Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 7

SEGUITO ALLA DOMANDA: Dovrei mettere 8 corone di protesi fissa in lega aurea e ceramica

Scritto da SILVIO / Pubblicato il

Vorrei approfondire di più sul lavoro che mi sta facendo il mio odontoiatra. Le otto corone che vi ho accennato sono il davanti della parte inferiore, mi ha dovuto togliere i due denti centrali, e limare gli altri sei. Nel preventivo dichiara di mettere lega aurea e ceramica. Quindi chiedevo, nel mio caso che percentuale di ORO, DI PLATINO E DI PALLADIO devono utilizzare per essere a norme sulle leghe dentali? Cordiali saluti

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/corone/7944_dovrei-mettere-8-corone-di-protesi-fissa-in-lega-a.html

Caro Signor Silvio, allora non non ci siamo capiti! Eppure le ho dedicato veramente molto tempo per spiegarle la complessità delle varie percentuali dei vari metalli presenti in una lega aurea nella mia risposta del 25 corrente mese! Le percentuali della lega che usa il suo Dentista le conosce solo Lui. Le chieda quindi a Lui. Non esistono percentuali a norma! Ovvio che ci deve essere Oro (Au)! Ma la percentuale dipende da quanto a lungo spiegato e che interessa solo il suo Dentista, non lei! Non è che ci deve essere una percentuale per una protesi inferiore da canino a canino o da premolare a premolare, se ne deve "limare" sei! Dipende dalla situazione clinica, dalla salute parodontale presente, dalla gnatologia presente come over bite e over jet! Io non posso saperlo e non importa che io lo sappia! Lo sa il suo Dentista! Parla di Platino, ma guardi che in una lega Aurea non è detto che ci debba essere il platino! Parla di Palladio, stessa cosa! L'unico elemento che deve esserci è l'Oro e la sua percentuale dipende dagli altri elementi presenti e dalla durezza, rigidità o elasticità etc che si voglia ottenere in quella situazione! Ma lei col suo Dentista ci parla o no? Si faccia dare la composizione dal suo Dentista, o almeno il nome della Lega aurea! Lei sta facendo una grande confusione perchè sta cercando di fare il Protesista e non il paziente! Stia tranquillo e sereno! Lo sa il suo Dentista come deve essere la composizione della Lega in quella situazione! Ripeto il solo elemento che ci deve essere per essere definita aurea è l'oro ovviamente in percentuali sufficientemente alte ma di cui a norma non esiste niente in proposito! Sappia solo che ci sono Leghe Auree a basso contenuto d'oro e altre ad alto contenuto d'oro! Ce ne sono altre a bassissimo contenuto ed altre ad altissimo contenuto! Dipende da cosa si vuole avere come risultato protesico! Volendo proprio fare i pignoli, in metallurgia protesica si definisce una lega aurea se ha una percentuale di oro dal 50,01% in su e più si avvicina al 100% e più è alto il suo contenuto. Di solito il Platino c'è in leghe con percentuali di oro dal 90% in su, ma non sono regole "legali"!Poi si può dire che più oro giallo c'è e più tenere ed elastica è la lega, con loro bianco è già meno tenera ma con l'aggiunta di platino diventa più elastica e con invece l'aggiunta all'oro bianco senza platino, di Palladio , la lega diventa più rigida e dura! Spero di averle fatto cosa gradita e risposta a quanto è nelle sue capacità di paziente, recepire! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Tutte le leghe dentali sono "a norma". Quelle non "a norma" sono illegali. Per una buona protesi l'uso di una lega aurea è IRRILEVANTE. La tecnologia CAD/CAM permette oggi l'esecuzione di OTTIME protesi straordinariamente precise. Ma la procedura è incompatibile con le leghe auree attualmente in commercio, perchè si giunge al manufatto protesico senza procedimenti di fusione. Però lei può sempre scegliere se mangiare un piatto disgustoso deposto su un piatto d'oro, o una prelibatezza deposta su un piatto d'acciaio. Perchè lei guarda solo il piatto?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gent.mo Sig. Silvio tutti i manufatti protesici eseguiti dal tecnico su indicazioni del dentista hanno una certificazione del laboratorio, con indicazione della marca della lega utilizzata e degli altri materiali. In alcuni casi le varie percentuali dei metalli della lega sono note, altre volte no. Questo dipende dalla casa fornitrice della lega, che per motivi vari ritiene di non specificare troppo le esatte percentuali dei metalli (salvo il fatto che per essere certificate queste percentuali devono essere note agli enti certificatori). Credo che a lei dovrebbe interessare che i materiali usati per confezionare il suo manufatto protesico siano a norma, ossia rientrano tra quelli autorizzati per l'utilizzo in bocca. In qualche caso le percentuali sono note in altri no. Il suo dentista potrebbe non conoscere le esatte percentuali dei metalli se la casa produttrice non le comunica. Questa informazione è possibile reperirla su richiesta del suo dentista alla casa produttrice stessa; in questo caso la casa produttrice è obbligata a fornire queste informazioni. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)

Ci pone la domanda perché non si fida della risposta del suo dentista o non le ha posto la domanda o peggio ancora pensa che il suo dentista la stia 'fregando'? In ogni caso, la risposta solo lui la potrà dare se si fida, se non si fida le consiglio di cambiare e non chiedere lumi a chi non potrà dargliene. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Sig. Silvio, non esistono leghe dentali non a norma, sapere la composizione della lega ha pochissima importanza, rispetto alla precisione, al rispetto dei tessuti molli, al rispetto gnatologico, al rispetto estetico, al rispetto funzionale, al rispetto igienico e soprattutto al rispetto che dovrebbe avere verso il suo odontoiatra, che con mani esperte le ha ridonato una masticazione e un sorriso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Mi spiace ripetermi perché lei non ha capito per colpa della mia scrittura infelice. E' irrilevante il titolo (quantità x1000) della lega, è decisiva l'accuratezza di lavorazione, e questa accuratezza è permessa solo da un titolo alto. (Questa corrispondenza è univoca.) Inoltre ha grande valenza il tipo di progetto. Sei corone per mettere due denti piccoli davanti sono una combinazione che salta all'occhio della mente. Lei deve avere una bocca molto speciale per dover sottostare a questa strana necessità. Se lei soffre d'insonnia le dò lo spunto per altri pensieri: Il ponte è monoblocco o in più sezioni? In ogni caso ci vorranno saldature, o in fiamma libera o al laser. Gli sposizionamenti micrometrici sono un agguato della sfortuna, e bisogna saperli riconoscere, e avere la voglia di rimediarli. Infine bisogna temere che la cementazione di otto elementi in blocco è faccenda terribilmente seria. Se la prescrizione è tassativa, servono mani esperte e mente navigata. Altrimenti si troverà una bocca che non è più la sua, perché il manufatto protesico ha tradito il suo schema corporeo abituale, e lei si sentirà a disagio. In questo caso ci scriva nuovamente. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Se non si fida del suo dentista sull'uso della lega se le faccia fare in Zirconia sono più belle perché senza metallo anche se più costose. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Pierpaolo Fioretti
Pisa (PI)
Carmignano (PO)