Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 8

SEGUITO ALLA DOMANDA: Protesi mobile e bruciore insopportabile

Scritto da Anna / Pubblicato il

Grazie a tutti per le risposte. Non sapendo come aggiungere ulteriori info ho dovuto aprire un altro post Innanzitutto mi preme dire che io non vivo in Italia, quindi ho chiesto altre informazioni a mia madre (che vive in un paesino del Sud Italia) per essere più precisa e, devo dire che emergono elementi forse un po' sconcertanti tipo: a) non è il dentista a seguirla ma un tizio chiamato "tecnico" il quale non ha mai dato spiegazioni rispetto all'uso dei materiali impiegati. Il dentista prende i soldi ma non ha mai seguito personalmente mia madre b) Soltanto dopo le rimostranze di mia madre ha ammesso di aver usato resina nella prima protesi mentre la composizione della seconda rimane un mistero. L'ultima pare sia stata prodotta in "termoplastica" che non so esattamente cosa sia. c) Il test allergenico non è fattibile perché pare che in Calabria non vi sia un centro dove effettuare questo tipo di test. Ci dicono che il più vicino sia in Sicilia ma essendo mia madre sola non saprebbe come andarci. Inoltre, non sapendo che materiali sono stati usati, come ci si può rivolgere ad un centro richiedendo un test allergenico per sostanze indefinite? d) Il tecnico non credo sia in mala fede, credo sia il dentista a non svolgere il suo lavoro correttamente, già in passato aveva messo delle capsule in bocca a mia madre facendole spendere un capitale, ma le si erano rotte in bocca ed è rimasta senza soldi e senza denti e) Mi si dirà che avremmo dovuto cambiare dentista ma ne abbiamo girati diversi e a parte le cifre improponibili per le nostre tasche, nessuno si è mai preoccupato di consigliare un test allergenico col pretesto che in Calabria questo tipo di test non sono effettuabili. f) L'opzione impianti fissi è stata scartata per il problema di apparente intolleranza di mia madre a una non meglio precisata sostanza. Nel dubbio meglio farla mobile cosi nel caso la si toglie facilmente (cito testuali parole). g) Se fosse sindrome della bocca urente il bruciore non dovrebbe manifestarsi sempre e non soltanto non appena mette la protesi in bocca? Per finire, quello che più mi sgomenta, è la malafede di alcuni sedicenti professionisti che si nascondono dietro ad un titolo di dottore e speculano sulle difficoltà e sulla mancanza di mezzi di una povera donna sola. Non si mettono in testa che oltre all'evidente disagio estetico lei non mangia che cibo semiliquido da oltre un anno. E non credo nemmeno che se avessimo avuto più soldi avremmo forse risolto. Anche i dentisti a prezzi inavvicinabili hanno proposto un modello e via e se non va bene se lo toglie! Ora io sarei anche disposta a tornare e spendere il giusto, portarla a fare test e controlli ma come e dove? Era questo il senso della mia domanda: a chi possiamo rivolgerci in Calabria e che spesa "giusta" dobbiamo preventivare per risolvere il problema? A chi possiamo chiedere per questi test? C'è un professionista serio e onesto disposto a seguirci per bene in Calabria? Grazie mille a tutti

 

Precedente:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/protesi/8199_protesi-mobile-e-bruciore-insopportabile.html

Aco facciale di trasferimento per articolatore a valore medio per avere il giusto rapporto spaziale rispetto alla base cranica e per studiare il movimento di Bennet per Costruire una Raziopnale ed efficace Protesi Totale Rimovibile. Uno dei tanti Metodi ovviamente. Da casistica del Dr. Gustavo Petti
Cara Signora Anna, cercherò di rispondere in modo sintetico. Se le informazioni che ci da fossero esatte, il Tecnico sarebbe un "abusivo" ed il Dentista "un prestanome", due figure che disonorano la Nostra Professione Medico- Odontoiatrica e che sono illegali e quindi punite dalla Legge! Lei ci sta dicendo questo e Sua madre deve abbandonare subito questo cosiddetto "Studio non legalmente in regola", denunciare queste persone e cercare un altro Dentista onesto e soprattutto capace! Questo, ovviamente, in base a quanto racconta Lei e prenda quanto dico con la dovuta cautela perché a volte il Tecnico può essere presente in Studio e Collaborare col Dentista ma con le sole Mansioni di Odontotecnico e questo è perfettamente Legale!! Quindi rispondere con precisione via web non è semplice! Spero che sia chiaro! Non vorrei accusare persone innocenti di "misfatti" solo in base a quanto riferisce Lei da un altro paese e non capendo perchè non sia sua Madre a rispondere direttamente di persona! Quello che ho detto descriverebbe una situazione di illegalità grave e pericolosa per la salute del paziente in particolare dal punto di vista igienico-sanitario oltre che Professionel-Culturale Medico Odontoiatrico vero e proprio! Per quanto riguarda i test dei materiali è il Dentista stesso che li può e deve fare o un qualsiasi Allergologo! Non c'è bisogno do centri specializzati! Basta saper fare il Medico! Gli impianti non mi risulta che abbiano materiali allergenici! I problemi degli impianti nel caso sono ben altri e di natura Gengivale, mucogengivale ed ossea! Non si fissi sui test! Sono convinto che anzichè vere e proprie improbabili e "comode" allergie, si tratti di "incapacità " a realizzare una protesi rimovibile ad Hoc in una bocca in cui magari sarebbe necessario prepararla chirurgicamente a ricevere la protesi rimovibile totale! Solo una o ppiù visite Cliniche possono portare ad una Diagnosi, ad una Prognosi ed infine ad una pianificazione Terapeutica Protesica od implantologica che sia! Basta che sua Madre sia visitata da un buon normalissimo comunissimo Dentista Onesto che certamente troverà in sede! Cerchi il nome tra i curricula dei Dentisti di Dentisti Italia, digiti questo nome su un motore di ricerca e valute il suo Curriculum, pubblicazioni, attività culturale. Non sarebbe indispensabile avere tutto questo ma almeno sarebbe un buon punto di partenza il sapere che si trova davanti ad un Dentista che fa Cultura ed è preparato!Spesso in queste situazioni un pò complesse, bisogna fare una prima protesi con Hidrocast, un materiale particolare che ha la caratteristica di mutare la propria forma ed adattarla entro certi limiti a quella in evoluzione pèer gli interventi, dei tessuti operati. Poi dopo diverse ribasature sempre più precise e confortevoli, si arriverebbe alla protesi definitiva, in genere a distanza di sei mesi- dodici mesi dalla prima! Stia certa che agendo così si risolverebbe brillantemente la situazione di sua madre! Ovvio che tuutto questo "costa"! Ma se ci pensa bene sempre meno di quanto magari ha speso poco alla volta in questi ultimi tempi cercando di risparmiare. Un detto recita " Chi meno spende, più spende"!

Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Anna, accompagni sua madre dal medico di base spiegategli tutto, vedrà che la invierà per visita specialistica presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Emerge con chiarezza che lo studio cui si è rivolta per vari motivi non è stato in grado di fare un lavoro adeguato. Cioè è uno studio dove si va per spendere di meno, ci lavora in bocca un tecnico, il dr è insoddisfacente etc etc - Questa cosa deve assolutamente toglierle dalla teste la questione delle allergie e dei test. Questa probabilmente è solo una protesi fatta male, imprecisa, con materiali scadenti. No allergie o altre scusanti assurde. Una protesi fatta bene da un bravo dr, con i materiali migliori anche se forse costa di più, riuscirà a soddisfare completamente le esigenze della mamma...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, non sto in Calabria, per cui non conosco sedi dove effettuare i test di cui ha bisogno, le posso pero dire con certezza che ad Agropoli (SA) esiste un ottimo centro ospedaliero per le allergie diretto dal dott. Enzo Patella. Cordialmente Gustavo De Felice gusfelix@libero.it

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Andiamo per le spicce. Chi fa protesi ha obbligazione legale di risultato, il che significa: senza un risultato positivo, niente soldi. Su questo punto la giurisprudenza è costante, e su questo punto qualsiasi giudice dovrebbe sbrigare la causa in un quarto d'ora. Tenga presente che il dentista che ha fatto pasticci, e ha uno scheletro nell'armadio, conosce bene la norma medico legale, e sa in anticipo di essere dalla parte del torto. Con il tono giusto, gli si può rinfrescare la memoria per pretendere il ritorno dell'acconto eventuale. Passiamo avanti. Un dentista serio e moralmente rispettabile non fa prezzi da rapina, perché preferisce legare con la stima la persona che si affida e non ha nessuna tentazione di fare un colpo al bancomat. Passiamo avanti. La protesi totale superiore è tanto semplice in mani esperte che ha sempre il cento per cento di successo. Senza viteria e senza crudeltà. Mi rincresce constatare che in Calabria (Magna Grecia!) non ci sia un dentista bravo e buono, e che lavori - presto e bene - a prezzi normalissimi. C'è qualche mio collega che voglia farmi cambiare idea? Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

In tutta la mia vita professionale (e intendo 3 anni da assistente alla poltrona, 16 da odontotecnico e 11 da medico odontoiatra) non ho mai visto una allergia a resina per palati ( così si chiama la resina con cui è realizzata la protesi completa). Certo tutto può essere, ma credo che la causa sia da ricercare nella realizzazione della protesi. Seppur bravi, i tecnici non sono autorizzati dalla legge ad operare direttamente in bocca al paziente. Credo sia meglio che si rechi da un vero dentista, che eventualmente potrà confezionare una protesi con materiali a impatto pressochè nullo. Il prezzo più basso è quello che si paga per un lavoro ben fatto. Se lo si fa male, poi andrà rifatto da un altro dentista, e si troverà ad aver speso il 175%, o giù di lì. In bocca al lupo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara signora, sarebbe bene che lei si rivolga ad un dentista che si occupi lui personalmente della bocca di sua madre. Le allergie alle resine di cui sono fatte le protesi mobili esistono, ma è tutto da verificare con dei test allergologici. Comunque ci sono varie alternative valide nel caso fosse davvero una allergia al monomero acrilico. Io collaboro in uno studio a Bovalino (rc) Casomai può contattarmi per una consulenza. Distinti saluti

Scritto da Dott. Fabio Chinè
Roma (RM)

Buon giorno Signora Anna, le reazioni allergiche alle protesi si manifestano, più spesso, con stomatiti e cheiliti, cioè infiammazione delle labbra; i sintomi soggettivi sono perdita del senso del gusto, intorbidimento, formicolio o vero e proprio dolore fino alla cosiddetta sindrome della “ bocca bruciante”. Diversamente sono invece se si presentano delle vescichette bianche che possono essere la manifestazione di varie patologie e sarebbe necessaria una visita. Si potrebbe trattare di ulcere da decubito per la protesi, di candida o di vescicole erpetiche.Una visita presso uno studio odontoiatrico ulteriore sarebbe MOLTO utile. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.