Menu

Domanda di retrazione gengivale

Risposte pubblicate: 6

Potrebbe essere un capillare che mi provoca il sanguinamento?

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Dopo un intervento di innesto gengivale con prelievo di tessuto dal palato su un punto dove già fatto un prelievo 9 mesi fa, mi e successo per 2 giorni alterni che appena alzato da letto incomincio a sanguinare copiosamente dal palato che poi blocco facendo pressione come mi aveva spiegato il mio dentista, il quale mi a già controllato e per lui la ferita sta guarendo,la mia domanda e potrebbe essere un capillare che mi provoca il sanguinamento?
Posso rassicurarla che lei non corre un pericolo di vita, anzi le assicuro che lei guarirà in tempi brevi. Dia tempo al tempo. Buona fortuna!..........

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Sig. Andrea, dopo 9 mesi, non è corretto che sia presente la ferita chirurgica in guarigione. Occorre nuova diagnosi certa, con accertamenti diagnostici ben precisi. Le consiglio di non abbandonare il problema fin che non è risolto.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

06.jpg
Se ho ben capito, il prelievo è stato fatto di recente da un sito dove ne era già stato fatto un altro 9 mesi fa. I primi giorni un certo sanguinamento è possibile e non si tratta di un capillare bensì di rami periferici dell'arteria palatina che si trova nelle vicinanze. Cerchi di non traumatizzare la zona evitando cibi duri ed eviti le sostanze calde. Vedrà che, nel giro di qualche giorno, il sanguinamento passerà.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Se si tratta di un nuovo prelievo recente, può essere normale.. Quando ha effettuato il nuovo prelievo?? Pochi gg fa?? Vada subito da chi glielo ha fatto, mi sembra ovvio. Si faccia visitare!

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

letto-innesto-gustavo-petti-ca-053.jpg
Caro Signor Andrea buongiorno. Non si preoccupi e si faccia controllare dal Suo Dentista. Personalmente per evitare o ridurre al minimo questa complicazione, personalmente faccio una sutura particolare del letto donatore, da me "ideata", dopo aver prima localizzato e "clippato" con un punto profondo, l'arteria palatina ed inserito nella sutura del letto donatore fibrina artificiale o PRP, PRF (Piastrine ottenute dal sangue centrifugato, prelevato dal paziente stesso), in passato prima dell'avvento dell'HIV si usava la colla di fibrina umana omologa = Nel PRP le piastrine sono integre e vengono iniettate nel sito chirurgico, senza l'avvenuta degranulazione, in quanto non attivate col Cloruro di Calcio e solo lì, per la superficie ruvida del sito, che si rompono e rilasciano i Grow factors = fattori di crescita, nel PRF è avvenuta la degranulazione, per rottura delle piastrine durante la centrifugazione tale che il risultato ottenuto è il coagulo di fibrina, che viene innestato a mo' di membrana creando i presupposti ideali per avere una GTR (Guided Tissue Regeneration = Rigenerazione tissutale guidata). Proteggendo poi il tutto con un "Cerotto Chirurgico particolare" che si usa in Chirugia Maxillo Facciale e Parodontale e che ha la caratteristica di aderire ai tessuti mucosi anche se sanguinanti ed "Umidi". Capacità che aumento, sempre con un mio metodo personale, suturando il cerotto alla mucosa gengivale aderente circostante che ha doti antinfettive, anti sanguinanti e anti dolorifiche oltre che anti flogistiche. Le lascio una foto in cui vedrà in basso indicato in caratteri gialli il cerotto suturato e ricoprente il letto donatore palatale e vestibolarmente, L'innesto libero di Gengiva incollato col PRP. In alto, indicato in caratteri azzurri, l'impacco Parodontale chirurgico a protezione dell'innesto libero di gengiva aderente. Quando fosse possibile, personalmente, sollevo un piccolo lembo a spessore parziale, nel palato, e prelevo un rettangolo di tessuto connettivo che poi modello ed uso per innestarlo nel letto ricevente e richiudo il lembetto palatale con due punti di sutura e non si ha sanguinamento né dolore e rende l'intervento meno cruento. Cari Saluti :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Sig. Andrea, nelle zone del prelievo il sanguinamento è frequente, poi se si tratta di nuovo tessuto è molto probabile. Se il suo dentista ha già visto la ferita e non vi trova nulla di anomalo penso che presto tutto si risolva. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)