Domanda di Corone

Risposte pubblicate: 7

Ci sono controindicazioni all'uso di corone in cromo-cobalto-molibdeno-ceramica?

Scritto da Roberto / Pubblicato il
Vorrei che mi illuminaste sulle controindicazioni relative all'uso di capsule in lega metallo(cromo-cobalto-molibdeno)-ceramica che mi è stata proposta dal mio dentista. Questa tecnica è ancora utilizzata? Il dente da coprire è un molare inferiore sul quale sarà montato un perno moncone e pare che io soffra di bruxismo notturno ed il mio dentista afferma sia l'unica soluzione.
Non ci sono controindicazioni all'uso di una lega in cromo-cobalto-molibdeno-ceramica se c'è precisione è solo quella meno costosa.

Scritto da Dott. Pierluigi Avvanzo
Foggia (FG)

Sig. Roberto, concordo con quanto ha scritto il Dr.Avvanzo, aggiungo solo che il bruxismo va trattato diversamente. Saluti

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Signor Roberto, pur non sussistendo controindicazioni specifiche, consiglio di optare per una corona il lega nobile, in quanto la differenza di costo è irrilevante. Buona giornata

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Non capisco la necessita di eseguire una corona in lega NON NOBILE e rivestirla in ceramica, giustificando il tutto col suo bruxismo. Il metallo che costituisce l'anima della sua corona è meglio sia in lega NOBILE per la migliore biotollerabilità in bocca. Per il problema del bruxismo, non cambia nulla perché la parte estetica e masticante sarà sempre in ceramica. Per cui la terapia della parafunzione, non è quella di mettere una corona con lega non nobile, ma quella di valutare, prima del rifacimento protesico di un dente tutte le correlazioni occlusali e gnatologiche attraverso un attento percorso di analisi sia con i modelli montati in articolatore, con rilevamento dell'arco facciale, eventualmente analisi occlusale con T-Scan e elettromiografia dei muscoli masticatori, passando anche, se necessario, da un BITE di scarico. Forse è meglio che si faccia spiegare di nuovo la proposta del collega curante per avere migliori spiegazioni a riguardo. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

Sig. Roberto, alcuni autori bandiscono l'uso del metallo per la costruzione di protesi, limitando la durata e la qualità dei manufatti. Tutte le leghe utilizzate in odontoiatria sono conformi e certificate dal produttore. Una controindicazione potrebbe essere una spiccata allergia verso questi metalli. Attualmente la maggior parte delle protesi sono costruite utilizzando dei metalli senza grandi complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se non vi sono allergie specifiche può tranquillamente sottoporsi a riabilitazione con queste leghe.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro signor Roberto,... inizio con una domanda...perchè mai le corone migliori sono quelli in oro platino porcellana? Non perchè costano di più ... costano anche al dentista molto di più ...ma perchè il solo metallo duttile e malleabile per ottenere una precisione assoluta è l'oro, meglio se col platino...rivestito mpi di porcellana! Tutte le altre (tranne quelle in materiali come il Zirconio o il Vetropolimero) di metalli non nobili ...ossia non pregiati...come quelle di cui lei chiede informazioni..NON SONO PRECISE...in particolare nei bordi di chiusura sulla spalla del moncone dentale preparato...per cui si infiltrano e / o danno malacia.,..= Rammollimento della dentina... Quindi sono sconsigliabili a meno che non ci siano problemi economici che ne giustifichino l'uso...ma poi a lungo andare i costi sarebbero maggiori dovendo reintervenire in futuro per infiltrazioni o malacie che comportorebbero sicuramente maggiori spese per eliminarle...col rischio di perdere denti importanti...tra l'altro. Questo ovviamente in linea di massima...e senza aver visto la sua situazione clinica...quindi prenda queste mie considerazioni come consigli e niente più...Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia