Menu

Domanda di chirurgia

Risposte pubblicate: 8

Potrebbe essere una scheggia rimasta dentro?

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Salve, circa un mese fa ho tolto un dente del giudizio e quello accanto in una sola seduta. Tutto apposto se non che dopo circa un mese il lato interno della gengive del dente del giudizio inizia a fare male, punge e si infiamma. Mi dicono potrebbe essere una scheggia rimasta dentro che magari viene espulsa da se. Ho provato a smuovere un po' e sanguina. Come da foto allegata.
Sig. Andrea, un Rx è l'accertamento d'elezione in questi casi, se c'è un frammento dentale e bene rimuoverlo...............................................,

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Andrea probabilmente è proprio una spicola ossea, che nel tempo scomparirà, ma se si rivolge al suo odontoiatra la rimuoverà velocemente. Cordialmente

Scritto da Dott. Guglielmo Meschia
Venezia (VE)

Gentile Andrea, come suggerito dal collega dr. RUFFONI è piuttosto semplice capire se trattasi di scheggia. In tal caso è necessario rimuoverla altrimenti il problema difficilmente si risolverà spontaneamente. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile Sig. Andrea, grazie per averci scritto. Dalla foto che ci allega, si vede che c'è qualcosa che non va nel lato linguale della sede di estrazione del dente del giudizio (ma senza una visita odontoiatrica "live" di più non si può accertare ...). Ad ogni modo, nei casi di estrazione dentale, è sempre consigliabile fare una rx di controllo post chirurgica al fine di 'accertarsi' d'aver rimosso tutto il dente, senza aver lasciato residui radicolari. Laddove fosse rimasto qualcosa, è sempre indicato un reintervento atto a rimuovere eventuali frammenti dentali rimasti in sede, altrimenti si rischia che si sviluppi un'infiammazione ossea su base infettiva (alveolite post-estrattiva, ascesso, ecc.). Nel caso, invece, la radiografia di controllo fosse negativa per residui dentali, con ogni verosimiglianza (e credo sia -in vero- proprio questo il caso, posto che il dolore mi pare lo riferisca "pungente" e solo in sede gengivale linguale ...) trattasi di una "disostosi" dell'osso da esito di estrazione, che altro non è che una porzione crestale di osso appuntita la quale, lacerando o irritando la gengiva sovrastante, provoca dolore e rallenta la, e/o interferisce con, la guarigione dei tessuti molli ... Anche in questo caso, una volta verificato che trattasi di questo, sarebbe raccomandabile un banale intervento di arrotondamento della "punta" di osso (osteoplastica), sì da eliminare il dolore e, nel contempo, promuovere la guarigione definitiva della ferita. Suggerisco di rivolgersi al Suo curante per farsi controllare bene. Con l'auspicio di una pronta guarigione!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)

Il caso è semplicissimo. La scheggia ossea si recupera sotto una anestesia leggerissima. Buona fortuna!................................................................................

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Probabilmente sì, si definisce con una semplice visita clinica. Nel caso sia, anestesia locale limitata e rimozione con una pinzetta, in due minuti e senza alcun sintomo post - operatorio.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Io proverei a toglierla da solo, con un minimo di coraggio... e' un frammentino osseo innocuo ma fastidioso. Ci vuole un attimo. Senno' dal dentista, come ovvio

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Quasi pienamente d'accordo coi miei Colleghi. Mi domando solo perché non si sia rivolto al Suo Dentista. E' la cosa più logica e corretta. Sarà sicuramente un frammento di radice o più probabilmente un piccolo sequestro osseo, affiorato nella compagine gengivale, però, è bene fare una palpazione della zona e dei linfonodi satelliti per valutare lo stato di flogosi presente ed una Rx endorale per confermare che si tratti di un piccolo sequestro osseo ma soprattutto per visualizzare lo stato dell'osso alveolare da cui si è "staccato". Non sarà niente ma c'è sempre la possibilità che si debba dover intervenire a livello di una revisione chirurgica del sito della avulsione (da qui quel "quasi")! E' dovere del medico fare una Diagnosi corretta ed etiopatogenetica! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)