Menu

Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 20

Mia moglie ha subìto nel mese di giugno un intervento di implantologia

Scritto da ferdinando / Pubblicato il
Egregi dottori, mia moglie ha subìto nel mese di giugno un intervento di implantologia. L'intervento è riuscito solo che durante la trapanazione dell'osso ha sentito una "scossa" e dopo aver chiesto spiegazioni al medico, ha risposto che si trattava di una semplice compressione sul nervo. Ora ha la sensazione di avere il labbro inferiore sinistro gonfio e parzialmente insensibibe. Preciso che nel mese di agosto dopo aver effettuato una tac dentalscan il dentista ha ritenuto opportuno rimuovere l'impianto. (Ha anche seguito una cura di vitamine). Il referto della tac è questo: "in base al quesito clinico, l'impianto cilindrico endo-osseo di sinistra, interferisce massivamente con il canale mandibolare oltrepassandolo del tutto. Il decorso del canale mandibolare è stato evidenziato a colori con il programma sim/plant ed il suo decorso risulta interrotto dall'elemento implantare". Pertanto, vi chiedo, visto che ha bisogno di cambiare dentista a chi può rivolgersi... mi consigliate se possibile quale soluzione adottare. Grazie
Purtroppo temo che sua moglie abbia subito una lesione permanente del nervo mandibolare con conseguente anestesia dell'area di competenza del nervo. Se il nervo non è leso irrimediabilmente è possibile recuperare la sensibilità nell'arco di 6 mesi circa, ma il referto della TC non lascia pensare ad un possibile recupero. Ci sono gli estremi per avere un risarcimento danni da parte del dentista. Provate a parlare con lui e chiedetegli se può dare cortesemente scarico alla sua assicurazione (sicuramente ne avrà una). Non criminalizzatelo perché purtroppo sono cose che possono accadere, anche se sicuramente una buona diagnosi dovrebbe ridurre al minimo la possibilità di complicanze come questa. Voi avete subito il danno, ma sicuramente anche il suo dentista in coscenza non si sentirà bene. Luca.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)

Vi consiglierei anche una visita da un neurochirurgo. Per quanto concerne il da farsi direi che dopo il consulto con il neurochirurgo sua moglie possa tranquillamente rifare un impianto... ormai la frittata è fatta. Luca.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)

Gentile Sig. Ferdinando, purtroppo, l'evento occorso a sua moglie durante l'inserimento di un impianto è non auspicabile ma possibile come rischio; certamente, se si fosse proceduto con maggiore perizia nel senso di misurare le lunghezze dell'impianto e dell'altezza dell'osso ciò si sarebbe potuto evitare. Si è proceduto, comunque, correttamente nel rimuovere l'impianto ed effettuare il dentalscan. Le possibili complicanze che possono residuare dipendono dal tipo di lesione al nervo alveolare inferiore ma, a suo dire, sembrerebbe che si tratti di una lesione compressiva da trauma reversibile in quanto parla di labbro parzialmente insensibile e non totalmente insensibile. In questi casi, la terapia consigliata è quella cortisonica con una posologia ben programmata e di vitamine e con il trascorrere del tempo si può avere una rigenerazione del nervo con restitutio ad integrum. Esiste a Castelfranco Veneto una struttura ospedaliera diretta dal Prof. Franco che si occupa di lesioni di questo tipo. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)

Gentile Ferdinando, come i colleghi che mi hanno preceduto temo che ormai il danno ci sia e che la sensibilità della parte interessata sia definitivamente persa. Mi meraviglia che lei reputi l'intervento "riuscito" perchè di riuscito non vi è proprio nulla. In molti casi a distanza di tempo si verifica che nervi satelliti vicarino parzialmente quello leso, ma ciò avviene in tempi lunghi. Interpelli un neurologo, ma il referto della tac è abbastanza perentorio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)

Caro Signor Ferdinando...purtroppo non tutte le bocche possono accogliere impianti o almeno non li possono accogliere se non si aumenta l'osso in cui lo si deve inserire o se non si fa un accurato studio preimplantologico! ........ solo mani esperte devono fare implantologia...invece sembra essere diventato uno sport nazionale, anche e soprattutto presso voi pazienti che chiedete solo impianti e se non trovate un Dentista "di polso" che sappia dire :"NO, nel suo caso non si può", subite dei danni! Evitabili come detto e da una diagnosi accurata e da una eventuale preparazione chirurgica ossea e gengivale della sede dell'impianto, nonchè Gnatologica!..........I SINTOMI CHE DESCRIVE purtroppo sono dovuti ad una lesione del nervo alveolare inferiore che "viaggia" nel canale mandibolare corrispondente! Con uno studio Clinico, TAC preintervento e pianificazione con dima chirurgica e software appositamenti studiati è praticamente "impossibile" causare simili lesioni che se è vero che il nervo è stato troncato un due, sarebbero permanentri...ma è difficile che questo accada...la cosa più probabile è che la tac sia stata o fatta male o letta male perchè è quasi impossibile che un impianto recida il nervo, .......più probabile è che lo comprima o che lo lesioni parzialmente!................quello che proprio non capisco è perchè sia stata fatta una tac o sarebbe bastata una serie di Rx endorali con la tecnica regola di Clark o tecnica dello spostamento del tubo per localizzare il percorso reale vestibolare o linguale o sull'asse dell'impianto, del canale rispetto all'impianto.................da fare subito dopo aver messo l'impianto per controllo o almeno subito appena lei ha accusato i sintomi....invece da Giugno si è aspettato Agosto, perchè mai?....................e perchè mai il Dentista, in quella circostanza, non ha chiesto il consulto o di un Chirurgo Maxillo facciale o di un Neurochirurgo? ..............in ogni caso in linea di massima è ancora possibile forse fare una raffia dei due monconi del nervo se fosse confermato che è stato "tagliato"...certo che un intervento così ha possibilità di riuscita se fatto subito...dopo tanti mesi, sinceramente non si...lo dirà il Neurochiriurgo o il Chirurgo Maxillofacciale esperto in Neurochirurgia del massiccio facciale!...................................ANDATECI PIANO CON QUESTI IMPIANTI!........CARI PAZIENTI................gli impianti si fanno quando servono e sono indispensabili ...non così...come capita o per non perdere il paziente che richieda un impianto!.......e ve lo dice uno che fa impianti!....anzichè postare un banale fotogramma di un impianto mio, posto una foto che dimostra come quasi tutti i denti si possano curare, anche le radici con le più severe patologie!!!!.............Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE
Ferdinando40Fi1910.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Spett. Sig. Ferdinando, il consiglio è quello di far fare una visita con un neuro-chirurgo per valutare un eventuale terapia farmacologica che potrebbe far recuperare la sensibilità a sua moglie nel caso in cui non ci fosse stata una lesione irreversibile al nervo.

Scritto da Dott. Antonino Ruggirello
Palermo (PA)

Gentile Ferdinando, i sintomi avvertiti da sua moglie sono da attribuire, come da referto radiografico, alla lesione del nervo alveolare inferiore che può essere reversibile in poco tempo se si tratta di semplice compressione o irreversibile(credo sia questo il suo caso) quando il nervo viene leso dalle frese se non viene effettuata una giusta programmazione dell'intervento tramite radiografie mirate e dentalscan. Purtroppo è una lesione grave che deve assolutamente essere evitata quando si effettuano interventi nella mandibola e questo può avvenire programmando anticipatamente il successivo intervento che altrimenti se affrontato con leggerezza può provocare danni irreversibili. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Gentile Signore, come sua concittadina mi sento di consigliarle un consulto presso la Clinica Odontoiatrica della nostra città , dove il Dirigente del Dipartimento di Chirurgia Orale ha conoscenze ed esperienza in merito alle sue necessità. Potrà , se crede, avere consigli anche in merito ad eventuali perizie nonchè richieste risarcimento danni . Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Gentile paziente non ritengo sia il caso di essere troppo indulgenti, il danno è probabilmente permanente ed allora va seriamente valutato per un razione risarcitoria. Si rivolga ad un medico legale dopo aver chiarito con il suo curante, infatti è sempre antipatico intraprendere azioni legali, ma anche lui onestamente dovrebbe convenire del suo pieno diritto.

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)

Purtroppo da quello che ci espone trattasi di lesione permanente al nervo alveolare inferiore. Per il momento mi rivolgerei ad un medico legale per una quantificazione del danno.Poi con il risarcimento avrà tutto il tempo ed il denaro per rivolgersi ad un altro dentista.

Scritto da Dott. Andrea Lorini
Firenze (FI)

Gent.le Ferdinando, mi spiace confermare a mia volta che se la lettura della tac è stata corretta da parte del refertante, la lesione è verosimilmente irreversibile. È vero tuttavia che se anche solo un piccolo filamento del nervo è rimasto integro, lungo questo il nervo può rigenerarsi, ma è un processo molto lungo, bisognerebbe capire se la sintomatologia di sua moglie cambia, potrebbe passare dalla sensazione di anestesia ad una molto più fastidiosa ipersensibilità. Il mio consiglio è di parlare col suo dentista, andare da un neurologo e da un medico legale e intraprendere tra le altre cose un percorso legale, paghiamo fior di quattrini per le nostre polizze assicurative. La lesione parziale o di tipo compressivo o di un piccolo rametto periferico del nervo alveolare è una complicazione possibile, ma da qui ad oltrepassare completamente con l'impianto e quindi precedentemente con le frese il canale alveolare è indice di qualcos'altro. Mi spiace molto per sua moglie. Cordiali Saluti. Dario Vespa
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Dario Vespa
Milano (MI)

Buon giorno, da quello che riferisce se dalla TC l'impianto ha reciso completamente il nervo alveolare inferiore, molto probabilmente la sensazione di anestesia del labbro inferiore sarà permanente con scarse probabilità remissioni. Con un esame radiologico opportuno le consiglio di far riposizionare l'impianto da un collega che utilizza la tecnica NobelGuide sistema computerizzato che permette di posizionare gli impianti nei pressi di strutture anatomiche nobili come il nervo alveolare inferiore senza causare danni. Dott. Alberto Pitino
CONTINUA A LEGGERE
13.jpg

Scritto da Dott. Alberto Pitino
Torino (TO)

Sig.Ferdinando, spero che chi ha operato su sua moglie sia iscritto all’ordine dei medici, se così fosse le consiglio non cambiare operatore ma farsi aiutare da questo professionista, ascoltare e seguire i suoi consigli porterà sicuramente a una felice conclusione del caso. Chiedete al vostro odontoiatra quali sono i passi da percorrere e portatelo a conoscenza del nostro portale, qui troverà un forum a lui riservato, dove potrà ritrovare colleghi che sicuramente lo porteranno a una felice conclusione del caso. Criticare un collega con dei problemi senza conoscerlo è semplice facile, aiutarlo forse costa qualche sacrificio, ma renderà i nostri futuri giorni felici.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Caro Ferdinando la situazione è indubbiamente grave, il dentista ha fatto un grave danno in questo caso, e purtroppo irreversibile perchè ha reciso il nervo, le vitamine servono a poco perchè sono utili in caso di lesione parziale o compressione ma in caso di recisione non servono proprio a nulla, l'unica cosa che può fare è chiedere i danni mi dispiace distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Buongiorno sig Ferdinando, l'esito della tac da lei riportato lascia presumere che il danno sia di tipo permanente temo che la sua signora non possa riacquistare sensibilita' all' emilabbro comunque conviene aspettare per sicurezza sei mesi, sicuramente penso che poi l' impianto si possa rieseguire nel frattempo consulti un neurochirurgo per l' eventuale diagnosiesatta e terapia del caso poi chieda al suo dentista eventuale risarcimento tramite la sua polizza infortuni di tipo professionale a questo punto puo' rivolgersi ad altro dentista per l'esecuzione di altro impianto che a questo punto dovra' essere risarcito dall' assicurazione per qualsiasi ulteriore informazione puo' comunque chiamarmi o scrivermi via mail cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Rossano Lecordetti
Bedonia (PR)

Gentile paziente, sono esterrefatto. La cosa principale che ha aggravato il danno è stato l'aspettare due mesi per rimuovere l'impianto. Andava fatto subito!!!! Quando inseriamo un impianto, un dentista prudente effettua almeno una radiografia endorale pere verificare di "non aver sbagliato la misura". E l'evento come quello che lei ha descritto si vede immediatamente! Non serve un dentalscan per questo. ................................................................. Giustamente il dr. Petti dice che gli impianti devono essere fatti da mani esperte. Quelle mani esperte sono in grado di mettere impianti in praticamente ogni osso. E ogni implantologo ha i suoi strumenti: il dr. Pitino usa la programmazione computer-guidata, il sottoscritto la programmazione cervello-guidata... Non è importante questo, ma bensì che il chirurgo sappia cosa fare. ................................................................... Lei ha subito un danno irreversibile. E' verosimile che, se si fosse proceduto con prudenza subito dopo l'impianto, accertandosi della sua posizione e rimuovendolo immediatamente, le conseguenze della parestesia avrebbero potuto essere quanto meno di minore intensità. Consulti un medico-legale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)

Il dubbio del Dr. Ruffoni è fondamentale. Forse è un abusivo...!! Ci sono abusivi non laureati che fanno impianti. Pazzesco, no??? E noi glielo permettiamo.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Da dentista e concittadino ti consiglio di rivolgerti ad un medico legale, visto che è stato leso il nervo mandibolare con conseguenze di parestesia non recuperbili, quindi con danno permanente.

Scritto da Dott. Giampaolo Cherici
Firenze (FI)

Gentile Sig. Ferdinando, da ciò che lei dice sembra essevi stata un lesione del nervo alveolare durante le manovre di infissione implantare. Vi sono diversi gradi di lesione nervosa determinata da atti chirurgici che sono definite neuroprassia, assonotmesi e neurotmesi a seconda della gravità e dell'entità della lesione.Per stabilire con buon grado di approssimazione le caratteristiche della lesione occorre che la paziente sia sottoposta a tests specifici da parte di un neurologo esperto di sistema nervoso periferico. E' bene ricordare che lesioni a livello del nervo alveolare inferiore nel suo decorso intraosseo in genere non necessitano di microchirurgia ricostruttiva data la loro tendenza spontanea all'evoluzione positiva nel corso del tempo. Cordiali saluti Dott M. Lasagna
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Gentile sig. Ferdinando, mi associo a quanto scritto precedentemente dai colleghi. Ammesso che l'errore è sempre possibile, in implantologia abbiamo armi a sufficienza per operare in sicurezza potendo grazie alle moderne tecnologie effettuare una corretta pianificazione preimplantare; inoltre allertati dal sintomo intraoperatorio avvertito da sua moglie si sarebbe dovuto provvedere ad una immediata analisi radiografica e, se del caso, alla rimozione dell'impianto con annessa terapia di supporto. Sarebbe ora necessario eseguire una visita neurologica mirata per stabilire con esattezza il grado di lesione del tronco nervoso e le probabilità di recupero almeno parziale. Dico che ci sono gli estremi per un risarcimento, ma ritengo anche che il vostro dentista, che certo non starà vivendo bene la situazione, potrà guidarvi e consigliarvi. Cordiali saluti, Dott. Stefano Farris
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Stefano Farris
Selargius (CA)