Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 7

Devitalizzazione dente con ciste

Scritto da angela / Pubblicato il
Buongiorno a tutti i gentilissimi dottori che risponderanno alle mie domande. Sono Angela e vi espongo il mio problema. Un pò di tempo fa mi si è spezzato una parte del molare inferiore destro, il quale era stato alcuni anni prima piombato, senza però averlo devitalizzato. Il mio dentista in seguito ha ritenuto opportuno ricostruirlo senza devitalizzarlo. Dopo un pò ho iniziato ad avere dei fastidi, e adesso dopo 3 mesi non riesco neanche a masticare perchè ho un forte dolore. Ritornando nuovamente dal dentista e facendomi una radiografia mi ha detto che si deve devitalizzare e che addirittura si è formata una ciste. Adesso mi chiedo se è possibile che a distanza di 3 mesi si sia formata la ciste e se è possibile eliminarla con la semplice devitalizzazione del dente. Inoltre volevo chiedervi se esiste un'anestesia alternativa a quella iniettata tramite puntura visto che non sopporto quel fastidioso dolore provocato dall'ago. Grazie anticipatamente. Attendo con ansia vostre risposte.
Cara Signora Angela...la ciste si può e si deve curare ... chiamiamola area di osteolisi periapicale perchè la diagnosi differenziale con un granuloma non è possibile farla...quando ancora piccolo ed immagino che sia piccola quest'area, visto che il dente è stato curato solo tre mesi fa... in ogni caso la terapia è la stessa...le spiego cara signora: Concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi ... tolti i microbi con la terapia nuova endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. Per togliere il dolore basta fare questo una volta individuato il dente e fatta una diagnosi: non può convivere con tanti granulomi per di più fistolizzati (alcuni)...sono pericolosi non solo localmente per i denti...il Parodonto...l'Osso...le gengive...ma anche per l'Organismo intero...dal Granuloma possono partire microbi che col torrente ematico vengono portati in organi ed apparati importanti quali Rene, Cuore e tanti altri...e dare infezioni pericolose...fortunatamente molto rare...ma esistono e sono pericolose ripeto!...quindi un granuloma va eliminato...se poi sono più di uno come nel suo caso ...motivo in più per eliminarlo e soprattutto se sono fistolizzati...: guardi che è semplice e normale terapia alla portata di qualsiasi buon Dentista!... Le spiego cos'è un Granuloma: I granulomi si curano: essi sono dei tentativi dell'organismo di bloccare l'infezione che risiede nel dente...ossia i microbi sono nella radice...le tossine escono dall'apice e provocano l'insorgenza del granuloma...curate le radici...il granuloma si riassorbe da solo in un tempo variabile di pochi mesi al massimo ... ma i microbi non ci sono più!...se fosse impossibile curare le radici per la via "normale"...le si curano per via retrograda, chirurgicamente, entrando nelle radici dagli apici che poi vanno sigillati con materiali particolari!...il granuloma i può anche non escidere chirurgicamente intanto si riassorbe! Ciò detto, le possibilità di dovere estrarre il dente sono molto ma molto remote...quindi con una buona terapia endodontica o di chirurgia endodontica...lei mantiene il suo dente ...le lascio un link al caso presentato nella foto così lo vede interamente:...Riabilitazione Orale Parodontale e Protesica Completa, in un Caso Complesso di Compromissione Grave Parodontale ossea, conservativa, endodontica, protesica in presenza di insufficienza di gengiva aderente. http://www.dentisti-italia.it/casi_clinici/parodontologia/246_riabilitazione-orale-parodontale-e-protesica-compl.html  ...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia e Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Angela, la cisti odontogena è una complicanza evolutiva che può avvenire alla presenza di periodontite periapicale cronica (granuloma). Di norma le condizioni di questi denti sono di non vitalità, per cui non è possibile la terapia di devitalizzazione. Consigliato è il trattamento canalare o l'asportazione chirurgica della cisti. Dalla sua descrizione e dalla diagnosi del suo odontoiatra, probabilmente si deduce che il suo dente sia in necrosi, per cui è possibile il trattamento canalare senza anestesia locale, nel caso che dovesse optare per la chirurgia, l'anestesia locale è d'elezione e indispensabile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Solo poche parole per dirle che un dentista che si rispetti riesce a fare l'anestesia senza neppure far sentire l'ago che entra nella gengiva. Se il suo non ci riesce, cioè, se le fa sentire male ogni volta...cambi dentista

Scritto da Dott. Alberto Ricciardi
Trebisacce (CS)

Gentile Angela, il suo dente è andato in necrosi, cioè è morto il nervo all'interno, proprio in questi mesi. La cisti che descrive è una sofferenza apicale, conseguente alla necrosi. Una buona cura canalare potrà far regredire questa lesione. Per quanto riguarda il fastidio dell'ago, si può risolvere usando un poco di cotone imbevuto di un anestetico locale che le addormenti la mucosa e non le faccia sentire assolutamente nulla quando l'ago entra nei tessuti. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sono d'accordo con la bella risposta del dr. Ricciardi (oltre che naturalmente le altre dei miei amici e colleghi). Voglio solo aggiungere che quello che lei cerca, forse, è la tecnica della sedazione cosciente con protossido d'azoto. La invito a leggere qualcosa nei miei articoli in proposito qui nel sito e poi, forse, se le interessa, può cercare un dentista che pratichi questa tecnica.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Angela la terapia endodontica è certamente la prima scelta del suo dentista che, come già sapientemente sottolineato dai colleghi, non le farà sentire nemeno l'ago. Cordialmente Orazio ischia

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Angela il suo dente come hanno precedentemente detto i mie colleghi è andato incontro ad un processo di necrosi "morte" del dente che ha portato alla formazione all'apice delle radici del dente stesso di una neoformazione chiamata granuloma il quale solo successivamente può trasformarsi in cisti. Il fatto che lei manifesti una sintomatologia da così poco tempo e non ha mai avuto nessuna sintomatologia prima mi fa pensare che si tratti più di un granuloma che di una vera e propria cisti. Le dico questo perchè con una buona terapia canalare il granuloma può scomparire mentre la cisti ha bisogno di essere asportata chirurgicamente con il sacrificio del dente coinvolto o con la resezione dell'apice o degli apici del dente a seconda che si tratti di un mono o pluri radicolare. Per quanto concerne il fattore anestesia il dente in questione non essendo vitale non necessita di nessuna anestesia, problema che nasce dal momento che si tratta di cisti in cui lei si dovrà sottoporre ad un piccolo intervento di enucleazione della cisti stessa. Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolino Di Giorgi
Militello in Val di Catania (CT)