Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 7

Ho avuto una cellulite orbitale e sono ancora sotto cura antibiotica

Scritto da lisa / Pubblicato il
Salve. Ho avuto una cellulite orbitale e sono ancora sotto cura antibiotica. L'oculista che mi sta curando mi dice che potrebbe essere stata causata da un curettage a cielo chiuso che ho fatto un mese fa senza che mi venissero prescritti antibiotici. Ora mi dice che a fine cura dovrò curare la causa di questa cellulite e cioè i denti. I miei problemi sono iniziati (secondo me) dopo aver baciato un ragazzo affetto da una parodontite grave, aveva anche già perso gli incisivi superiori. Da allora, infatti, ho iniziato ad avvertire bruciore alle gengive e quindi dovendo anche mettere un apparecchio ortodontico, mi sono rivolta a due dentisti parlando del bruciore ma questi mi hanno detto che le gengive erano sane. Poi mi sono rivolta ad un paradontologo che dice di avermi trovato delle tasche di 6mm dal primo premolare all'altro e quindi ho fatto il curettage senza antibiotici. Ad un mese dopo l'intervento il bruciore, il dolore ai denti e al naso non passava. Poi ho avuto una forte emicrania alla parte sinistra con fotofobia e mi sono recata dall'oculista che mi ha appunto trovato la cellulite orbitale. Inoltre ho anche un molare devitalizzato più di un anno fa che sanguina e 2 denti del giudizio superiori che erompono. Secondo voi dopo la potente cura antibiotica per la cellulite (2 fiale di rocefin da 1 gr al giorno più 2 compresse di ciproxin 500mg) i batteri entrati presumibilmente dal parodonto saranno debellati? o avrò ancora bisogno di altre cure?
Sig. Lisa, c'è un po' di confusione, nel cavo orale l'antibiotico abbassa la carica batterica, ma terminata la sua emivita se non sono state rimosse le cause si ripresenterà l'infezione. Come le ha consigliato giustamente l'oculista deve sottoporsi a delle semplici cure odontoiatriche, senza cercare di inventarsi dei mezzi di contagio o commentando trattamenti parodontali senza cura antibiotica, perchè probabilmente non sono la causa dei suoi malesseri.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Tasche Parodontali In fraossee complesse a più pareti e loro terapia chirurgica parodontale ossea ricostruttiva in alto e Rigenerativa con Membrane in basso. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Lisa, buongiorno. Certamente la Cellulite Orbitale ha una origine infettiva. I Batteri più comunementi in causa nella sua etiopatogenesi sono i Cocchi ed in particolare Streptococchi di diversi tipi come il piogenes, l'aureus etc. Anche l' Influenza, se sostenuta dall'Haemophilus Influenzae, specie il "B" che non è un Virus ma un coccobacillo Gram negativo della famiglia delle Pasteurellaceae. In genere la sede di questi focolai infettivi è da ricercarsi in una Sinusite, specialmente etmoidale. Il bacio di cui parla, del ragazzo con la Parodontite, non può essere causa di niente. La Parodontite non è assolutamente contagiosa, ma chi mai glielo avrebbe detto? Stia tranquilla, sono Parodontologo e parlo con cognizione di causa!Invece sarebbe opportuno pensare ad una Malattia Focale. Le malattie focali che sono malattie di organi sistemici a distanza come Cuore con Endocarditi batteriche, I Reni con Glomerulonefriti, l'occhio con Uveiti o altre Flogosi etc e possono, se trascurate essere gravi perchè diventano autoimmuni e quindi automantenentesi se non le si diagnosticano in tempo! Ma, per completezza dirò che la etiopatogenesi delle malattie focali prende origine da "Qualsiasi cavità dell’organismo comunicanti con l’esterno", ossia da retto, intestino, apparato gastroenterico, vie biliari, fegato, pancreas, faringe stomaco, orecchio esterno, medio ed interno, seni paranasali, vie respiratorie come faringe, laringe, trachea, bronchi, polmoni etc. Tra queste cavità comunicanti con l'esterno c'è la cavità orale con le sue infezioni, in particolare tasche parodontali e osteolisi periapicali trascurate e non curate adeguatamente! Però sono malattie rarissime e hanno sintomi prodromici molto particolari e ben precisi che qualsiasi Dentista o Medico o Specialista Internista conosce! Non li dico perché se no si suggestiona e potrebbe falsare i sintomi inconsapevolmente! Ne parli col suo Dentista che valuterà tutto clinicamente! Rimanere con una infezione in bocca "che è appunto una cavità comunicante con l'esterno", può esporla alle malattie Focali come descritto. Questo a prescindere dalla patologia locale! Cari saluti e si faccia visitare non solo dal Dentista ma anche da un Medico Specializzato in Medicina Interna che la visiterà e le farà fare delle analisi ematologiche generali, tra cui, RA Test, Proteina C reattiva, Ves, Emocromo con formula, Aslo e tante altre più specifiche. Personalmente affronterei la sua malattia del tessuto perioculare, così, iniziando con queste analasi e con una Visita molto approfondita, Parodontale ed Odontoiatrica e Sistemica Clinica che porterebbe ad una Diagnosi certa o nel peggiore dei casi "sospetta" con Diagnosi Differenziali DNDD (di natura da determinarsi). Stia tranquilla, ne uscirà fuori! Cari saluti ed Auguri per l'anno Nuovo sperando che sia proprio Nuovo, Gentile Signora Lisa. Un :) di incoraggiamento per lei! Il fatto che siano state trovate tasche può voler dire tutto e niente. La Visita Parodontale diventa una visita "totale odontoiatrica". È quindi una visita complessa che richiede almeno un’ora/due ore, compreso un Colloquio col Paziente, seguita da una Preparazione Iniziale dell’apparato Stomatognatico, un rilievo di dati ed eventualmente analisi cliniche, che richiedono almeno ulteriori due/quattro ore ed infine una seconda visita detta Visita di Rivalutazione Parodontale, che richiede due/tre ore in cui si emette una Diagnosi, una Prognosi, un Piano Terapeutico non solo Parodontale ma Totale di tutti i problemi e Patologie presenti! Questo è essenziale per arrivare ad una corretta Diagnosi ed emettere una altrettanto corretta Prognosi. Insomma devo poter mantenere viva ed in allerta tutta la mia "Capacità di Clinico Medico e Parodontologo".La Terapia Parodontale, consiste essenzialmente nel ricostruire chirurgicamente ciò che la malattia parodontale ha distrutto." Ha bisogno di due visite cliniche strumentali, semeiologiche e anamnestiche, intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling (sotto copertura antibiotica proprio per prevenire le malattie focali) (precisando che un curettage non può però essere causa diretta del sua patologia oculare) e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Preciso a tal proposito che per arrivare ad una Malattia focale trascorronono mesi e mesi se non anni. In questo senso il Curettage non può essere in causa ma può essere in causa la Parodontite e gli antibiotici , durante il curettage e scaling, servono per non lanciare in "circolo" (cosa tra l'altro rarissima) i microbi in causa per la Parodontite che sono gram negativi anaerobi "molto cattivi". Riprendendo il filo del discorso: Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Spero di essere finalmente stato chiaro ed esaustivo. Con la visita Parodontale si valuta anche la mobilità dei denti e si fa una Diagnosi. Si possono "muovere" per presenza di un ascesso di qualsivoglia natura o per una parodontite. Vedere sopra! La mobilità dei denti non si "saggia" con il polpastrello e tanto meno con la lingua perchè viene falsata. Non la si può neanche valutare da soli. Deve essere il Dentista a valutarla con uno o tra due strumenti rigidi. La mobilità dentale ha 3 gradi. Nel 1° il dente si muove in senso vestinolo linguale se inferiore o palatale se superiore di meno di un millimetro. Nel 2° si muove di un millimetro o anche poco di più. Nel terzo, oltre al movimento del secondo grado ha anche un movimento assiale in senso corono-apicale ed indica la gravità avanzata! La mobilità è dovuta di regola ad un difetto osseo orizzontale o verticale di regola manifestantesi con tasche parodontali ma bisogna fare una Diagnosi Differenziale con le altre cause, ossia patologie periapicali o periradicolari osteolitiche dovute in genere a necrosi pulpare (anche essa può essere causa di Malattie Focali) o a deiscenze ossee o a insugfficienza di gengive aderente in presenza per esempio di serie recessioni gengivali o ancora a patologie gnatologiche che comportino traumi di occlusione nelle tre disclusioni, protrusiva, lateralità destra e sinistra e relazione centrica. Un trauma d'occlusione però è raro che possa produrre una mobilità che ricercherei quindi nel Parodonto sondandolo meglio e nelle patologie endodontiche con prove termiche di vitalità pulpare e Rx endorali per escludere altre cause di cui è inutile parlarle! Le lascio un Poster di diverse Parodontiti e loro terapia.Ancora Cari Saluti ed un ulteriore :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Scelga meglio chi baciare: come si fa a baciare uno senza incisivi?

Scritto da Dott. Gianfranco Gentile
Locorotondo (BA)

Come illustratole dal collega dott.Petti la cellulite orbitale, infezione acuta dei tessuti circostanti l'occhio di origine infettiva (stafilococco aureo, streptococco pneumoniae e streptococco beta-emolitico), deriva per lo più da un'infezione del seno mascellare. Ed è giustamente da trattare con approccio antibiotico importante (come quello che sta facendo) ed eventuale drenaggio chirurgico (se ritenuto opportuno dal medico che la segue..). Lasci stare infezioni derivanti da curettage senza copertura antibiotica (che comunque, se fatto correttamente, prevede una copertura antibiotica perchè un minimo di rischio infettivo extra-orale c'è), piuttosto remote, e anche contagi in seguito a baci su soggetti parodontopatici (inesistenti). Comunque, segua il consiglio del suo Oculista, dato che di problematiche a livello del cavo orale ne ha elencate diverse e non ne ha risolta neanche una, si appoggi ad uno Studio Dentistico serio, con Professionisti seri, che la possa curare correttamente e seguire nel tempo. E risolverà, oltre al suo problema oculare, anche tutti gli altri problemi a livello del cavo orale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Consiglio alcuni fattori: di rivolgersi vista la serietà della situazione al dr. Petti proprio, che nella sua regione (e non solo) è il massimo esperto di questo tipo di patologie. Un consulto le dirà esattamente come stanno le cose. E di verificare bene la qualità delle sue amicizie perchè la situazione del ragazzo da lei descritta fa pensare ad abuso di sostanze voluttuarie ed eventuali infezioni correlate. Certamente non è questa l'unica opzione, ma chi ha guai come quello descritto spesso si associa a abitudini pericolosissime
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Per quanto riguarda i problemi parodontali, essi vanno trattati dopo essere stata fatta una corretta diagnosi da un parodontologo e anche da un'odontoiatra generico che sappia trattare la malattia parodontale... Avere tasche di 6 mm a 24 anni è grave e va affrontato quanto prima. Si affidi quindi ad uno studio serio e si faccia anche una valutazione del seno mascellare ed una visita otorino, se necessaria. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Gentile Sig. Lisa, non mi sembra corretto dire che la cellulite orbitale sia stata causata da curettage a cielo chiuso senza la successiva prescrizione di antibiotici. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento