Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 8

Dovrei mettere 8 corone di protesi fissa in lega aurea e ceramica

Scritto da SILVIO / Pubblicato il
Dovrei mettere 8 corone di protesi fissa in lega aurea e ceramica. Ad una vostra risposta al signor Roberto che vi chiedeva di queste leghe nobili voi gli avete risposto, che di regola una buona lega nobile deve avere almeno ORO[57,5%]PLATINO[18%]PALLADIO[2.4% chiedo una volta finito il lavoro, come farò a sapere se realmente a utilizzato queste percentuali di leghe. Aspetto vostra risposta. CORDIALI SALUTI.
Sig. Silvio, sicuramente il suo odontoiatra è in grado di fornirle una certificazione della lega utilizzata nella sua riabilitazione. Si ricordi che la buona regola secondo un professionista, non è scienza matematica, perché non esiste una riabilitazione uguale ad un altra. In molti casi dove la ceramica non può permettersi di staccarsi o rompersi si utilizzano delle leghe vili, che consentono un ottimo ossido dove la ceramica aderisce con forza chimicamente, ottenendo manufatti estetici e robusti molto economici. Parola di odontotecnico.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Signor Silvio, le percentuali dei metalli costituenti le leghe nobili o vili di uso odontoiatrico sono molto variabili. Se le interessa conoscere il tipo di lega metallica utilizzato per la sua protesi, chieda al suo odontoiatra la certificazione di produzione rilasciata dall'artigiano. Però non si aspetti una lega simile a quella utilizzata per i monili da gioielleria, perché le leghe per uso sanitario sono molto differenti da quelle per uso ornamentale. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Chieda la certificazione del lavoro effettuato ed avra' una documentazione scritta di cio' che le e' stato messo in bocca.

Scritto da Dott. Luciano Rita Maria Amelio
Catanzaro (CZ)

Protesi in Lega Aurea e Platino quasi pura con tracce di altri elementi per riabilitazione in un caso clinico complesso e particolare in cui occorreva moltà elasticità in zone posteriori. Da casistica Protesica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo Protesista di Cagliari
Caro Signor Silvio, il discorso è molto più complesso di quanto Lei possa immaginare e comprendere! Le leghe auree sono leghe con varie percentuali di oro e di altri metalli nobili e meno nobili che conferiscono alla lega stessa e quindi alla corona protesica, una duttilità, una precisione, una durezza differente a seconda della situazione clinica e del contesto clinico protesico in cui devono agire! Per esempio, denti di un Parodontopatico, ovviamente curato con la chirurgia ossea ricostruttiva e o rigenerativa, possono mantenere una certa mobilità che deve essere stabilizzata protesicamente con corone costituite da leghe auree sufficientemente dure a seconda della mobilità e della salute parodontale ottenuta, a volte ed a volte invece, proprio per la presenza di un osso curato parodontalmente in un certo modo, occorre invece una lega molto più tenera. Nel primo caso, serve quindi, nella lega aurea la presenza di particolari elementi che la "induriscano" come per esempio il Palladio ed allora avremo una Lega con diverse percentuali di  Au ORO  Pd PALLADIO  In INDIO  Ga Gallio  Ru Rutenio metallo usato come agente indurente in gioielli e leghe auree  Re Renio metallo di transizione bianco-argenteo, raro, pesante, catalizzatore Oro e Platino. Nel secondo caso e se invece i denti fossero sostenuti da un Parodonto sano e fossero posteriori quindi con grandi stress occlusali da sopportare, sarebbe meglio che ci fosse una lega aurea più tenera, quindi priva di palladio per esempio con •Au (oro) •Pt (Platino) •Ag (Argento) e tracce di •Cu (Rame) •In (Indio) •Ir (Iridio) •Zn (Zinco) •Ta (Tantalio) e così via per diverse decine e decine di combinazioni che deve scegliere il Protesista a secondo delle funzioni che deve assolvere la Protesi Fissa in Quella Situazione Clinica di Quella Bocca! Perchè cambiando la composizione della Lega, varia il Peso Specifico e quindi le proprietà metallurgiche della lega stessa!!! E' Chiaro? Quindi solo il suo Dentista può scegliere che lega Aurea serva e badi bene anche non aurea per quella particolare situazione! In ogni caso il Dentista deve rilasciarle il Certificato di Conformità con il nome della Lega usata e certificata dal Laborotario Odontotecnico e controfirmata dal suo Dentista! Dal nome può risalire alle varie percentuali dei vari elementi contenuti! Tra l'altro, l'oro può essere giallo ed è più tenero ed elastico (se servissero queste doti) o Bianco e lo sarebbe di meno etcetcet) e non è detto che per quella situazione clinica sia megliore una lega ad alto contenuto aureo e di platino invece di una lega a basso contenuto aureo e senza platino e così via! Ovvio poi che se parliamo di "preziosità" l'oro-platino è la più preziosa, ma, ripeto, non è detto che sarebbe la più adatta in quella situazione! Da tutto ciò può evincere che fare Protesi sia una specialità Odontoiatrica complessa che richiede capacità e cultura non indifferente!Le lascio un mio esempio di Protesi in Lega Aurea e Platino quasi pura con tracce di altri elementi per riabilitazione in un caso clinico complesso e particolare in cui occorreva moltà elasticità in zone posteriori ed in cui sono stati preparati i monconi in un modo particolarissimo, detto ddifferenziato con approffondimento del "barreling in". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Silvio oltre alla certificazione che potrà chiedere al suo dentista, rilasciata dal laboratorio che farà il lavoro, penso che dovrebbe avere anche un po' più di fiducia nel suo medico....! Un bravo professionista, non le metterebbe mai in bocca qualcosa diversa da quella che le ha promesso...!

Scritto da Dott. Andrea Calandrino
Castelvetrano (TP)

Gentile Sig. Silvio, il tipo di lega usato deve essere indicato nel certificato di conformità. Detto questo il tipo di lega ad alto contenuto in oro che lei cita non è detto sia indicata in tutte le situazioni. Deve essere il dentista che esegue il lavoro a scegliere la lega migliore per il suo caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Silvio, certamente nel certificato di conformità troverà che il dispositivo medico su misura è stato realizzato con i materiali previsti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Bella domanda. I metalli nobili sono quattro: oro, argento, platino e palladio. Questi metalli non si usano mai puri, e quindi dobbiamo parlare di leghe. Quindi io mi riferisco alla lega di una certa marca svizzera, per via d'esempio, nelle diverse formulazioni per usi diversi. Nessuna lega può avere un titolo basso, altrimenti un ponte nella mia bocca potrebbe arrugginire. Eppure le leghe per ponti con la porcellana sopra non possono avere un titolo altissimo, perché se non fanno ossidi non legano con la porcellana. La porcellana dentale non deriva dal caolino bruciato, come accadeva ancora nel secolo scorso. Oggi è una vetrochina, che sarebbe un vetro gorilla che cuoce ad una temperatura inferiore alla temperatura di fusione della lega di supporto. Adesso l'odontotecnica è molto facilitata. Lei ha diritto di conoscere la scheda tecnica della lega usata. Potrebbero però darle una carta e usare un materiale diverso. A questo punto l'accettazione è fiduciaria: chi le mette le mani in bocca usa guanti puliti? Chi la cura è sieropositivo nel corpo cioè curabile, o è sieropostivo nell'anima cioè incurabile? Chi sterilizza fa o fa finta? Chi fa la rx la fa o fa finta mostrando una rx da campionario come dimostrazione dei suoi problemi? Studi bene il suo referente, anche con domande impertinenti, che non abbia tre famiglie da mantenere e disastrosi debiti di gioco. Se lei trova il suo uomo nell'elenco dei protesti bancari, costui potrebbe essere portato a fondere le maniglie delle porte per fare denti e soldi con urgenza. In conclusione, si metta con persone serie, che abbiano mani esperte e mente coltivata. Vicini di casa, o di scuola, o di club, o di tribuna o di parrocchia. Si affidi e non ci pensi più. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia