Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 11

Sono una ragazza di 21 anni ed ho appena scoperto di avere ancora due denti da latte

Scritto da Margherita / Pubblicato il
Salve Dottori, sono una ragazza di 21 anni ed ho appena scoperto di avere ancora due denti da latte, ovvero i due canini. Ho eseguito una RX panoramica, che vi allego di seguito, dove, come potete notare si vede la presenza dei denti sotto. Inoltre mi è stato riscontrato un morso crociato monolaterale. Premetto che i denti da latte non mi danno nessun fastidio e sono abbastanza resistenti, ma quale soluzione devo prendere in considerazione? Sperare che i denti da latte non mi cadano o intervenire, mettendo l'apparecchio ed intervenire anche chirurgicamente? Se si, otterrò alla fine un ottimo risultato? secondo voi quale può essere la soluzione migliore? Vi prego di aiutarmi perché ho davvero paura di prendere una decisione sbagliata che possa darmi problemi in futuro. Vi ringrazio in anticipo Dottori.
Non è il caso di disperarsi perché i canini ritenuti non sono causa di morte precoce, almeno alla data nella quale questa nota viene scritta. Il suo buon senso vale più della sapienza del peso massimo tra i dentisti di tutto il mondo. Lei ha solo bisogno di affidarsi ad un dentista coscienzioso e sapiente, che le voglia bene come un fratello maggiore. E' sempre meglio fare domani quel che si farebbe oggi, da ripetere ogni giorno. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

La disodontiasi dei canini superiori è una situazione relativamente frequente. In genere è legata ad un deficit di spazio dell'arcata superiore spesso conseguenza di un deficit di crescita della mandibola.
La posizione evidenziata in foto fa pensare ad una concreta possibilità di recupero.
Naturalmente deve individuare la causa della disodontiasi e lavorare su quella per ottenere lo spazio che serve per poi intervenire con un piccolo intervento mirato ad agganciare i denti per metterli in trazione.
Sconsiglio vivamente di pensare ad una soluzione protesica che porterebbe ad un lavoro notevolmente piu' demolitivo per ottenere alla fine due piccoli dentini non suoi lasciando anche invariati tutti gli altri problemi.
Si affidi ad un ortognatodontista e si faccia analizzare seriamente la situazione.

dr. Costantino Volpe - Salerno
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Sicuramente la soluzione ortodontica è la scelta migliore. L'ortodonzia dovrà essere accompagnata da un piccolo intervento di chirurgia orale rivolto ad esporre i due canini inclusi per poterli "agganciare" e poi tirare verso l'esterno. Non perda tempo perche alla sua età è tutto più facile.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile Margherita l'ortodonzia è una materia ampia e come tale presenta numerosi vantaggi e svantaggi a seconda delle tecniche utilizzate e a seconda delle decisioni prese, pertanto deve valutare col suo dentista di fiducia i vantaggi e gli svantaggi di qualsiasi strada lei voglia intraprendere per essere correttamente informata. Deve cercare di capire dentro di se cosa vorrebbe fare perché ad esempio ci sono pazienti che a tutti i costi vogliono togliere i denti da latte mentre ci sono pazienti che vogliono tenerseli ed aspettare a quando cadono per poi prendere una decisione.
Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Zobi
Napoli (NA)

Dato la tenera età il consiglio è di affidarsi ad un ortognatodontista specialista e faccia il trattamento ortodontico con il relativo interventino il trattamento puo sembrare lungo ma gli anni passano subito e il problema le rimane tutta la vita

Scritto da Dott. Andrea D'Ambrosio
Orta di Atella (CE)

Premesso che ci sono mille motivi per recuperare i canini definitivi e metterli al loro posto, bisogna vedere se si può fare. Perchè i canini da latte non sono caduti e i definitivi sono rimasti inclusi? Forse mancanza di spazio. Forse mancanza di spazio per un palato stretto: il morso crociato unilaterale lo dimostra, ed è fondamentale risolvere preliminarmente questo difetto, creando appunto lo spazio per i canini definitivi, anche per via della possibilità di disturbi posturali a distanza... Etc. Premesso che bisogna fare una accurata indagine diagnostica preliminare (modelli, cefalometria, analisi ortodontica etc), se si può ottenere un riposizionamento dei canini definitivi al loro posto, questa è una via da seguire con grande impegno e valore. I canini da latte possono durare ancora un po' ma poi cadranno.. E la meccanica della bocca, e l'estetica, prevedono che i canini stiano al loro posto per ottenere una funzione durevole nella vita e i decenni successivi, con estetica perfetta, masticazione perfetta, etc. Quindi, se come probabilmente sembra sia possibile rimetterli al loro posto tramite un trattamento ortodontico ben fatto, questo è l'unico consiglio possibile, vista anche la giovane età che invoglia a non seguire vie alternative o scorciatoie: non c'è nulla di migliore che riposizionare i canini nell'ambito di una occlusione perfetta e perfezionata dal trattamento ortodontico. Ci saranno solo grandi vantaggi. Ricordati che ... l'apparecchio è per un po'.. e il sorriso.. per sempre!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Margherita, buongiorno. "ho davvero paura di prendere una decisione sbagliata": rispondo: guardi che non è Lei che deve prendere decisioni ma è il Dentista!!! Si deve valutare la possibilità realistica di "portare fuori" i canini inclusi ed allinearli. O si fa una Lastra Cone Beam o bastava e sarebbe stato più efficace per la Diagnosi Una Rx occlusale Evidenzia i contorni del canino incluso che, se posizionato all'interno della linea che idealmente unisce gli apici degli altri denti, è palatale, mentre, se posto all'esterno, è vestibolare. Regola della Posizione Vestibolare: Se l'angolazione verticale del cono cambia di circa 20° in due lastre successive, il Canino vestibolare si sposterà in direzione opposta alla fonte di radiazioni. In caso contrario di canino palatale, esso si sposterà nella stessa direzione della fonte di radiazioni. Rx endorali con incidenza diversa (regola di Clark o tecnica dello spostamento del tubo). Se il canino si sposta nella stessa direzione del tubo radiogeno, la diagnosi è quella di inclusione palatale. Se il canino si sposta in direzione contraria a quella del tubo radiogeno è in inclusione vestibolare. Infine, se il canino non cambia posizione, è in posizione intermedia, in senso vestibolo-palatale. A questo punto della diagnosi si interviene ortodonticamente, dopo ovviamente diagnosi cefalometrica e ceck up ortodontico, come detto sopra, qualora non vi sia nell'arcata lo spazio sufficiente al suo riposizionamento, prima dell'esposizione chirurgica. Se questo spazio invece ci fosse lo si sposta ortodonticamente previo intervento chirurgico per agganciarlo e "trascinarlo" in sede L'eruzione chirurgica può essere "chiusa", utilizzando un lembo ribattuto e posizionato e liberando nel modo giusto il dente dal tessuto osseo che lo ricopre ,oppure può essere portato in sede con escissione dei tessuti duri e molli limitrofi alla corona del dente che viene ancorata al dispositivo ortopedico. Personalmente pratico una alveolectomia conduttrice di Chatelier, che facilita il riposizionamento chirurgico-ortodontico del canino (in pratica faccio un canale osseo in cui guidare il canino in posizione La legatura che preferisco è quella fatta con un filo di acciaio inossidabile sotto al cingolo del canino incluso o se l'equatore fosse poco pronunciato o assente, faccio una banda, o un intarsio o un perno nella corona del canino! Sempre personalmente faccio tutto questo in una sola fase e tutto è molto "veloce", sempre entro certi limiti che dipendono da una infinità di problemi clinico-anatomo-chirurgici e ortodontici! Ovvio che lo deve fare chi lo sa fare! Per il resto che posso dire se non che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Come posso risponderle, Professionalmente, quindi? Il suo Dentista invece può e Deve e se non sapesse, la dovrebbe inviare a chi è capace ad affrontare questo "problema"! Lasciarla così è veramente incredibile, a mio modesto parere ovviamente :)! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Margherita, generalmente in questi casi prima si risolvono i problemi di morso crociato e si crea spazio per l'eruzione dei canini. Poi con un piccolo intervento si agganciano e si portano in arcata. Non è una cosa complicatissima. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Afferisca da un collega specialista in ortodonzia che possa fare uno studio completo, sì da valutare la terapia idonea al suo caso.
Frequentemente capitano queste situazioni che sono risolvibili
Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia
Treviso (TV)

Margherita buongiorno, il caso è risolvibile come le hanno già detto i colleghi e decida al più presto dopo accurata indagine anche perché i denti del giudizio superiori incombono e possono aggravare la situazione .

Scritto da Dott. Gianfranco Tortora
Brescia (BS)