Menu

Domanda di Denti e bellezza

Risposte pubblicate: 7

Ho 21 anni e ho ancora molti denti da latte

Scritto da lidia / Pubblicato il
Buongiorno, ho 21 anni e ho ancora molti denti da latte, i molari per precisare. Anche dei miei parenti hanno questo problema. Mi stanno anche spuntando ora i denti del giudizio, e vorrei sapere se avrà delle ripercussioni sugli altri. Oltretutto avrei intenzione di mettere un apparecchio per raddrizzare i denti, e vorrei chiedere se è consigliabile metterlo nonostante i denti del giudizio non siano spuntati tutti e del tutto. Grazie mille
Cara Signora Lidia, buongiorno. Deve fare una Visita Clinica e Semeiologica dal Suo Dentista! Non è possibile rispondere alle sue domande senza una valutazione Clinica!La Visita Odontoiatrica è la massima espressione Culturale e di conoscenza Medico-Odontoiatrica e, se fatta come si deve , impegna il Cervello del Dentista per un'ora circa più una mezzora per le informazioni doverose di "consenso informato"! Non certo come essa viene fatta (Gratis) dai Centri Low Cost in senso lato o da Dentisti Privati che "sbandierano" visite gratuite e prezzi incompatibili con una qualità, non dico alta ma neanche media ed onorevole e soprattutto non lesiva per voi pazienti! Bisogna valutare clinicamente e gnatologicamente anche le disclusioni incisive in protrusiva, che proteggono i denti posteriori, le canine in lateralità che proteggono tutti gli altri denti nella loro totalità ed in Relazione Centrica che protegge i frontali. Bisogna valutare la correttezza delle tre curve di compensazione, di Spee e di Wilson per il piano occlusale rispettivamente sagittale e frontale. La terza curva di Compensazione da valutare e quella di Monson che non è altro che una sfera immaginaria che serve per allineare le cuspidi dei denti posteriori con i margini incisali degli incisivi frontali.
Sarebbe eventualmente opportuno anche uno studio con un arco facciale di trasferimento, essenziale per rilevare i rapporti spaziali delle sue arcate con la base cranica e per il montaggio dei suoi modelli di studio su un articolatore a valore medio per studiare la gnatologia della sua bocca e la sua clinica e le sue articolazioni con angoli di spostamenti come l'angolo o movimento di Bennet tra il piano sagittale ed il movimento del condilo in lateralità della mandibola che è la fotografia reale della sua patologia!

E' necessaria una valutazione Ortodontica! Trattandosi poi di una Disgnazia, per rispondere occorre check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! E Lei pretende, da profana di darsi una risposta vagando si Internet?! Spero che capisca il grave errore di approccio che sta avendo con la Medicina e l'Odontiatria in Genere e la Ortodonzia in particolare. Parli col suo Ortodontista o Dentista! Lasci perdere l'autodiagnosi e l'autoeraopia. L'Ortodonzia è complessa! Cosa vorrebbe mai fare? Cari saluti ed impari a fidarsi del Suo Dentista! Il rapporto di Stima e Fiducia Reciproca Medico-Paziente è Fondamentale, dovrebbe capirlo! Quanto ai denti decidui chi ha fatto la Diagnosi? Lei o un Medico Dentista? Presumo un Dentista ed allora Egli saprà se ci siano o no agenesie dei permanenti o no! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Gentile Lidia, purtroppo non è possibile rispondere alle sue domande senza i dovuti accertamenti. Per il suo caso clinico è necessaria una giusta diagnosi che risulta da una serie di esami. Innanzitutto una visita accurata sia dei denti, gengive e strutture parodontali. Anche l'aspetto e lo studio gnatologico cioè della sua occlusione, lo stato delle cuspidi (segni di erosione ) e della articolazione temporo-mandibolare. Importante e complementare è l'analisi delle radiografie. In molti casi inoltre è necessario rilevare le impronte e montarle in un articolatore. Quindi come potrà sicuramente comprendere purtroppo non è possibile darle una risposta od un consiglio basandosi solo sulle sue parole che non sono assolutamente sufficienti per una diagnosi. Le consiglio di affidarsi ad un buon dentista che saprà darle tutte le risposte ai suoi dubbi. Puo' cercare un dentista a lei vicino anche su questo sito alla Home-Page in cui c'è una sezione dedicata. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)

Sig. Lidia, non possiamo parlare della sua salute in questo modo, occorre una semplice visita odontoiatrica con accertamenti diagnostici, poi le verranno consigliate le corrette cure e date risposte corrette alle sue domande. Le consiglio di ricercare un professionista che non pubblicizzi la visita gratuita.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Carnate (MB)

La diagnostica e il relativo piano di trattamento, con tempistiche e costi, dei problemi di natura ortodontica come si deduce sia il suo, devono essere gestiti presso lo studio del suo dentista di fiducia da un Ortodontista specialista.
Serviranno radiografie specifiche, impronte etc erc

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Buongiorno Lidia
Non e' possibile rispondere alla sua domanda senza una valutazione clinica e radiografica. In genere la presenza dei molari decidi implica l'assenza dei premolari permanenti e tolgono spazio all'arcata. A seconda dei casi, della classe scheletrica, della masticazione, dell'identità dell'affollamento si fanno scelte differenti. A volte si tolgono e si lascia spazio per mettere degli impianti a fine terapia, altre volte si chiudono degli spazi,altri ancora si lasciano i decidi ma va valutato lo stato delle radici.I denti del giudizio in genere si preferisce toglierli ma Anche in questo caso va valutato da caso a caso. Quindi le consiglio di fare una visita ortodontica dove con lastre, impronte, foto e tracciato cefalometrico è possibile fare diagnosi e proporre la terapia.
Cordiali saluti
 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Marina Fiocca
Cremella (LC)
Renate (MB)

Gentile Sig.ra lidia, bisogna fare un attento esame clinico e radiologico per decidere qual' è la terapia più adatta a lei. Pertanto cerchi un dentista che le ispiri fiducia e si affidi alle sue cure. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)

Si tratta di una situazione complessa, non semplice. Ci sono quindi da quello che dice agenesie multiple: bisogna studiare bene un piano di trattamento con un professionista ortodontista che sia anche protesista o che sia in collaborazione stretta, multidisciplinare con implantologo e protesista. L'ortodonzia servirà per mettere i denti in posizione ideale, cioè nella giusta occlusione, combaciamento fra le due arcate, sia dal punto di vista estetico che funzionale, e poi pensare a come rimpiazzare i denti che la mamma si è dimenticata di creare..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)

Sullo stesso argomento