Menu

Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 24

Portatore di dentiera arcata superiore da decenni, sto pensando di inserirne una fissa

Scritto da franz / Pubblicato il
Portatore di dentiera arcata superiore da decenni sto pensando di inserirne una fissa, ma dalla tac effettuata è risultato che non ho quasi più osso. Sottoposto a visita, il dentista mi ha sconsigliato rialzo del seno mascellare, ma mi ha proposto un circolare con elettrosaldatura, ad aghi così specificato: 11 impianti - 1 circolare, 11 provvisori facendomi vedere al computer tutta l'operazione che dovrei sostenete . Poichè ne sento parlare poco, gradirei sentire il parere di altri professionisti. Già in passato mi era stato sconsigliato il riempimento, anche artificiale, arcata superiore. grazie Franz
Le tecniche ricostruttive-rigenerative sono ormai standardizzate ed utilizzate da decenni, come pure il rialzo del seno mascellare. Senta anche altri pareri in virtù del fatto che urgenza mi sembra di capire non vi sia per cui può sicuramente prendere la decisione con tranquillità affidandosi a chi le ispira fiducia, cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Treviso (TV)

Gentile Sig. Franz, la soluzione prospettata dal suo dentista è una tecnica recente che, grazie alla sincristallizzazione degli impianti, consente un carico immediato ed un ripristino della funzionalita masticatoria ed estetica, sempre a condizione che la situazione ossea del mascellare lo consenta; viceversa, si può ricorrere ad una overdenture con sei impianti nella zona della pre-maxilla. Personalmente eseguo tale metodica con buoni risultati. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile Franz, esistono varie tecniche per inserire impianti in una zona con insufficiente quantità ossea e quella proposta è una di queste. Credo che il suo dentista sia stato molto professionale spiegandole e simulando l'intervento con i vari passaggi al computer.Se comunque non è convinto può richiedere altri consulti per scegliere il metodo che le ispira più fiducia. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Caro Signor Franz, lei ne sente parlar poco ma è un'implantologia che si fa da circa la fine degli anni settanta! Se ha bisogno di cercare conferme a quanto le dice il suo Dentista, significa che non si fida di lui ed allora cosa ci sta a fare? Valuti il suo grado di stima e Fiducia in Lui e poi se fosse molto basso, si faccia visitare da un'altro Dentista e vada a "pelle" e rimanga fedele a chi le ispira competenza, stima e fiducia (segua il tam tam di voi pazienti, visiti il suo sito personale e cerchi di capire se si tratta di persona colta e studiosa o no!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile sig. Franz, quello che indica cosa fare è un dental scan che specifichi i diametri e le profondità, oltre che la densità dell'osso. Credo che anche gli aghi abbiano necessità comunque di una profondità di inserzione, si informi presso la casa costruttrice per valutare la tipologia dei casi clinici. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)

Gentile sig Franz, è certo che il rialzo del seno mascellare è una tecnica non alla portata di tutti, ma se eseguita correttamente da ottimi risultati. Come tutte le tecniche chirurgiche ha degli insuccessi e questi vanno valutati. D'altro canto una percentuale di insuccessi è presente anche nella tecnica implantare che le hanno proposto. Per cui si affidi a chi le ispira fiducia, pur sapendo che in ogni intervento ci sono delle possibilità di insuccesso. Se vuole minimizzare i rischi si limiti a far inserire gli impianti nella zona in cui è presente dell'osso valutando di conseguenza il miglior manufatto protesico con il numero di impianti che è possibile inserire.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonino Albanese
Palermo (PA)

Caro sig. Franz non conosco la sua situazione ossea, ma vorrei conoscere questi nuovi impianti ad ago ( si usavano 30 anni fa)

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Gentilissimo sig. Franz: le risposte che le sono state date sono tutte correttissime. la proposta del suo dentista e' corretta. e' una tecnica da anni praticata e collaudatissima. una domande le faccio io: ma perché ha bisogno di consultarsi ancora?. Il dentista che dovrebbe chiamarsi odontostomatologo e' un medico. se lei ha fiducia nel suo medico..... allora proceda. Grazie.

Scritto da Dott. Franco Saullo
Biella (BI)

Gentile sig.Franz sicuramente la soluzione proposta dal collega potrebbe essere per lei valida dipende anche dalla sua disponibilità ad intraprendere un lavoro sicuramente impegnativo. Visto che non ha urgenza senta qualche altro parere e poi valuti e tragga le somme con chi le dà più fiducia:deve essere lei prima di tutto e prima di iniziare un lavoro così importante, assolutamente convinto e motivato. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Annalisa Ciriello
Vigonza (PD)

Sig. Franz, il suo dentista le ha proposto un lavoro che cambierebbe completamente e radicalmente il suo modo di vivere...se le trasmette fiducia e tutte le garanzie possibili che dirle...in alternativa quasi sempre c'è la possibilità di stabilizzare la protesi su un numero minore di impianti!

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)

Salve Franz. Sono daccordo coi colleghi sulla possibilità di effettuare il rialzo in quanto tecnica consolidata. Come dice lei stesso è importante il parere di più odontoiatri..ma recondosi di persona dai suddetti professionisti provvisto degli esami radiografici idonei. Cordialmente, Gianluigi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Buongiorno sig. Franz, certamente disporre di una protesi fissa superiore le cambierebbe la qualità di vita in modo straordinario. La mancanza d'osso può trovare una soluzione oltre a quella proposta dal suo Dentista, anche con l'uso di impianti zigomatici che le consentono di montare una protesi fissa provvisoria poche ore dopo l'inserimento degli impianti. Si tratta di una tecnica che ha probabilità di successo estremamente elevate. I dati pubblicati sono veramente straordinari. Il vantaggio principale che da questa tecnica è rappresentato dal fatto che con 1 solo intervento risolve il problema. spero di esserle stato utile
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Gentilissimo Sig. Franz, come le è stato già detto, sicuramente passare da una protesi mobile (Dentiera) ad una fissa le cambierebbe sicuramente la vita in senso positivo, inoltre le aggiungo che oggigiorno esistono tantissime possibilità terapeutiche per i pazienti edentuli anche con estreme atrofie ossee, quindi come già detto, non essendoci urgenza valuti con accuratezza questo passo che lei desidera fare. Distinti saluti.

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)

Gent. Sig. Franz, Il suo dentista si è comportato in maniera corretta e le ha illustrato la tecnica da lui adottata. Non avendo, evidentemente, urgenza, le consiglierei di sentire qualche altro parere (che non sia solo telematico) per eventuali alternative.

Scritto da Dott. Riccardo Baucia
Castano Primo (MI)
Cavenago di Brianza (MB)

Gentile sig. Franz non posso che concordare con i miei colleghi, l'unico consiglio è quello di fidarsi del suo dentista. Buona vita

Scritto da Dott. Silvano Siniscalchi
Castelfidardo (AN)

Sig. Franz, non c'è urgenza sono decenni che è in questa situazione. La tecnica proposta risale agli anni 70 oggi rispolverata e rivista. Le consiglio di richiedere di essere informato per iscritto, di tutte le possibili complicanze comprese quelle estetiche. Inoltre chieda spiegazioni del perchè non è indicata la semplice tecnica "all on four".

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile paziente, da quello che ho letto della sua storia, deduco che ha perso molto osso, sia in senso verticale che orizzontale. Orbene, la perdita di dimensione verticale è stata sopperita con gengiva artificiale sulla sua protesi mobile. Tutto ciò per mantenere corretta la sua masticazione. Nel suo caso valuterei attentamente la possibilità di posizionare degli impianti senza effettuare degli innesti ossei, proprio per ridare una dimensione ottimale al sostegno degli impianti. Seppure si potessero inserire degli impianti, la parte emersa avrebbe una notevole altezza fuori dall'osso. Ci mandi magari una sua panoramica (meglio sarebbe una TAC). Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Scandale
Roseto degli Abruzzi (TE)

Spero non si tratti degli aghi di Shalom di 40 anni fa. Se si, il mio consiglio è di lasciar perdere: è una tecnica in disuso ormai da decenni perchè superata dall' implantologia osteointegrata. Se l' osso è scarso, non è questo il modo di aggirare il problema; esistono varie tecniche di incremento osseo che le consentiranno, a guarigione avvenuta, di inserire impianti di ultima generazione.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Egregio Signor Franz, al di là del suo scetticismo, mi sembra molto interessante la proposta a lei fatta dal suo dentista, veda è un'ottima soluzione, che le consentirà di riabilitare la sua edentulia totale dell'arcata superiore. Questa tecnica è ormai già innovativa per gli addetti ai lavori,l'importante è fidarsi a chi lei si sottoporrà, le invio in questa foto allegata la procedura chirurgica standard, ma solo per farsi una piccola idea, di come verrà effettuata tutta la procedura chirurgica e protesica. cordiali saluti dr. Tommaso Giancane
CONTINUA A LEGGERE
implamed-bis.jpg

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)

Gentile paziente, la soluzione scelta dal suo implantologo è una ottima soluzione, purtroppo spesso non capita da molti implantologi. La saldatrice endorale ha reso questa soluzione estremamente affidabile e assolutamente all'avanguardia. Probabilmente non si tratta solo di aghi (Aghi di shalom), ma si un misto di impianti saldati fra loro. Nella zona dove farà il rialzo di seno mascellare lei, al termine dell'intervento, avrà a disposizione osso in spessore più che adeguato, e sicuramente il suo implantologo introdurrà un tipo di impianti diverso, più adeguato alla situazione, e sceglierà l'impianto sulla base della situazione ossea della zona, riservandosi l'uso degli aghi nelle situazioni di assoluta carenza, quando non si può mettere altro. ----- In quest'articolo http://www.dentisti-italia.it/dentista/implantologia/511_all-on-4.html espongo la metodica dell'elettrosaldatura e i principi guida. Si fidi del suo implantologo. Le sta proponendo IL MEGLIO disponibile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Cuneo (CN)

Sicuramente gli aghi possono essere una soluzione che personalmente non conosco e non applico in alternativa potrebbe pensare a una Toronto bridge o ad una protesi su barra con chiavistelli o meno con le tecniche moderne anche se vi e la mancanza di osso e possibile aumentare la cresta in modo abbastanza semplice resta sempre la possibilità in caso ci sia un Po di spazio all'inserimento di impianti da 2,8 di diametro e fissare quindi la protesi a dei bottoni passivi Saluti

Scritto da Dott. Lorenzo Bontempelli
Correzzana (MB)

Caro Sig. Franz, Ad oggi la tecnica implantare accettata in tutto il mondo a livello scientifico e clinico è l'implantologia osteointegrata. Per quanto riguarda il suo caso si potrebbe valutare la riabilitazione con protocollo All on Four (ideato dal dr Paulo Malo' di Lisbona) nata proprio per restituire il "sorriso fisso" a chi ha perso tutti gli elementi dentari, senza dover effettuare nessun intervento di rigenerazione ossea. Su questa tecnica sono stati pubblicati numerosissimi studi clinici scientifici che ne provano la validità. Le segnalo qualche articolo non scientifico che però spiega questa metodica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)

Signor Franz la tecnica che le propongono affonda le sue radici teoriche e pratiche al tempo pionieristico dell'implantologia, ed ancora oggi è validissima, specie perchè le consentirebbe il minimo impatto chirurgico. Inoltre in generale, cosa che non guasta, costa meno che altre riabilitazioni più complesse. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)

Caro Franz questa operazione mi sembra molto strana sia dal punto di vista estetico che meccanico. in quanto lei ha perso molto osso l'estetica peccherà di sicuro perchè per una corretta dimensione verticale dovrà fare dei denti molto lunghi e poi gli impianti ad ago sono in disuso da decenni a sto punto fa prima a inserire delle viti da carpentiere......il mio consiglio è di fare un grande rialzo di seno e poi inserire degli impianti con maggiori proprietà meccaniche. anche se alla sua età le consiglierei più un overdenture che una protesi fissa su almeno 8 impianti si strapazzerebbe parecchio, vada a fare una visita da un altro specialista distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.