Menu

Domanda di implantologia

Risposte pubblicate: 8

Tra circa un mese dovrò sottopormi ad un intervento di grande rialzo del seno mascellare

Scritto da cristina / Pubblicato il
Gentili dottori sono una ragazza di 39 anni e tra circa un mese dovrò sottopormi ad un intervento di grande rialzo del seno mascellare superiore destro. Purtroppo non ci sono altre alternative e non si può ulteriormente aspettare visto che dalla tac e dalla radiografia la gengiva è veramente poca e l'osso è inesistente. Colpa mia che ho trascurato la cosa in questi anni essendo rimasta senza tre denti per troppo tempo. Comunque Ho consultato vari dentisti nonchè un paio di chirurghi maxillo facciali ed i miei dubbi sorgono proprio perchè ho avuto opinioni diverse: chi mi ha parlato di intervento in anestesia totale con asportazione di un ossicino dal mento o dall'anca che dovrà essere fissato nel seno mascellare dove non cè; altri invece mi hanno detto che la cosa è risolvibile in modo meno invasivo in anestesia locale (nello studio dentistico) con osso esterno di bovino o equino deproteinizzato. Ho letto anche qualcosa da internet e ora sono preoccupata perchè penso che forse sia piu' sicuro farlo in ospedale che in studio. Vorrei quindi avere la vostra cortese opinione perchè mi fido della competenza dei medici che ci sono qui. Di conseguenza deciderò se confermare intervento in studio dentistico o optare per la struttura ospedaliera. Vi chiedo anche: ma possibile che non ci sono alternative?? non si può proprio evitare questo intervento? Vi ringrazio
dr.g.petti-ca-interv-di-edlan-mejchar-104.jpg
Cara Signora Cristina, buongiorno. Non è il caso di andare in Ospedale né di fare anestesia Totale. Tra l'altro in ospedale non esiste né un Parodontologo, né un implantologo. L'intervento di rialzo del pavimento del seno mascellare, piccolo o grande che sia è semplice e non complesso come si pensi! Si fa in Studio ed in anestesia locale! Si usa osso eterologo ad autogeno od artificiale e/o membrane per guidare la formazione di osso! E' errato dire "rigenerazione" perché la Rigenerazione, detta GBR (Guided Bone Regeneration = Rigenerazione ossea guidata, si ha nel parodonto ed la sella edentula costituita solo da gengiva ed osso non è parodonto!!! Qualsiasi osso si osi, ha sempre la stessa funzione di matrice su cui si sintetizza l'osso ospite! Dipende dalle abitudini del chirurgo che in genere è un Parodontologo o un implantologo! Ne Grande Rialzo l'importante ( ed anche la parte più delicata è non "rompere, perforandola o lacerandola, la membrana di Shneider che spesso ha uno spessore di pochi decimi di millimetro ma che è importante per il tipo di terapia necessaria dopo, questa è la complicazione da evitare e non sempre si può! Tenga presente e glielo dico da Parodontologo ed Implantologo, che non è obbligatorio riabilitare solo con impianti. Esistono Protesi miste fisse e rimovibili con attacchi di precisione, fresature, bracci d'appoggio, coulisse maschi e femmine che sono sicure e confortevoli ed esteticissime! :) In ogni caso esistono interventi di approfondimento del fornice come per esempio l'Intervento di Edlan Mejchar che però è molto complesso e bisogna saperlo fare. Poi ci sono tantissimi altri interventi e metodiche e di GTR(Guided Tissue Regeneration = Rigenerazione tissutale guidata)per aumentare la quantità di gengiva aderente ed anche la cresta ossea! Questo in linea di massima! Tutto questo si attua in un semplice Studio Dentistico Privato. Quello che è importante è la "mano" di chi opera e solo dopo che sia stata fatta una accurata Diagnosi e programmata la terapia più idonea per la sua situazione Clinica! Legga nel mio profilo "La protesi dentali mobili: miste e rimovibili Excursus su i vari tipi di protesi dentali mobili: miste e rimovibili. Consigli e suggerimenti per i pazienti" dove troverà tutto sul tipo di protesi indicata. Legga anche come si fa una Visita parodontale! Almeno come la faccio io, poi, mah! Come vede alternative ce ne sono eccome, sia chirurgiche che riabilitative orali, adatte ai casi clinici più Complessi che esistano! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentilissima Cristina le alternative, quando nn c'è un'altezza adeguata di osso non ci sono purtroppo a meno che non faccia nessun intervento e provveda alla sostituzione dei denti mancanti tramite una protesi removibile..... ma non credo sia disposta a cio'. Il grande rialzo si puo' fare tranquillamente in studio in anestesia locale da colleghi che ovviamente fanno implantologia. Tante sono le tecniche e tutte valide. Approccio crestale, laterale, prelievo di osso autologo, utilizzo di osso sintetico,o equino o bovino deproteinizzato, membrane sintetiche o con PR. Non faccia troppe ricerche su iternet che la potrebbero solo spaventare. Si affidi al Suo dentista! Saluti 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Roberta Araceli
Viterbo (VT)

Buongiorno Cristina, certo le alternative ci sono ma il concetto è che va fatta un intervento di ricostruzione ossea con tutte probabilità di rialzo del seno. Dipende dal caso clinico e quindi è sempre necessaria una visita odontoiatrica, tra l'altro gratuita, per redarre un piano di terapia. Senza una visita non è possibile dare indicazioni reali e precise. Rimane possibile l'uso di osso bovino o anche di quello sintetico, sinceramente io ho abbandonato l'uso di osso autologo (il tuo) per ridurre l'invasività. Come tecnica esiste anche il rialzo del seno per via crestale che è molto meno invasivo, si tratta di un piccolo foro da cui con una particolare tecnica si riempie il seno mascellare, si tratta di microchirurgia ed è molto ben tollerata. Comprendi bene che è necessaria una visita odontoiatrica per risolvere i tuoi dubbi e il tuo caso e noi siamo a disposizione. Cordialmente. 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Bruno
Tortona (AL)

A Milano ci sono grossi specialisti in queste tecniche di aumenti ossei, ma come possiamo darle la nostra opinione senza averla visitata e non avendo neanche il supporto di una radiografia? Credo che sia meglio, in generale, procedere prima con le tecniche meno invasive (ambulatoriali) per poi, eventualmente, ricorrere a quelle più invasive, se non dovesse risolvere il problema.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Bisogna valutare la situazione complessiva, che per noi non è dato conoscere. Facciamo due ipotesi estreme. Prima ipotesi. La bocca è perfetta o quasi con un residuato di zoppia superiore destra a causa di errori di gioventù o di sfortuna nera nera. In questo caso l'intervento di rialzo del seno come impresa di piccola chirurgia ambulatoriale ha un senso perché consente l'applicazione di un ponte fisso nel quadrante mutilato per i passati errori. Seconda ipotesi. La sua bocca è stata oggetto di bassa macelleria con mutilazioni e sfregi diffusi, allora tanto vale fare una protesi mobile di alta precisione che tempo venti minuti lei dimentica di avere in bocca. Nella sua valutazione non deve tener conto dei costi, ma anche dei rischi impliciti in ogni intervento di manomissione del seno mascellare. Se lei è a metà strada tra due estremi, faccia i conti con il suo portafoglio, e anche con la sua propensione all'emozione del rischio. Veda lei. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

Sig. Cristina, dipende dal caso dove manca l'osso? Dal lato dentale o dal lato sinusale? Occorrono accertamenti diagnostici approfonditi con uno studio del caso, poi si potrà parlare di eventuali interventi chirurgici o meno. Si ricordi che molte persone come lei hanno perso i denti con base ossea e non tutti sono passati a interventi chirurgici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Cristina, il grande rialzo del seno si può fare benissimo in studio. Generalmente si usa un mix di suo osso e di osso eterologo o sintetico. Non mi piacciono i prelievi dall'anca o dal mento che possono dare problemi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

La procedura di sinus lift o grande rialzo seno mascellare si esegue, senza nessun problema, a livello ambulatoriale in anestesia locale (al massimo, se il paziente è particolarmente odontofobico, in combinata con sedazione cosciente), e quindi non richiede alcun ricovero ospedaliero nè tantomeno anestesia totale. L'approcccio può essere effettuato con graft eterologo (bovino e suino) e non richiede solitamente prelievi importanti di osso autologo intra-orale. Parli chiaramente con i colleghi dentisti chirurghi orali extra-ospedalieri, non utilizzi troppo internet, e stia tranquilla che è tutto sommato routine chirurgica.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)