Domanda di Denti del giudizio

Risposte pubblicate: 13

Ho i denti del giudizio dell'arcata inferiore occlusi, in maniera orizzontale rispetto alla mandibola

Scritto da Stefania / Pubblicato il
Buongiorno, vorrei sottoporvi il mio caso che, sotto molti aspetti, risulta alquanto complicato, e non di facile soluzione (a meno di interventi alquanto invasivi, che però non mi sono ancora del tutto chiari). Ho i denti del giudizio inferiore occlusi, in maniera orizzontale rispetto alla mandibola, "coricati", diciamo così... L'arcata inferiore ha sempre spinto contro quella superiore, causando la sporgenza dei denti. Fino a qualche anno fa, comunque, erano allineati; poi il mio dentista ha pensato di estrarmi i denti del giudizio superiori, che risultavano sempre cariati, e da allora...tutto continua a spostarsi nella mia bocca. Ora i denti dell'arcata superiore...non sono più solo "leggermente" sporgenti...ma "eccessivamente", e si sono anche allargati, inclinati, ed uno risulta anche più sporgente dell'altro. Mi dicono che, per poter utilizzare un apparecchio ortodontico, dovrei estrarre i denti del giudizio; ma neanche in clinica lo hanno ritenuto un intervento facile, essendo i denti molto vicini alle ossa mandibolari, e affermando che l'intervento avrebbe causato delle complicanze di vario tip (paresi mandibolare, ecc..ecc...). Sono confusa, vorrei delle delucidazioni in merito, e mi rendo conto che i miei denti...continuano a spostarsi... Vorrei sapere in quale modo sarebbe più corretto intervenire. Vi ringrazio sin d'ora, se potrete chiarire almeno un pò i miei dubbi e rendermi meno confusa e preoccupata. Cordiali saluti
Una fase della visita Gnatologica
Cara Signora Stefania... non mi sembra particolarmente difficile il suo caso...magari complesso...forse...ma si ricordi che in Medicina e soprattutto in Odontoiatria esiste ciò che si sa fare e ciò che non si sa fare!...detto questo...i due denti del giudizio inferiori anche se hanno stretti rapporti con il canale mandibolare e il Nervo alveolare inferiore (da dimostrare con una TAC mirata...però)...si possono SEMPRE estrarre...basta isolare queste strutture anatomiche e procedere all'avulsione chirurgica...da parte di un bravo Chirurgo Maxillo Facciale...di cui l'Italia è piena essendoci ottime scuole di specializzazione ... per la mobilità dei denti...certo..la malocclusione...i cattivi rapporti delle due arcate...le disgnazie i traumi d'occlusione.-..tutta di competenza del Dentista Gnatologo ed Ortodontista...ma una mobilità così accentuata e visibile come almeno descrive lei...fa sospettare la possibile presenza di una Parodontite che magari si sovrappone alle precedenti patologie...poiché l'Ortodonzia si valuta con un Check up ortodontico per studiare piani...semirette ed angoli...e la Gnatologia con una visita ed impronte e poichè non è possibile procedere alla terapia di nessuna delle due se prima non sono stati valutati ed eliminati i problemi eventuali parodontali...le consiglio di fare prima una visita Parodontale e Gnatologica e poi una Ortodontica...legga nel suo interesse i seguenti link ai miei articoli su questo stesso portale... VISITA PARODONTALE ... LA PIORREA...QUESTA SCONOSCIUTA! ...Cordialmente Gustavo Petti Parodontologo e Gnatologo Ortodontista in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Stefania, lo sventagliamento dei suoi denti non va addebitato ai denti del giudizio che gli sono stati estratti (in quanto cariati ), ma va ricercata altrove. Prima di tutto indagherei sull'occlusione, sulla situazione parodontale, sulla deglutizione e sulla muscolatura. Mi sembra strano altresì che in clinica abbiano avuto problemi ad estrargli i denti inferiori ci faccia sapere

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Buongiorno signora, per una valutazione precisa del suo caso clinico bisognerebbe analizzare le radiografie, almeno la panoramica e possibilmente anche la latero-laterale. In linea di massima il suo dentista ha operato correttamente effettuando le estrazioni degli ottavi superiori. Per quanto riguarda il rischio relativo all'estrazione degli inferiori, esso è proporzionale alla vicinanza (rapporto) con il nervo mandibolare. Dovrà valutare lei se la soluzione del problema estetico vale il rischio legato all'estrazione chirurgica. Consideri che sopraggiungeranno problemi funzionali perchè tutti questi "spostamenti" producono un'alterazione della intercuspidazione dentaria creando precontatti e impedendo che la chiusura della bocca avvenga in posizione corretta, determinando nel medio-lungo periodo problemi all'articolazione temporo-mandibolare; inoltre i denti inclinati e affollati sono più difficili da pulire e più suscettibili a carie e gengiviti marginali. L'inclusione dell'ottavo è piuttosto frequente, per i casi più complicati si può studiare anche la TAC per valutare al meglio il rischio, e come le dicevo senza radiografie non potrò aiutarla oltre. Se dalla panoramica il dente appare nettamente separato da uno strato di osso dal nervo, al massimo potrà perdere parzialmente e temporaneamente (6 mesi - 1 anno) la sensibilità di metà labbro inferiore, e dovrà comunque avere pazienza e scrupolo nel seguire tutte le istruzioni post operatorie al fine di favorire la guarigione, considerando che l'estrazione del dente orizzontale incluso comporta la perdita di una porzione importante di osso mandibolare. Spero di averle chiarito un po' le cose, solo lei può decidere se eseguire il trattamento insieme al suo dentista di fiducia che sicuramente provvederà a chiarire suoi ulteriori dubbi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Deiana
Monserrato (CA)

Cra Sig.Ra Stefania, la problematica a cui lei fa riferimento non è sicuramente da imputare ai denti del giudizio, i quali non spingono assolutamente bensì al massimo si tratta di un "overplus" di crescita ( una sorta di scivolamento in crescita "inerzia"). Credo ci sia un coinvolgimento del parodonto peggiorato da una mal occlusione. Mi faccia sapere grazie

Scritto da Dott. Giovanni Vitale
Zafferana Etnea (CT)

Fantastica la risposta del Dr. Dettori: anche secondo me chi sposta i denti è la LINGUA. E come dice il dr. Petti, questo probabilmente accade perchè i denti stanno diventando meno forti dal punto di vista del sostegno parodontale e quindi purtroppo subiscono i movimenti imposti dalla lingua che ha una postura errata. Tutto ciò è una mia fantasia a distanza-web: un dentista ortodontista e soprattutto in via preliminare una logopedista che si occupi di terapia miofunzionale può aiutarla a capire che sta succedendo..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Il piano terapeutico mi sembra abbastanza semplice, forse non lo è l'avulsione dei denti del giudizio, ma un bravo medico sa quali sono i propri limiti e dunque procedere all'atto chirurgico o demendare ad un altro collega l'intervento. Tenendo presente le poche conoscenze che ho della sua bocca non vedo altre alternative all'estrazione dei denti del giudizio e all'applicazione di un apparecchio ortodontico.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig.ra Stefania, tutti i denti hanno dei movimenti che vengono, a essere minimi quando si raggiunge un equilibrio, che manca nella sua bocca. Uno studio approfondito del caso, con relativa diagnosi potrebbe portare risultati soddisfacenti.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Stefania, forse l’estrazione dei giudizi inferiori non è indispensabile per la sistemazione dell’occlusione. Con l’ortodonzia, anche invisibile, facendo soprattutto la rieducazione della deglutizione, in pochissimo tempo potrà sistemarsi impegnandosi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora, anche io le consiglio l'ortodonzia. A Catania trova il Dr. Davide Mirabella che sicuramente saprà darle ottimi consigli. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Vittorio Cacciafesta
Milano (MI)

Gent.le signora, la valutazione chirurgica della problematica inerente la posizione dei sui denti del giudizio, oltre che clinica deve essere soprattutto strumentale (quindi radiologica). L'esame radiologico e, più specificamente quello tomografico (TAC spirale)servirà a dirimere il dubbio in ordine alla posizione effettiva degli elementi dentari nell'ambito dell'osso mandibolare e dei sui rapporti con le strutture nervose limitrofe (nervo mandibolare). Successivamente potrà essere pianificato, se necessario, l'intervento chirurgico per la loro asportazione. Per quel che attiene, invece, l'altro problema, una valutazione ortognatodontica ed, eventualmente gnatologica, potrà aiutarla ad un effettivo inquadramento della patologia e, successivamente, ad una pianificazione dell'eventuale trattamento. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Scalisi
Riposto (CT)