Menu

Domanda di Diastema

Risposte pubblicate: 14

Ho notato che il mio diastema si è allargato

Scritto da Antonella / Pubblicato il
Salve, negli ultimi tempi ho notato che il mio diastema, che finora non mi aveva mai creato alcun problema, si è allargato: il mio incisivo destro è diventato storto aumentando la distanza tra i due denti. Me ne sono accorta per caso e non so da quanto tempo è successo, per un dente solo ci sono correzioni valide? Come posso fare?
Cara Antonella lo sventagliamento, le abnormi rotazioni e l'apertura di diastemi sono dovuti a pressioni occlusali abnormi determinate da una occlusione scorretta sotto un punto di vista neuromuscolare. Onde evitare movimento ortodontici che possono essere dannosi e soggetti a rapide recidive occorre interpretare strumentalmente la sua occlusione per individuare, in primis, un corretto rapporto craniomandibolare. 

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)

Buongiorno Antonella, di sicuro c'è una soluzione al suo problema però non è verosimile che si possa trattare un dente solo, a meno che lei non voglia ottenere una soluzione esteticamente inaccettabile. In ogni caso è necessaria un'accurata visita per valutare le alternative possibili. Quasi certamente la soluzione ortodontica è la preferibile.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Cara Antonella, e' difficile dare consigli avendo solo una foto; pero' le posso consigliare cosa deve fare. Dovrebbe andare da un odontoiatra il quale attraverso lastre mirate, visita parodontale e ortodontica, le esporra' il suo problema proponendole la terapia. Spesso, in situazioni cosi', c'e' un insieme di cause che hanno portato a uno spostamento di elementi dentari; il dente, se non ci sono cause, non si sposta e rimane stabile; affrontando queste cause si riesce molto spesso a risolvere il problema.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Antonella, può anzi deve rivolgersi al più presto ad un dentista esperto. Purtroppo tramite internet e vedendo una foto non è possibile effettuare una diagnosi. Questa è il risultato di una serie di elementi che scaturiscono da una visita accurata con test di vitalità, sondaggio gengivale ed analisi delle radiografie. Solo in questo modo è possibile giungere ad una diagnosi certa senza la quale non si potrà mai effettuare una terapia corretta.Evidentemente c'è un problema anche serio considerando che il suo dente si è spostato probabilmente per cause di origine parodontale e/o occlusale. Sarà il dentista che dovrà scoprirlo. Il consiglio amichevole è quello di trovarsi un bravo professionista evitando i centri low-cost che promettono miracoli a prezzi stracciati. Si affidi a qualcuno serio che potrà sicuramente trovare col classico passaparola od anche su questo sito alla Home Page. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Come può pensare che tramite una foto si possa fare una diagnosi?
Deve andare da un serio professionista, farsi fare una visita accurata e poi decidere di conseguenza.

Scritto da Studio Dentistico Fiori
Castelnuovo di Garfagnana (LU)

Buongiorno, dalla sola foto non è possibile stabilire quale sia la reale situazione; le consiglio di eseguire delle radiografie endorali (non una panoramica), sondaggi e modelli per verificare la situazione. In ogni caso normalmente in queste situazioni la correzione coinvolge più denti. Cordialità

Scritto da Dott. Johannes Schmitz
Milano (MI)

Sembra proprio un problema di tipo parodontale. Non ha specificato la sua età, comunque va approfondito con una corretta diagnosi, clinica e radiografica, per poi stabilire la terapia più adeguata.
Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Niente è immobile, e tutto si muove anche in modo impercettibile, come le foto di tutti noi riviste dopo solo qualche anno sono causa di disperazione. La causa del movimento dentale che apre il diastema ha un solo nome, e si chiama "instabilità occlusale". Se ha fatto capsule o otturazioni recenti non deve cercare troppo lontano. In ogni caso, anche senza le malefatte di un dentista, deve almeno stabilizzare l'occlusione e affidarsi ad un dentista che sia come un cavallo di razza, e che sappia subito cosa fare e subito cosa non fare. Senza perdite di tempo, senza radiografia a pioggia, e senza l'aria del santo salvatore. Subito. Quando ho avuto casi di aspettative fuori contesto, usavo ripetere: "Guardi che non sono capace di camminare sull'acqua." Quando incontrerà il suo piccolo grande salvatore, lo ami intensamente, ma non da rovina-famiglie. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)

C'è un morso aperto, da quello che sembra di vedere dalla foto. Quindi una malocclusione che crea instabiità appunto, della occlusione. Questo open è quasi certamente dovuto ad una spinta linguale bassa, anomala, ed il fatto che si siano spostati ora, a 48 anni suggerisce che i denti si siano "allentati" per motivi parodontali, cioè perchè le radici si sono indebolite ed hanno ceduto alla spinta linguale anomala, spostandosi. La soluzione principe è ortodontica, credo. In ogni caso è la migliore perchè quelle protesiche sarebbero sottoposte alle stesse problematiche. Ci vuole ortodontista + logopedista ed esercizi. Questa è una idea che mi son fatto a questa distanza, ovviamente va fatta una visita completa, come le suggeriscono tutti i colleghi..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Si può e si deve sistemare dopo fatta diagnosi, dopo visitata, specie sistemando il problema della deglutizione atipica. Cordialmente..............................

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

Gentile Signora Antonella, buongiorno. Come le hanno detto i miei Colleghi, non è possibile fare una Diagnosi On Line senza una Visita Clinica e Semeiologica Radiologica. Le cause possono essere tante, dalle più 2severe2 alle meno "severe" ma tutte presumibilmente "importanti e da non trascurare". Vista l'età di 48 anni, età che è la più colpita dalla Parodontite e che causa un "movimento dei denti" magari anche per la sopvrapposizione di patologie Gnatologiche o periapicali serie a livello osseo, inizierei col farmi visitare da un bravo Parodontologo (che poi è anche Gnatologo dato che le due Specialità "camminano insieme"). Che fare allora? Lei ha bisogno di due visite cliniche strumentali, semeiologiche e anamnestiche, intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Con le Rx endorali e le prove termiche e la Visita Clinica si valuta anche la presenza di carie, necrosi endodontiche, osteolisi periapicali, stomatiti etc. !!! E' stato fatto questo? Penso proprio di no! Non faccia fare terapia Ortodontica prima della Visita, Diagnosi e pianificazione terapeutica parodontale! Le tasche parodontali, tra l'altro, possono, anche se molto raramente, essere causa di infarto del miocardio (in particolare nel sesso femminile è stata dimostrata una relazione inconfutabile tra presenza di tasche parodontali e infarto del miocardio con incidenza maggiore che nel sesso maschile) e di malattie focali a distanza di organi importanti che hanno il loro Fucus di partenza "in cavità dell'organismo comunicanti con l'esterno", in questo caso le tasche parodontali in una Parodontite DNDD ma, qualsiasi infezione di qualsiasi cavità comunicante con l'esterno, del corpo umano, può essere in causa! Le Spiego:

La Parodontite è una infiammazione dovuta alla interazione delle tossine batteriche con il sistema immunitario, locale legato ai linfociti T e Sistemico più in senso lato! Bisogna fare una Seria Diagnosi prima, Parodontale, Gnatologica etc e bisogna valutare anche l'inserzione del frenulo superiore interincisivo che dalla foto, anche se sfuocata e non fatta bene, sembrerebbe essere molto fibroso e che "giri" dietro il palato a livello della zona dello Scarpa e valutare quindi la necessità o no di una frenulectomia con inserzione più apicale del frenulo stesso! La Parodontite causa difetti ossei che possono causare mobilità dei denti e spostamenti degli stessi per le "interferenze" gnatologiche che si creano e la perdita del supporto osseo! Si faccia visitare da un Parodontologo Gnatologo, ripeto e si arriverà ad una Diagnosi certa e terapia adeguata che prenda in esame anche un esame cefalometrico e della fisiopatologia della lingua e delle ATM. La terapia Parodontale eventuale, in parole povere, mira a Ricostruire chirurgicamente tutto il tessuto che la Malattia Parodontale avesse distrutto! Con innesti ossei artificiali o Membrane artificiale per una Rigenerazione GBR (Guided Bone Regeneration = Rigenerazione ossea guidata) GTR (Guided Tissue Regeneration = Rigenerazione tissutale guidata), ma è precoce ed inutile parlarne ora :).Cari Saluti e stia tranquilla che si risolve tutto
CONTINUA A LEGGERE
g.petti-ca-difetti-ossei-parod.145.jpg

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Sig Antonella, visita presso un odontoiatra le darà le corrette informazioni, vanno spostati tutti i denti della sua bocca, spostare un solo dente non da alcun successo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Antonella, finita la crescita i denti non si muovono se non c'è un problema. Questi possono essere molti, parodontali, occlusali ecc. Senza capire il perché ogni terapia non è risolutiva. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Antonella controlli se lei mastica a sinistra. Se e così, e continua a masticare a sinistra, nessun trattamento le risolverà in maniera definitiva il problema. deve prima modificare la sua masticazione che deve avvenire alternativamente da entrambe i lati, e se il problema non rientra spontaneamente solo allora intervenire con ortodonzia. Questo cambio di masticazione però difficilmente lo può fare solo con la sua volontà. Ci vuole un by-te che le modifichi lo schema di masticazione
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)