Domanda di Invisalign

Risposte pubblicate: 8

Sono fondati i possibili problemi che potrebbe causare?

Scritto da mattep / Pubblicato il
Gentili dottori mi rivolgo a voi per diciamo così un ulteriore consiglio e parere medico. Dopo un lungo percorso nell'ultimo anno per curare alcuni problemi parodontali a gennaio/febbraio il mio dentista mi propone per tentare diciamo così di sistemare i miei denti ( che come vedete nella foto non sono certo messi bene come posizione) di mettere l'invisalign. Effettuato il clin check e responso trattamento di 11 mesi con 21 mascherine sopra e 17 sotto con poi alla fine mascherine contenitive. Tra impegni lavorativi e piccole indecisioni per il costo non propriamente economico in questo giugno partirò con il trattamento. Il mio stesso dentista mi ha detto che non riusciremo mai a raggiungere un risultato perfetto ma sicuramente miglioreremo la situazione, raddrizzando alcuni denti storti, e miglioreremo la masticazione. Devo dire che in questi mesi su internet ho letto di tutto su questo invisalign. E ovviamente mi sono concentrato sugli aspetti negativi. Tra quelli che mi hanno colpito sono stati: peggiora problemi parodontali già esistenti ( e qui mi sono chiesto se il mio dentista non abbia considerato questo fattore); causa squilibri neuromuscolari , ed è abbastanza doloroso. Ora senza dolore non si ottengono risultati e chi come me ha fatto da piccolo ben 13 anni di ortodonzia classica, tra placchette, elastici, apparecchi per allargare il palato sà che il dolore c'è. Cosa mi dite: mi avvicino con fiducia a questo trattamento? Sono fondati i possibili problemi che potrebbe causare? Vi ringrazio codialmente non solo per le risposte, ma per l'impegno e la dedizione che mettete al nostro servizio ogni giorno su questo portale per la cura della nostra bocca. Grazie Matteo
Parodontite Aggressiva dell'Adulto e sua Terapia e Riabilitazione Orale Completa e Complessa. Da casistica Parodointale del Dr. Gustavo Petti E Ortodontica della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Caro Signor Matteo, beh, c'è gnatologicamente un criss-cross sinistro, gengiva libera lucida perchè infiammata. Bisogna fare una visita parodontale completa!Diffidi di chi le proponesse terapie, in particolare ortodontiche, senza aver fatto una prima visita Parodontale con rilievo di tutte le eventuali tasche parodontali presenti in bocca e misurare in sei punti di ogni dente, ed impianto, di tutti i denti, senza che abbia poi fatto una preparazione parodontale iniziale completa con Rx endorali complete in proiezione Parodontale, medelli di studi gnatologici, igiene orale professionale in studio, curettage e scaling e root planing ed infine una seconda visita parodontale di rivalutazione con presa delle nuove misure dopo avere escisso il tessuto di granulazione, che falsava la prima misurazione delle tasche parodontali, col curettage e scaling! Solo così si arriva ad una diagnosi seria, si emette una Prognosi e si pianifica la terapia parodontale che deve essere fatta, se confermata la Parodontite e che tipo di Parodontite, prima della terapia Ortodontica che altrimenti è altamente lesiva per il parodonto e può arrivare a seconda della gravità all'espulsione dei denti oltre che inficiare l'Ortodonzia stessa!! Chiaro? Quindi in casi come il suo si deve prima attuare e completare la terapia parodontale con successo. Poi si può affrontare, dopo ceck up ortodontico e Cefalometria su teleradiografia e con foto del profilo e di fronte in rapporto 1:1Cordialmente e modelli di studio Ortodontici, diversi da quelli parodontali, l'Ortodonzia. Durante l'Ortodonzia si deve effettuare una terapia Parodontale di mantenimento fondamentalmente con Igiene Professionale e Curettage e Scaling a scadenze ben determinate ma non superiori ai tre mesi! Infine, a compimento della terapia Ortodontica, si deve rivalutare la Parodontite ed eventualmente reintervenire dove fosse il caso! Occorre una strettissima collaborazione tra Parodontologo ed Ortodontista che se fossero nello stesso studio sarebbe molto meglio! Inoltre, visto che l'ha nominata chiedendo un parere e proprio in una situazione clinica di Parodontite, anche se da confermare,riguardo l'invisalign, le devo dire per correttezza come la penso personalmente, pur ritenendo la tecnica con l'invisalign eccellente e che da risultati eccellenti: l'INVISALIGN usa delle mascherine trasparenti, il caso viene studiato negli Stati Uniti e non dal suo Dentista che si limita a raccogliere i dati (impronte con particolari portaimpronta trasparenti ai raggi X, forniti dalla Invisalign stessa, fotografie intraorali frontali e laterali dell’occlusione statica, fotografie extraorali del sorriso, profilo , frontale e a riposo ,Teleradiografia con tracciato cefalometrico e OPT) che invia negli USA alla Società inventrice di questa tecnologia, Align Technology, Inc. che si trova a Santa Clara, California. Qui avviene la acquisizione dei dati inviati, la scannerizzazione delle impronte che permettono la creazione con un sofisticato software di un modello a 3 D (tre dimensioni spaziali) e la creazione di un filmato detto Clin-Check, nel Computer del centro USA e sempre un software sposta i denti in tempo reale sul modello fino ad avere la correzione finale (CORREZIONE CHE AVVIENE NEGLI USA) e le varie fasi intermedie. A questo punto un sofisticato Robot Computerizzato fresa le mascherine per adattarle in modo preciso agli spostamenti che si devono ottenere e vengono inviate in Italia al Dentista che le ha richieste e così via con cambi e sostituzioni delle stesse fino ad ottenimento del risultato. Per onestà e serietà professionale confermo, come già detto, che la tecnica della Società ALIGN è veramente fantascientifica ed eccellente … che il Dentista oltre a raccogliere i dati fa anche una diagnosi cefalometrica…ma, e questo è IL CUORE CENTRALE DI TUTTO, GLI SPOSTAMENTI LI DECIDONO NEGLI USA, ed io , ripeto, per la mia "forma mentis", non "gradisco" che altri interferiscano e decidano per me! e trovo giusto esprimere liberamente la mia opinione personale,il fatto è che una tecnica che non dipenda da me, che non sia frutto della mia alta capacità decisionale e professionale, NON può appartenermi! IO sono un medico che non cura semplicemente per curare, per vagliare delle tecniche, per esercitare competenze! IO curo nel senso alto del termine: MI PRENDO CURA del paziente e voglio avere di lui la responsabilità piena, mi sento responsabile, ossia, ABILE nel RISPONDERE! Non voglio qualcuno che lo faccia per me, nel bene e nel male!!! Lega nel mio profilo tutto quello che riguarda le Parodontiti, tasche parodontali, Gengiviti, VISITA PARODONTALE, che non sto a citare per brevità. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Perdoni la franchezza, ma credo che questa decisione la avrebbe dovuta prendere prima. E' vero, (se mi è concessa la "licenza") possiamo dire che la metodica Invisalign potrebbe essere considerata come una nuova opportunità che si va ad affiancare alle vecchie (ma valide tuttora) scuole di ortodonzia mondiali. Ognuna con i suoi pro e i suoi contro, con i suoi rischi e i suoi benefici etc. etc. Ora, se il collega ritiene di potere risolvere i suoi problemi dentari con l' uso di questa tecnica, non se lo è inventato, ma ci è arrivato con lo studio di dati certi, (anche se un pò di tolleranza ci vuole). Quindi o si fida oppure no. A lei la scelta. Io di più, a distanza, non posso fare.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Carissimo sig. Matteo, ho trattato circa 500 pazienti con Invisalign le considerazioni che riporta debbo sinceramente dirle sono prive di fondamento. Se c'è un trattamento che non aggrava i problemi parodontali è proprio Invisalign perché le consente di mantenere un'ingente orale perfetta cosa che con qualsiasi tipo di trattamento ortodontico fisso è di fatto impossibile. Certamente questa tecnica ha dei limiti ma se il collega che la segue non si limita a far decidere al tecnico come fare il trattamento troverà sicuramente soddisfazione. Cordialemnte
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Condivido pienamente l'opinione dei colleghi

Scritto da Dott. Antonio Mininno
Corato (BA)

Il problema è che le mascherine sono un apparecchio mobile e quindi vanno portate con diligenza. Ma il vero problema è che ho seri dubbi che un cross byte così serio possa essere risolto dalle mascherine.. Si tratta di una malposizione ossea, non solo dentale: il palato è stretto.. Conviene farsi vedere da un ortognatodontista molto preparato. L'ide adi risolvere è un gran bene sia per l'estetica che soprattutto per masticazione, postura, salute orale e parodontale, salute generale, masticazione, digestione, schiena, postura etc etc
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Matteo, la tecnica da lei citata non gode ancora di grande letteratura accreditata, è una tecnica semplice alla portata di tutti basta saper prendere 2 impronte, per cui oggi è praticata non legalmente anche da alcune estetiste, senza il minimo studio del caso e senza saper affrontare le complicanze.. Nel suo caso se lei si è rivolto a un odontoiatra iscritto all'ordine dei medici non ci sono problemi, perchè lui ha studiato il caso e sa come affrontare tutte le complicanze che si possono avere con questa tecnica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile signor Matteo, dalla foto che allega, sembra impossibile che lei sia stato in terapia ortodontica per 13 anni (!!!). Adesso si accinge ad iniziare un nuovo trattamento ortodontico con la tecnica Invisalign. » una tecnica che risulta molto comoda per il paziente, oltre ad essere estremamente efficace. La sua efficacia dipende però essenzialmente dal dentista che pianificherà il trattamento e che le effettuerà la terapia. Come ha già avuto modo di osservare, la parte diagnostica (modelli rilevati con materiali di precisione e montati in articolatore, valli di occlusione in abituale e centrica, radiografie dell'ATM, radiografie delle arcate dentarie, radiografia del cranio, cefalometria, fotografie intraorali ed extraorali, ecc.) è molto complessa ed articolata, per poter giungere alla riproduzione virtuale in 3D della sua bocca (ClinCheck). Da questo ClinCheck di partenza il suo Ortodontista (lui e solo lui, non qualche folletto americano) effettuerà tutte le modifiche e gli spostamenti dentari in "virtuale", per ottenere la previsione del risultato finale e per far produrre in CAD gli allineatori o mascherine che sposteranno poi nella realtà i suoi denti. Si affidi con serenità e segua tutte le istruzioni che le darà il suo dentista, ed otterrà ottimi risultati, certamente migliori di quelli ottenuti dopo i 13 anni di pregresse terapie. Gli aspetti negativi che ha letto su internet sono tutti da sfatare: sul web si legge di tutto ed il contrario di tutto! Problemi parodontali? Assolutamente nessuno: potrà rimuovere le mascherine e pulire comodamente i suoi denti come invece non può fare chi porta l'apparecchio metallico fisso. Anche i microtraumi da malocclusione, tanto dannosi al parodonto, verranno annullati dalle mascherine che si comporteranno come dei sottilissimi bite. Squilibri neuromuscolari? Anche questo mi sembra assurdo: gli allineatori svincolano i contatti tra le arcate (appunto come dei semplici bite) ed aumentano la dimensione verticale (anche se solo di uno o due millimetri), per cui distendono la muscolatura masticatoria. "Abbastanza doloroso" come metodo? Avrà la bocca libera da ferri, placchette ed elastici, quindi sentirà solo la tensione dei denti che si spostano, per giunta anche ben distribuita nel tempo e non "caricata" tutta nei giorni in cui si cambiano gli elastici, come con le tecniche classiche: quindi minimo dolore. L'unica perplessità che mi sorge è riferita all'incertezza del suo Ortodontista nell'ottenere buoni risultati, e nel numero di allineatori previsti (21 sopra e 17 sotto), che mi sembrano un po' pochini per allargare le sue arcate e fare allineamento, centrare la linea mediana, svincolare la mandibola trattenuta dai precontatti con correzione del cross, e tutto il resto... Badi bene che il suo Ortodontista sia davvero esperto della metodica Invisalign! Per il resto le faccio i miei auguri per il conseguimento di un ottimo risultato che certamente può ottenere! Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signor Matteo comprendo le sue ansie per il timore di danni che possono derivare dalla terapia. Capirà bene che senza un esame clinico e un'accurata valutazione diagnostica del caso in esame non si possono dare risposte attendili ai suoi timori . Consulti un collega specialista in Ortognatodonzia che sicuramente saprà delle risposte più puntuali. Cordialmente Prof. Dott. Russo Ciro Odontoiatra Specialista in Ortognatodonzia.

Scritto da Prof. Ciro Russo
Frattamaggiore (NA)

Sullo stesso argomento