scoperto il moncone fino a lunedì mi comporta qualche problema di infezione o altro. Sono molto agitata, ho paura di poter perdere il moncone. Aiutatemi
Gentile Stefania, il canino si trova proprio in zona adiacente ai due denti estratti ed è quindi comprensibile che ci sia un risentimento che coinvolge il canino stesso .Deve avere un poco di pazienza e tutto si sistemerà. Non avere alcun problema pochi giorni dopo l'estrazione di due denti contemporaneamente sarebbe stato improbabile. Sicuramente il dentista le avrà prescritto una terapia farmacologica adeguata allo scopo. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Sig. Stefania, non ci sono rischi d’infezione al canino, può stare fino a lunedì anche senza ponte. Al prossimo appuntamento chieda al suo odontoiatra come può essere rintracciato in caso di urgenza.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Cara Signora Stefania, assolutamente errato! Anzitutto chirurgia mucogengivale è una chirurgia parodontale che non ha niente a che vedere con una estrazione a meno che lei non intendesse dire che è stato fatto un lembo chirurgico per l'estrazione ma è un'altra cosa! Poi se la ferita deve "respirare" si cementano i provvisori con cemento provvisorio, proteggendo il moncone con sostanze adatte per evitare infezioni e sensibilità e si modella la parte dei provvisori e dell'elemento di ponte in modo da far si che non abbia contatto con la ferita! Queste sono norme basilari in qualsiasi chirurgia in presenza di protesi! Mi stupisco che il suo Dentista non le appliche! Almeno a quanto dice lei e se ho capito bene, perchè via web. sa. si può dire o capire aglio per cipolla! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Diciamo che è un comportamento non scritto sui libri sacri dell'odontoiatria, ma che mi sono trovato nella necessità di consigliare anche io in passato, con risultati non penalizzanti. Non credo comunque che il canino ne possa risentire, a meno che lo stesso sia un moncone vitale, e che quindi possa risentire di sbalzi termici o chimici. Tratti la parte con estrema cura e la tenga ben disinfettata con colluttori specifici e vedrà che tutto andrà bene. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Forse non essendo cementato, e quindi instabile, il provvisorio le ha irritato i tessuti...eviti di poggiarlo, curi attentamente l'igiene e faccia uso di un collutorio.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Lasciare un manufatto protesico fisso, anche se provvisorio, non cementato, non è una procedura ortodossa, ma il fastidio che avverte non è dovuto sicuramente a questo fatto. Sicuramente la terapia chirurgica necessita di qualche giorno per la completa guarigione e la scomparsa totale della sintomatologia. Cordialmente

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Questa di lasciare "respirare" è una metodica alquanto obsoleta come forse lo è il suo dentista. La placca batterica che ristagna sotto il moncone del canino sicuramente non aiuta la guarigione dei tessuti. Mi scusi ma nel 2010 si estraggono ancora denti e se ne limano altri a moncone per inserire delle protesi a ponte?

Scritto da Dott. Stefano Mega
Castel Maggiore (BO)

Signora, se i denti monconizzati (canino e molare) non sono vitali e non le causano fastidio per la loro sensibilità, eviti di mettere il ponte fino al prossimo incontro col suo dentista e stia tranquilla: la ferita guarirà meglio e lei potrà più facilmente attuare le manovre di igiene per tenerla pulita. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Gentile sig.ra Stefania, tolga tutto e lasci le ferite da estrazione scoperte, utilizzando un colluttorio a base di clorexidina, e non tema per il moncone, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Sig,ra Stefania, fino a Lunedì non può accaderle nulla sul canino. Lo mantenga ben deterso, pulendolo con le giuste manovre di spazzolamento, evitando la masticazione sulla zona della ferita. Cordiali saluti. Dott. Angelo Raffaele Izzi

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Buon giorno Sigr Stefania, secondo il mio parere si poteva cementare con cemento provvisorio il ponte in resina, avendo l'accortezza di evitare contatto con la gengiva in via di guarigione. Comunque al massima avvertirà sensibilità se il canino non è devitalizzato, eviti sbalzi termici. Buona giornata

Scritto da Dott. Giorgio Maggio
San Giorgio Ionico (TA)

Tenga il ponte e faccia degli sciacqui con clorexidina 0,2% in attesa del ritorno del suo dentista.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)

Gentile signora con tutta probabilità il fastidio che lamenta a carico del canino e' da addebitare alla contiguità con la ferita chirurgica; personalmente io sfrutto il provvisorio per guidare la guarigione degli alveoli post-estrattivi, non si preoccupi in maniera eccessiva ed abbia fiducia sul fatto che la situazione si risolverà positivamente, cordialità.

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Gentile Signora Stefania, per darle conforto nel suo caso è indispensabile una valutazione clinica non possibile online...potrei dirle tante cose ma forse tutte sbagliate. Abbia fiducia in quello che ha fatto il suo dentista e aspetti con pazienza e massimo igiene sino a lunedì. Buon pomeriggio

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Gentile Sig.ra Stefania, aspetti con pazienza il giorno dell'appuntamento essendo accorta a tenere ben sterile la zona con l'igiene orale e soprattutto dopo i pasti. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile signora, non credo che il suo dentista sia così sprovveduto da rischiare di compromettere il lavoro. Quindi stia tranquilla che in pochi giorni non può succedere niente.Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Cara Stefania sinceramente non credo che sia il provvisorio la causa ma l'estrazione che è comunque una procedura chirurgica e quindi provoca edema e rossore della parte interessata. normalmente il dolore va a diminuire ma se dovesse dopo il terzo giorno aumentare si può instaurare quella che viene chiamata alveolite postestrattiva o secca. i batteri entrano nel sito di estrazione infiammandolo e richiede per forza l'antibiotico per la guarigione. comunque il mio consiglio spassionato è quello di non mettere il provvisorio perchè può trattenere cibo e provocare infezioni distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Il dolore che avverte, come l'infiammazione gengivale, potrebbero essere conseguenti -considerati i rapporti di contiguità anatomica- alle manovre chirurgiche relative alle avulsioni dei premolari. Mi lascia molto perplesso la mancata cementazione del provvisorio, nonché il suggerimento della sua rimozione, per consentire ai tessuti di "respirare". Utilizzi un collutorio con clorexidina in attesa del prossimo appuntamento. Cordialmente.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

Non è la procedura più corretta ma, in occasioni sporadiche, può essere adottata. Le conseguenze, normalmente, non vanno oltre un po' di fastidio. Non può certamente rimanere così oltre qualche giorno. Mantenga una pulizia molto corretta.

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Castano Primo (MI)
Cavenago di Brianza (MB)