Domanda di Espansore palatale

Risposte pubblicate: 9

Un espansore palatale può migliorare la situazione?

Scritto da Emilia / Pubblicato il
Ho 55 anni. All'età di 10 anni ho applicato un espansore palatale. Tutt'oggi ho ancora il palato molto stretto e ho notato uno spostamento verso l'interno del paradontale superiore e inferiore sinistro con un ulteriore inclinazione dei denti. Ultimamente soffro di forte mal di schiena e testa che si accentua nella parte sinistra e dopo una visita dall'otorino mi è stata riscontrato una parziale chiusura dei turbinati che mi impedisce una normale respirazione (pare dovuta al palato stretto). Un espansore palatale può migliorare la situazione?
Cara Signora Emilia, buongiorno. Innanzi tutto, mi scusi, ma il termine "paradontale superiore e inferiore sinistro" non solo non ha nessun significato come "locuzione" ma è anche errato perché, quando si parla di parodonto, si dice Parodontale e non Paradontale :)! Probabilmente avrà voluto dire che si sono "inclinati i denti palatalmente e lingualmente! Veda, la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari è un processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima e la sutura palatina media si chiude solitamente intorno ai 12, 13 anni nelle bambine e ai 13, 14 anni nei bambini. Quindi prima si inizia la terapia espansiva e meglio è. Anche intorno ai 5 anni. Lei ne ha 55! Ovviamente anche in un adulto è possibile espandere il palato attuando una frattura della sutura palatina. Dal punto di vista scheletrico è quindi necessario, nell'adulto, attuare un intervento chirurgico per espandere poi il palato.Ovvio che se ci si accontentasse di agire solo sui denti e non sullo scheletro, si potrebbe usare l'espansore senza intervento. Sarebbe però un compromesso spesso non accettabile ed in ogni caso da decidere solo dopo un esame cefalometrico completo, a tavolino e tanto altri accertamenti ortodontici. In particolare è necessaria un'anamnesi delle abitudini viziate come la presenza di respirazione orale la posizione che assume la lingua durante la deglutizione o le proporzioni e i rapporti reciproci dei vari componenti del sistema scheletrico in particolare palato ogivale, over Jet ed Over Bite, Dimensione Verticale etc . Bisogna valutare bene lo spessore del tavolato osseo vestibolare , la presenza di adeguata solida banda di gengiva aderente perché lo spostamento per "rotazione sul fulcro del dente, disloca in fuori, vestibolarmente, l'apice del dente stesso ed ho visto purtroppo troppe Recessioni gravissime con deiscenze ossee solo perché l'Ortodontista non aveva considerato queste valutazioni! Poi bisogna valutare se questo spostamento dentale che lamenta, sia di origine Disgnatica o Gnatologica o anche, vista l'età di 55 anni che è la più colpita dalla Parodontite, parodontale con un sondaggio delle eventuali tasche parodontali e relativa doppia Visita ed Rx endorali e modelli di studio! Vista la difficoltà respiratoria, Bisogna valutare, tra le tante verifiche da fare, se procedere a registrazioni particolari presso Odontoiatri esperti in Medicina del Sonno. Per esempio Mia Figlia Claudia è una Odontoiatra che si occupa di queste patologie (della Medicina del Sonno), dette con l'acronimo di OSAS se meno gravi o CPAP, (continuous positive airway pressure)se più gravi, quando la respirazione a pressione continua positiva diventa intollerabile, con terapie con TRD (tongue retaining device)che trattengono la lingua in posizione anteriorizzata o MRA (mandibular repositioning appliances)che fanno avanzare la mandibola, dopo analisi neurologica anche a domicilio, tra cui anche la POLISONNOGRAFIA,tutto in collaborazione con un Neurologo od un Centro Specializzato ad Hoc! Bisogna valutare se si verificano apnee notturne e "russamento"! Come vede la Visita Odontoiatrica Clinica è "cosa seria e complessa e carica della Cultura del Medico Dentista"! Si faccia visitare. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Da ciò che dice la sua situazione pare determinata da un errore occlusale. L'allargamento del palato, che alla sua età può avvenire solo chirurgicamente, di per se può non risolvere la patologia da un punto di vista otoiatrico e può invece alterare ulteriormente un rapporto cranio mandibolare presumibilmente compromesso. Un movimento ortodontico convenzionale, non preceduto da una diagnosi ed una terapia neuromuscolare per il reperimento di una occlusione corretta può degenerare in un vero disastro. 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

No l'espansore palatale come tale ha efficacia soltanto entro i 12 - 14 anni di età, iniziando la terapia verso gli 8 anni (a volte anche prima), quindi comunque non in età adulta purtroppo (per cui l'unica soluzione è l'espansione chirurgica. Allo stato attuale, l'Ortodonzia di tipo funzionale darebbe scarsissimi risultati, opportuna sicuramente una valutazione ed uno studio del caso soprattutto dal punto di vista occlusale - gnatologico.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

L'espansione palatale alla sua età funziona (da verificare bene con analisi preliminari che accertino preliminarmente il successo del trattamento) se chirurgicamente assistita. Ma non è una cosa tremenda come intervento. E si, potrebbe migliorare la respirazione, ma questo ce lo deve dire anche l'otorino. Cioè è l'otorino che dovrebbe dare l'indicazione per una procedura del genere..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Emilia, il problema non sta se funziona o meno, il problema sta nel stabilire se l'espansore è indicato.---------------------------------------------------------------------------------

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Emilia, l' espansore palatale funziona fino a quando il paziente è in crescita, pertanto se per risolvere il suo caso bisogna allargare il palato deve rivolgersi ad un bravo chirurgo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Si faccia fare un bel bite da un bravo gnatologo, non vedo altre terapie possibili, insieme ad una buona analisi posturale, lei probabilmente soffre fin da bambina di scogliosi, una terapia con espansore probabilmente peggiora le cose

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Bisogna invertire i termini. Lei ha un " palato stretto" perché ha avuto ed ha una respirazione orale che altera l'equilibrio muscolare dell'apparato stomatognatico. Da quanto mi dice oggi presenta una malocclusione che va analizzata in Toto e di cui il palato stretto è una componente. L'espansione alla sua età è possibile ma associata ad un supporto chirurgico. Si faccia fare un controllo generale e non guardi al particolare se non vuole perdere tempo e denaro.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Per quanto riguarda i dolori questi sono probabilmente dovuti ad una cattiva occlusione. Se ha un palato stretto probabilmente ha una deviazione mandibolare con un lato preferenziale di masticazione. Tutto questo determina alterazioni a livello della articolazione mandibolare e squilibri muscolari. Una visita gnatologica sarebbe opportuna

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)