Menu

Domanda di Apparecchio invisibile

Risposte pubblicate: 5

Malocclusione di terza classe con morso aperto

Scritto da Gabriele / Pubblicato il
Salve, sono un ragazzo di 21 anni a cui è stato diagnosticato una "malocclusione di terza classe con morso aperto". Questa malocclusione è di natura scheletrica, dovuta infatti alla forma allungata del mio viso. Ho portato un apparecchio fisso fino all'età di 18 anni, e con questo sono riuscito ad avere un ottimo allineamento dei denti, che viene mantenuto attraverso uno splintaggio (fondamentale perché a causa di questa conformazione del viso ho anche una deglutizione atipica che li riporterebbe a disallinearsi). Ad oggi l'unico problema che ho, è un morso aperto di circa 1 mm, e diversi dentisti mi hanno detto che l'unica soluzione per correggerlo sarebbe stata quella di un intervento maxillo facciale. Oggi invece ho sentito il parere di un'altra dentista che sostiene che con l'applicazione delle mascherine Invisalign la chiusura del morso possa essere ripristinata e mantenuta successivamente attraverso un altro splintaggio. La mia domanda è se effettivamente questo tipo di intervento è possibile o se l'unica soluzione sarebbe effettivamente quella di un operazione chirurgica? Ringrazio anticipatamente chi sarà così gentile da darmi il suo parere professionale.
Caro Signor Gabriele, buongiorno. Si faccia visitare anche da un Logopedista per valutare la funzionalità della lingua. Detto questo, non si può rispondere senza una Visita Clinica e Semeiologica, la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni, numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Non solo non sarebbe corretto, ma non sarebbe professionale. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)

Buongiorno Gabriele. Non è tanto facile quanto riferisci: le mascherine Invisalign non curano il morso aperto o la malocclusione di terza classe solo indossandole, anche se queste possono essere validamente utilizzate per curare sia la terza classe, che il morso aperto. La differenza è sostanziale, perché dipende dalla competenza del dottore che interviene nel curarti. Le mascherine Invisalign hanno un indubbio vantaggio: sono lo strumento ed il mezzo di una nuova ed innovativa tecnica ortodontica e, essendo queste dei bite, anche se molto semplici, possono essere di aiuto per interventi gnatologici. Tutto ciò solo se l'utilizzatore è un medico esperto nella tecnica Invisalign. Riguardo la cura del suo caso, bisogna partire da una visita e da una diagnosi medica molto accurata! Terza classe scheletrica può significare sia una posizione avanzata della mandibola e sia una mandibola più grande di quanto dovrebbe essere. Se la mandibola è troppo grande, è necessario l'intervento chirurgico per ridurla, oltre al trattamento ortodontico (tradizionale o Invisalign) per rapportare i denti tra loro. Se invece la mandibola è avanzata, allora si rende necessaria la terapia gnatologica (che include anche quella ortodontica) e posturale, per il riposizionamento mandibolare e dentale. Il morso aperto persistente può essere ridotto con terapia ortodontica (sia tradizionale che Invisalign). Lo splintaggio fisso di contenzione per il morso aperto è una pratica controindicata, perché metterebbe in serio pericolo parodontale i denti bloccati dallo splintaggio. Per il morso aperto bisogna intervenire sulla funzione linguale, poiché è la sua causa è la lingua che spinge male contro i denti. La terapia adatta è quella miofunzionale, oltre a quella ortodontica (sia tradizionale che Invisalign) che pure è necessaria per creare il giusto spazio buccale al fine di consentire i corretti movimenti linguali. In definitiva, con Invisalign avrà certamente una chance in più, ma occorre che il dottore operatore sia molto esperto. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)

Logopedista assolutamente per la deglutizione atipica, da gestire e ridurre il più possibile altrimenti anche lo splintaggio potrebbe saltare.
Ad oggi, con l'ausilio di software specifici di elaborazione dati, si possono pre - visualizzare i risultati con allineatori invisibili tipo Invisalign, in modo tale da non avere dubbi sul risultato finale; in questo modo potrà scegliere questa opzione oppure escluderla se incompleta per il suo caso clinico.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)

Sinceramente trovo utopistico pensare a risolvere una terza classe open bite ( se la diagnosi e' giusta) senza la chirurgia.
Vedrei una sola possibilità per migliorare la situazione dentale ( ma non il profilo cutaneo) eseguendo una terapia secondo la filosofia del professore Sadao Sato.
In questo maestra e' la dottoressa Monica Casadei dello studio Casadei / Testi di Ravenna a cui potrebbe chiedere un parere.
 

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Caro Gabriele; se hai la deglutizione atipica bisogna correggerla perche è facile e senza l'aiuto della logopedista: basta posizionare perfettamente la punta della lingua sul palato a 2mm dagli incisivi e deglutire 100 volte al dì per 2 mesi. Tenere la lingua sempre incollata al palato durante e dopo gli esercizi. Che un morso aperto si possa correggere con invisalign è possibile ma non nella 3a classe. Chiedere un parere alla dottoressa Casadei è ottima cosa ma non credo possa fare miracoli.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)

Sullo stesso argomento