Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 14

Da 12 giorni sono afflitta da un problema di malocclusione

Scritto da Martina / Pubblicato il
Buongiorno, sono una ragazza di 30 anni che da 12 giorni è afflitta da un problema di malocclusione a seguito di una serie di otturazioni fatte sull'arcata destra superiore e una su quella inferiore, in un'unica seduta sotto anestesia. Il giorno dopo le otturazioni e passata l'anestesia mi sono resa conto che qualcosa non andava: i miei incisivi di sotto battevano su quelli superiori creando una dolenzia notevole. Dopo 8 giorni di dolorosa e snervante attesa, torno dal medico che mi ha fatto le otturazioni, il quale si rende conto che in particolare uno dei incisivi è in forte attrito, e senza dirmi nulla effettua un molleggio selettivo sull'incisivo superiore in questione. Io lo blocco, poiché pensavo che il problema andasse ricercato nelle otturazioni fatte da lui, ma lui dice che le otturazioni sono fatte bene e non vuole toccarle. Dopo mia espressa richiesta prova ad alzare quella di sotto, e mi manda a casa con me in lacrime (poiché ero e sono stremata da questa situazione) e un aulin per il dolore che avevo a tutti i denti. Dopo questo intervento io ho sentito la chiusura toccare avanti e a sinistra, quindi non più centrata. Ho sentito altri medici dopo, e per uno le otturazioni andavano abbassate (ma sotto, e anche su denti che non era stati oggetto dell'intervento di questo medico che mi ha rovinato!), per un altro la mia mandibola e tutti i nervi sono tesi, e va fatto un bite per capire meglio la situazione e dare la possibilità ai miei nervi di distendersi. Io sono disperata perché la sensazione è che dal lato delle otturazioni io non abbia contatto, col tempo mi sembra che anche dall'altra parte (non toccata) non si trovino più gli "incastri", inoltre devo stare sempre super attenta a non chiudere del tutto i denti altrimenti sento un dolore fortissimo e ho notato che tutti gli incisivi adesso risultano più mobili rispetto a prima di questo disastro, quando MAI avevo sofferto per problemi simili. Inoltre da quando mi è successo questo problema adesso la notte serro i denti, e sento dolore... come è possibile? Faccio di tutto per tenere la bocca aperta e non rovinare i miei denti! I miei denti sono bianchi e perfetti, perché a parte un po' di ortodonzia quando ero piccola (7 anni fino a 12 con apparecchietti mobili), avevo avuto solo qualche carie e nient'altro! Ora non riesco a mangiare e a parlare, perché i denti si scontrano, sento sempre questa chiusura bassa e tempo che tutti questi urti possano aver indebolito l'ancoraggio dei miei incisivi! Inoltre le gengive sono sempre piuttosto gonfie davanti, credo a causa di tutti i traumi per riuscire ad alimentarmi. Il medico attuale non so' se è gnatologo, vorrei ritrovare la mia chiusura di soli 12 giorni fa', non sapevo che la vita potesse essere così terribile per un problema del genere. Cosa devo fare? Posso sperare di tornare come prima? I miei denti torneranno saldi come prima? Grazie, scusate la lunghezza.
Cerchiamo di chiarire la situazione, a livello gengivale è difficile che in tempi così brevi si abbiamo problemi. Per cui mi verrebbe da pensare che sia la dolenzia delle radici degli elementi dentari a dare il disturbo gengivale, a meno che non vi sia qualche problema specifico parodontale per l'occlusione. Chiaramente il fattore scatenante sembra essere stato il rifacimento delle otturazioni e chiaramente se prima gli incisivi non erano in " trauma" un collega con buona esperienza in conservativa, e non occorre uno gnatologo per questo anche se adesso a lei potrebbe servire, deve essere in grado di ricostruire l'occlusione correttamente, lavorerei sicuramente più su quanto è stato fatto per il ripristino dell'occlusione normale più che aggiungere altro ( byte ) cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Martina, otturazioni sovradimensionate creano precontatti occlusali che possono scatenare parafunzioni come il digrignamento notturno. Se questo è il suo caso, da valutare attentamente, un buon dentista saprà ripristinare la corretta occlusione correggendo le otturazioni effettuate. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Penso anche io che tutto questo fastidio può essere dovuto alla associazione con guai parodontali. Ma se davvero sono state le otturazioni fatte male a scombinare tutta l'occlusione, basta farle bene, al limite degli intarsi modellati in laboratorio, per ripristinare tutta la masticazione corretta. Dando il tempo necessario a che accadano i miglioramenti.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Martina, da quel che racconta sembrerebbe che tutto dovrebbe essere imputabile ad una conservativa (otturazioni) fatte non a regola d'arte. Il dente, il colletto del dente, la gengiva che lo circonda e l'osso che la sostiene hanno quella forma perchè devono svolgere una funzione. Se perdono la forma, perdono la funzione e se uno dei componenti anatomici detti perdesse la forma, la farebbe perdere anche agli altri componenti.Addirittura il piano inclinato formato dai versanti cuspidali dei denti, formano con la linea ideale del piano occlusale, masticatorio, un angolo che è uguale all’angolo formato in un movimento particolare, dalla Testa del Condilo e un punto preciso della Cavità Glenoide della ATM (Articolazione Temporo Mandibolare). Questi quattro Organi Stomatognatici, Gengiva, Osso, Dente e ATM, sono quindi in un rapporto talmente stretto di forma e funzione che è sufficiente che cambi la forma uno solo di essi per farla cambiare anche agli altri.Quindi se le otturazioni non sono state modellate a regola d'arte restituendo al dente la giusta forma si crea la patologia che lei descrive. questo ovviamente stando a quanto racconta perchè per vie Web può essere solo una ipotesi. E' indispensabile visitarla clinicamente.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Credo che 12 giorni non siano sufficienti a determinare problemi seri a carico del parodonto e dei denti, per cui innanzitutto si tranquillizzi. Mi rendo conto di come, alle volte, anche modifiche limitatissime dell'anatomia della bocca e dei denti possano scatenare problematiche occlusali anche di grado severo. Tutto secondo me trova giustificazione nel turbamento di un delicato equilibrio che lei ha conseguito con l'ortodonzia e il tempo, che svolge un delicato compito di "rifinitura" della forma occlusale. Sono tuttavia convinto che anche con l'esecuzione di più restauri nella stessa seduta, le modificazioni non possano essere di grande entità, e che quindi la "medicina tempo" possa di nuovo tornare ad aiutarla, posto che in questo periodo lei possa sopravvivere serena. Se così non fosse, certo un bite potrebbe essere realizzato, ma credo che stravolgerebbe ancora di più le carte in tavola. Se fossi in lei proverei a darmi un tempo limite, diciamo fino alla fine dell'estate, lasso di tempo in cui credo niente di grave possa succedere. Se tutto si sistema, bene, viceversa necessiterà di nuovi controlli. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Bisogna rivedere o rifare le otturazioni correttamente per ristabilire l'occlusione.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Martina, se il problema persiste, deve recarsi nuovamente dal collega, che rivalutando l'occlusione delle otturazioni, con perizia e pazienza potrà  con molaggi selettivi ripristinare, anche con più di una seduta, la giusta masticazione. Cordialmente

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Farsi valutare correttamente tutta la funzione sperando che si risolva il prima possibile questa situazione

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Gent. Sig Martina Quel che non capisco dal suo racconto è se prima dell'intervento di conservativa effettuato dal collega ( il rifacimento delle otturazioni ) lei avesse un precontatto sugli incisivi anteriori. Se veramente il collega ha sovradimensionato le otturazioni ( forse per correggere un deep byte ) lei non dovrebbe sentir " toccare " gli incisivi superiori con quelli inferiori nel momento di max intercuspidazione, perchè è stata aumentata la sua dimensione verticale, per cui non capisco il senso del " molaggio selettivo " che viene fatto per ridurre il trauma da occlusione. succede che se poi le orrurazioni vengono sovradimensionate troppo si tende a far scivolare in avanti la mandibola per cercare un contatto. Diverso è se le otturazioni sono state sottodimensionate e allora vanno fatti dei modelli studio montati in articolatore in primo contatto e poi in massima intercuspidazione per valutare la sua occlusione , con l'uso dell'arco facciale , e poi fatti degli intarsi per darle la giusta DIMENSIONE VERTICALE. Tutto ciò andava fatto prima delle coronoplastiche e delle nuove ricostruzioni. Io non aspetterei molto: sicuramente c'è qualche grosso precontatto che la obbliga a scivolare in lateralità o in protrusiva per evitare il dolore e il disagio di sentir " toccare" dei denti che in condizioni fisiologiche devono avere solo contatti piuma. Questa si chiama Sdr di Costner e le assicuro che è l'inizio delle disfunzioni cranio mandibolari.. Un byte adesso non serve, servirà piuttosto dopo aver ripristinato l'occlusione.Per quanto riguarda il deep byte, se fosse stato presente,questo andava corretto con l'ortodonzia. Cordialità
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Graziella Cuccuru
Bosa (OR)

Sig. Martina, tutti gli odontoiatri hanno studiato la gnatologia, la specialità in gnatologia in Italia non esiste. Non è possibile darle una corretta risposta senza la conoscenza clinica del caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)