Menu

Domanda di fistola

Risposte pubblicate: 10

Da circa un mese il 16 ha una fistola gengivale che non mi procura dolore

Scritto da Antonio / Pubblicato il
Cosa fare? Buongiorno, Sono molto combattuto sulla decisione da prendere e chiedo un consiglio. L'ortopanoramica appena fatta dice: " devitalizzazione di 16, possibile una lieve rarefazione all'apice della radice mesiale di 16 proiettata con l'apice all'interno del seno mascellare." Ho fatto due visite da due diversi medici dentisti che mi hanno proposto di intervenire in modi differenti. Entrambi mi hanno fatto prima una lastra del dente in questione ed hanno capito entrambi che l'infezione è presente sulla radice mesiale. Premetto che il 16 è incapsulato con una capsula metallo ceramica da circa vent'anni ed entrambi i dentisti hanno sostenuto che la capsula non ha nulla e che la devitalizzazione è stata fatta bene. Da circa un mese il 16 ha una fistola gengivale che non mi procura dolore. Il primo dottore vorrebbe fare una nuova devitalizzazione quindi togliere la capsula ripulire e mettere un provvisorio per due tre mesi dopo controllare con una lastra e se l'infezione è regredita mettere la capsula definitiva, mi concede il 60% di riuscita e se non riesce dice che ho le radici troppo vicine ai seni e non essendoci spazio mi ha sconsigliato di fare apicectomia quindi secondo lui sarebbe il caso, se non riuscisse, solo di estrarre e fare un ponte o un impianto. Il secondo dottore dice che essendo l'infezione circoscritta alla radice mesiale ed essendo essa raggiungibile farebbe una apicectomia e risolverebbe con una percentuale che mi dice intorno al 90%. Se non dovesse funzionare mi dice che intervenire con una devitalizzazione sarebbe inutile e dovrebbe estrarre e fare impianto. Lui dice che si rifiuta di fare una nuova devitalizzazione perché sarebbe lunga e complicata perché il mio dente incapsulato è molto piccolo e pieno di materiale, molto ben devitalizzato, con il rischio di fratturare il dente. Sinceramente non so che fare. Non conosco questi dentisti, è la prima volta che vado da loro e non ho un dentista da cui sono già andato. Ho 37 anni e non voglio perdere il mio dente per quanto piccolo possa essere. Gradirei in consiglio da parte di chi come voi è un dottore e conosce queste situazioni. Grazie molte.
Carissimo Antonio, le soluzioni non sono molte. Una reinfezione periapicale di un dente precedentemente trattato è sinonimo di "capacità" dei batteri di ripopolare la zona.
La soluzione ottimale è quella di ritrattare completamente le radici, in modo da eliminare la possibile carica batterica che contengono.
Cercare la causa di questo non è facile ma con opportuna ed attenta anamnesi se ne viene a capo
Sicuramente l'infezione regredirà ma il tessuto che rimarrà attorno alla radice di sicuro non sarà tessuto osseo e sarà suscettibile di future reinfezioni.
Palliativo ..trattare la fistola con laser a diodo (soddisfacenti risultati) ed immettere nel tragitto opportuni prodotti antibiotici attivabili in gel.
P.s La opt postata è illeggibile e comunque non idonea per esame del caso, meglio un'endorale.
Le posso dire comunque che un buon professionista è in grado di risolvere il suo problema.
Non escludibile l'apicectomia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Studio Dentistico Fiori
Castelnuovo di Garfagnana (LU)

Si rivolga al suo abituale dentista di fiducia, innanzitutto bisogna accertare l'origine della fistola se è di origine endodontica, è opportuno eseguire apicectomia se di altra origine

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Le apicectomie o meglio le terapie canalari retrograde su radici singole sui molari superiori, con rapporti diretti con il seno mascellare, non hanno il 90% di predicibilotà, purtroppo, per quanto il collega sia bravo ad eseguirle.
Probabilmente la prima strada, anche se molto complessa e comunque non sicura, è la migliore da percorrere.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sig. Antonio, tanti pareri tante RX e una semplice fistolografia non è stata eseguita? Le percentuali non hanno significato, diagnosi certa è corretta sostenuta da accertamenti diagnostici è fondamentale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Le apicectomie hanno purtroppo una percentuale di successo reale molto inferiori al 90 per cento. Di certo questa orrenda rx non mi permette di vedere nulla.. Ma meglio ripetere la devitalizzazione. Che a meno che ci siano problemi anatomici insormontabili (che appunto non si riescono a valutare da questa Opt) dovrebbe avere una probabilità di successo ben superiore del 60 %..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Buongiorno purtroppo la radiografia mostrata non consente di visionare al meglio l'infezione apicale mesiale al 16. Concordo con il collega che vuole ritrattare il dente I molare, non capisco perchè voglia farle il provvisorio ma avrà certamente avuto le sue ragioni. Io la curerei allo stesso modo ritrattando i canali radicolari .

Mi auguro di esserLe stato di aiuto e colgo l'occasione per porgerLe distinti saluti

 

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Caro signor Antonio, buongiorno. Nonostante che Noi tutti non facciamo che Ripetere che la OPT (panoramica) non è la Rx adatta a valutare queste patologie periapicali o dell'Unità Dentale, "unità dentale" che è un organo formato dai denti e dai loro tessuti di sostegno molli e duri oltre che dai rapporti tra di loro viciniori ed antagonisti, si continuano ad usare le OPT anziché le Rx Endorali e soprattutto la Visita Clinica Semeilogica Soggettiva! Le dico subito che l'apicectomia (a meno che il Dentista curante non abbia usato il termine in modo "errato") retaggio del passato e di alcuni Chirurghi Maxillo Facciali od Orali che non si "intendono" di Endodonzia e chirurgia endodontica, non permette il sigillo apicale, accorcia, indebolendola , la radice del dente e non solo non serve a niente ma è causa di recidive per reinfezioni per mancanza del sigillo apicale che non può essere indiscutibilmente realizzato se l'apice non è preparato in modo particolare (a becco di flauto e ritrattato per via retrograda)!Le lascio una Foto di una mia Retrograda. Cari Saluti :) Un sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti che ha in bocca è stato fatto, per la ricerca di tasche parodontali per escludere una Parodontite o una Endoparodontite?

"mi concede il 60% di riuscita" = su cosa mai si baserebbe questo dire 60%??? Non esiste!

Guardi, Lei ha normalissime patologie che qualsiasi Dentista sa curare. Ovviamente, quando si fa Endodonzia ci si può trovare di fronte a situazioni particolari che solo il Medico Dentista curante sa e può Giudicare con Professionalità. Parlo quindi in senso Lato senza volermi, per nessun motivo, sostituirmi al Suo Dentista, ma Lei chiede ed io Devo Rispondere al Meglio!

Non è certo Lei che deve essere "molto combattuto sulla decisione da prendere"! Ci mancherebbe. Il Dentista informa e poi Decide e Consiglia Lui, Lei può intervenire solo sull'aspetto economico che costituisce un "Dictat" che conosce solo Lei e solo Lei può valutare ma con in "mano" tutte le "carte" che le ha dato il Suo Dentista! Quindi faccia decidere a Lui solo e basta! Lei non deve decidere se non esporre i problemi economici e valutare i costi insieme al Suo Dentista. A volte si devono raggiungere dei "Compromessi": Non tutti possono avere, per il disinteresse incredibile di questo nostra "Sanità Pubblica", carente ed ingiusta in molte cose ma eccellente e non seconda a nessuno in altre cose, la soluzione migliore di pianificazione terapeutica! Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig.Antonio Buongiorno
La prima strada da tentare è sicuramente il ritrattamento del dente anche se come le hanno prospettato a priori ha circa il 70% di riuscita.Nel caso in cui si riuscisse a rimuovere completamente il materiale presistente e a detergente bene i canali la fistola scompare e il dente si recupera completamente.L'apicectomia di un molare ha comunque una percentuale di riuscita più bassa del 90%.
Cordiali saluti

 

Scritto da Dott.ssa Marina Fiocca
Cremella (LC)
Renate (MB)

Caro Antonio, é impossibile dare pareri poiché é impossibile formulare una diagnosi di questo tipo da una panoramica. Occorre una radiografia endorale eseguita con appositi centratori per evitare distorsioni od errori di proiezione.
Ad ogni modo il ritrattamento del dente é la pratica con più alte probabilità di guarigione.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Gent.mo Sig. Antonio, comprendo il suo desiderio di conservare il suo dente, cosa che anche ognuno di noi professionisti condivide con lei. Il suo caso non è purtroppo raro; si tratta di una vecchia cura canalare che però evidentemente non ha impedito ai batteri di causare un'infezione cronica (granuloma)che riacutizzandosi ha cercato (e trovato)una via di sfogo all'esterno (fistola). Sicuramente la cosa migliore sarebbe il ritrattamento delle tre radici del dente e ricerca del "famigerato" 4° canale (un canale quasi sempre presente nella radice mesiale dei primi molari superiori). Entrambi i colleghi da lei interpellati hanno la loro parte di ragione; il ritrattamento è sicuramente indicato ma la sua fattibilità potrebbe essere in dubbio se dopo la rimozione della corona (purtroppo in questo caso necessaria per avere un buon accesso agli imbocchi canalari)il materiale che ricostruisce il dente non fosse di facile asportazione, con rischi per l'integrità della radice. In quel caso lei avrebbe speso tempo e soldi per curare un dente avrebbe potuto essere trattato in altro modo. Entrambe opinioni rispettabili, ognuno di noi cerca di proporre il meglio per i propri pazienti. Si rivolga al suo dentista di fiducia ed entrambi iniziate il cammino verso la soluzione del suo problema. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)