Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 17

A che età è consigliata la prima visita odontoiatrica?

Scritto da marzia / Pubblicato il
Sono mamma di due gemelline di 5 anni. La mia pediatra mi ha consigliato di portarle a fare la prima visita dal dentista. La domanda che mi pongo è: a cosa serve una visita di questo genere a questa età considerando che le bambine hanno ovviamente ancora tutti i dentini da latte? E' possibile forse correggere già "difetti della bocca" a questa età? Consideriamo che le gemelline hanno preso il ciuccio fino all' età di circa tre anni e mezzo. Rimango in attesa di vostra risposta. Grazie
Sarebbe stato bene che la sua pediatra che le ha dato un più che ottimo consiglio, glielo avesse anche motivato. I bambini seppur piccoli vanno controllati da un pedodontista (dentista pediatrico) o dal suo dentista in quanto fin da questa piccola età si possono valutare eventuali problematiche e prevenire varie situazioni legate ad esempio, proprio all'uso prolungato fino a tre anni e mezzo del ciuccio. I denti da latte hanno una importanza grandissima nella salute della bocca ed il loro mantenimento in salute è il viatico per una buona situazione orale anche da adulti. Inoltre portare i bambini dal dentista fin da piccoli ha una ottima funzione formativa. Si fa loro capire che non si deve aver paura del dentista (poi le fobie durano tutta la vita) e che il dentista non è l'orco cattivo da evitare a tutti i costi. Faccia diventare il dentista un amico delle sue gemelline e avrà due grandi vantaggi: bambine più sane e un sacco di spese future in meno. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Francesco Scarpelli
GORIZIA (GO)

Come detto più e più volte bisogna considerare i dentini da latte alla stregua dei permanenti e curarli senza riserve. Porti le bimbe dal dentista per un controllo se non altro per far prendere loro confidenza con lo studio e con i medici. Molti problemi possono essere a quest'età già visibili. E' giusto controllare e guidare, se ce ne fosse bisogno, la crescita delle sue figlie.

Scritto da Dott.ssa Emma Volpe
Siracusa (SR)

Non crede, Signora, che una visita alle sue figlie faccia del bene anche per il "solo" motivo di individuare eventuali carie, controllare una corretta igiene della bocca, farsi consigliare giuste abitudini alimentari? I denti da latte possono causare gli stessi problemi dei definitivi: se poi il dentista ravvedesse indizi di "difetti della bocca", saprà darle le opportune indicazioni . Tutto ciò, naturalmente, se non ritiene la cura dei denti un problema secondario.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Ghio
Livorno (LI)

Tutto detto benissimo quello che hanno detto i colleghi, aggiungo solo che c'è una buona probabilità che il ciuccio prolungato abbia causato una postura errata della lingua e che quindi sia necessario fare un pò di esercizi dalla logopedista, il più precocemente possibile, compatibilmente da come collaborano le bimbe.. Questo può alle volte PREVENIRE la necessità poi di un apparecchio ortodontico più in là. La posta in gioco quindi è elevata, no? Deve essere un dentista che si occupi di bambini ed ortodonzia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Io non capisco Sig.ra Marzia, come mai quando io ero un bambino, ( e parliamo di 40 anni fa ) a scuola c'era il medico che visitava in prima elementare i bambini ( + o - a 6 anni) e indicava alle mamme l'importanza del dentista e della cura dei denti da latte, mentre oggi ci si scontra, a volte, con un atteggiamento come il suo, quasi scettico dell'importanza della prevenzione. I denti da latte guidano con la loro posizione corretta e con la loro presenza se sani, la crescita della bocca, mantenendo lo spazio per i denti permanenti che andranno a sostituirsi a tempo debito al loro posto. Se un dentino da latte si caria e non viene curato, la sua corona non avendo più la forma corretta può far inclinare durante lo sviluppo i denti vicini, peggio ancora se si distrugge e deve essere tolto. In questo caso è d'obbligo un mantenitore di spazio fino alla crescita del permanente. Avendo le gemelline preso il ciuccio fino a tre anni e mezzo potrebbereo esserci anche problemi di interferenza della lingua e della deglutizione come già accennato da alcuni colleghi. Mi preme Sig.ra Marzia puntualizzare quanto segue. E' importante che il piccolo verso i 5/6 anni al massimo, in concomitanza con la nascita del I° molare permanente( che esce dietro i dentini da latte e senza permuta alcuna) venga portato a visita. In primo luogo si abituerà all'ambiente e il bravo odontoiatra lo farà solo giocare la prima volta, senza fargli assolutamente nulla, gli farà prendere confidenza con il personale di studio e con le attrezzature e spiegherà al genitore come descrivere eventuali cure che andranno magari effettuate in futuro. E' importante che venga accompagnato la prima volta, ma che poi in studio operativo entri, la seconda volta, da solo: questo per instaurare un rapporto di fiducia col dentista che non sia sviato dalla presenza della mamma o del papà. Chiaramente è anche vero che a questa età la collaborazione del piccolo non è completa, ma qui entrano in gioco situazioni a cui un bravo odontoiatra potrà sicuramente ovviare con l'esperienza. D'altra parte a questa età, appena conquistata la fiducia del piccolo, si potranno eseguire tutte le cure e terapie necessarie senza alcun problema...i bambini sono i migliori pazienti!!!!!! Vada con fiducia da un bravo collega pedodonzista, vedrà che le sue gemelline non avranno problemi di nessun genere. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Senza parole!

Scritto da Dott. Giovanni Vitale
Zafferana Etnea (CT)

Gent.ma Marzia le consiglio di leggere la rubrica domande e risposte e di farsi un giro sul sito dentisti-italia in cerca di risposte alla sua domanda e ad altre, magari, non espresse apertamente... Questo perchè ho notato che spesso le domande sono ricorrenti ed inevitabilmente le risposte possono essere sovrapponibili... Per rispondere alla sua per esmpio le "incollo" di seguito la risposta che ho già dato al sig Raffaele papà di un bambina coetanea delle sue gemelline... "Gentile Raffaele, approfitto della sua domanda per dissertare su un argomento che mi sta molto a cuore. "Che meraviglia vedere un giovane di 20-30 anni con tutti i denti sani e dritti!" Questo, però, non avviene mai per caso. L'odontoiatria è una specialità medica un pò particolare che molto più delle altre risente positivamente della corretta prevenzione. Questo per dire a lei e agli altri lettori che ci seguono che le visite dal dentista devono cominciare per i nostri bambini già dail'età di 3-4 anni. Questo, peraltro, permetterà al bambino di prendere dimestichezza con l'ambiente senza poi esserne traumatizzato in seguito, quando a 6 anni, comincierà le prime terapie di prevenzione secondaria tipo sigillature, fluoroprofilassi, ecc... Queste buone abitudini devono divenire la norma se non si vuole continuare ad avere problemi come la maggior parte degli Italiani. Purtroppo non siamo stati educati alla prevenzione, per cui andiamo a farci visitare solo se ci sono problemi e talvolta è troppo tardi. Non sarà questo il caso della sua bambina che è ancora piccola e come hanno già detto giustamente i colleghi non avrà problemi, ma la visita è necessaria e lo saranno anche le altre che dovranno avvenire con una frequenza media di 4-6 mesi fino alla completa dentizione 12-14 anni. Le suggerisco di non far mancare mai questo alla sua bambina!" Cordialità
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Palumbo
Pescara (PE)

Parlerei anche di abitudine nella educazione nei confronti della visita dal dentista. Anche io consiglio sempre la prima visita a questa età in promis per far prendere confidenza ai bambini nei confronti della figura del dentista e poi per intercettare eventuali problemi sia di carie dei decidui, che di cattiva abitudine d'igiene, che ortodontici. Cara mamma non si scandalizzi di fronte al consiglio del pediatra, il dentista a questa età può essere una mannaia per la salute della bocca.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Simona Galiero
Marano di Napoli (NA)

Una visita, fatta anche a 5 anni, serve a valutare l'anatomia, la funzione e l'eventuale patologia dell'apparato masticatorio. Consente di affrontare, in tempo, quelle patologie che richiedono un "approccio precoce". Serve inoltre, a far conoscere al bimbo, la figura professionale del dentista, in teoria, potrebbe contribuire a fare di lui un individuo con una buona salute orale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Riccardo Della Ciana
Civitanova Marche (MC)

Gentile Sig.ra, a 5 anni una visita è utile per valutare vari fattori. Anzitutto la qualità dell'igiene orale che molto spesso si apprende e si conserva per la vita proprio a questa età. Poi la presenza o meno di carie ai dentini da latte che potrebbero necessitare di cure già da ora per evitare un perdita precoce degli stessi con conseguente possibile necessità di sottoporre le bimbe a terapia ortodontica futura. Inoltre potrebbe esserci la necessità di eliminare delle abitudini viziate o cambiare delle abitudini scorrette. Infine Lei sa che vi sono delle malocclusioni come il progenismo mandibolare grave che si devono trattare molto precocemente (anche a 5-6 anni) se si vuole un reale risultato scheletrico? Forse non sarà il caso delle sue bimbe ma non sottovaluti l'importanza della prevenzione orale anche nei bambini che talvolta è la chiave d'accesso ad un lungo e duraturo benessere della bocca. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Manzo
Frattamaggiore (NA)