Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 11

Piorrea - Tutti e quattro gli icisivi inferiori si muovono

Scritto da lina / Pubblicato il
Mi chiamo Lina, nella parte inferiore della bocca tutti i 4 denti davanti si muovono in particolare 1, problemi di parotondologia. Un dente è rimasto pochissimo nell' "osso" (è solo 4.5 mm di osso), il dentista vuole togliermi 3 denti devitalizzarne uno e limare i canini con i premolari. Ma mi chiedo è possibile che è l''unica cosa da poter fare? non si può fare qualche altra cosa in parodondologia grazie.
Gentile Lina, senza un esame clinico e radiografico è difficile darle consigli. Da quanto ci descrive la terapia scelta dal collega mi sembra buona. Perchè non valutate l'idea implantologica? Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile signora Lina, in Parodontologia si può fare moltissimo ... poterlo dire però senza vederla è veramente "un azzardo"...in ogni caso: 1- Bisogna vedere che tipo di mobilità hanno i suoi 4 incisivi inferiori (ci sono tre gradi di mobilità). Mi dice che un dente ha solo 4.5 mm. di osso...non sono mica pochi!!! Ciò vorrebbe dire che lì c'è una tasca di circa 9 mm. che in linea di massima è ancora trattabilissima con la chirurgia ossea ricostruttiva! Però non mi specifica se i 4.5 mm si trovano in un punto solo del ente...o se è intorno a tutto il dente...mi spiego meglio: la misura delle tasche parodontali vanno prese in sei punti per gni dente! Poi non mi parla di tutti gli altri denti della bocca...se si trattasse di Parodontote (nota volgarmente col nome di "piorrea"), anche gli altri denti della bocca sarebbero colpiti..se fossero colpiti solo i 4 incisivi inferiori...allora bisogna cercare probabilmente altre cause. Per esserle d'aiuto veramente la pregherei di leggere nel mio profilo i seguenti articoli: LA VISITA PARODONTALE , poi LA "PIORREA", poi "LA GENGIVITE" ...in particolare la visita parodontale le farà capirte se chi l'ha visitata e ha deciso di estrarre i denti è un Parodontologo o no! Il consiglio è: NON SI FACIA ESTRARRE I DENTI..BISOGNA CHIARIRE PRIMA I REALI PROBLEMI DELLA SUA BOCCA...legga l'articolo e se ce la fa anche gli altri due...e poi mi riscriva su questo portale per darmi informazioni maggiori!...NON SI FACCIA ESTRARRE I DENTI...Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, in linea di massima, qualsiasi cosa venga proposta da uno specialista ha un senso. tuttavia la visione dei problemi parodontali sta cambiando; mentre fino ad ora ci siamo dedicati solo a rimediare all'effetto della placca dentaria o del trauma occlusale utilizzando interventi sempre più sofisticati, ma senza risultati sempre definitivi, ora si è cominciato a cercare di capire perchè i denti si spostano e ci si è resi conto che quasi sempre l'accumulo di placca e il trauma occlusale sono conseguenza di una muscolatura che lavora male, di una lingua che spinge contro i denti oltre mille volte al giorno con una forza di oltre un kilo ogni volta, di labbra che non riescono a bilanciare questa spinta. In questo caso prima di tutto bisogna fare un esame della funzionalità muscolare, controllare se fosse presente un frenulo linguale che impedisca alla lingua di andare contro il palato e che la indirizza invece contro i denti. Una volta accertata la presenza di un fattore del genere, la muscolatura va liberata, se c'è un frenulo, e rieducata. Ciò renderà più efficaci e duraturi gli eventali trattamenti parodontali. La saluto
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Antonio Ferrante
Nocera Inferiore (SA)

Cara Lina, non potendola visitare e non avendo le radiografie è difficile comunque ci pensi bene prima di farsi estrarre i 4 denti, parli bene col suo dentista e se lui non è in grado di risolvere il suo problema si rivolga ad altri

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Cara Lina, per quello che hai racconatato sembra che i tuoi denti abbiano una mobilità 3 o addirittura 4, il che impone un trattamento di exodonzia (estrazioni). In ogni modo prima di fare un piano di trattamento protesico "definitivo" è importante che ti si venga ben valutata la tua situazione parodontale generale. Cari saluti Dr. Vincenzo Bifaro Giugliano (NA) vinbi@inwind.it

Scritto da Dott. Vincenzo Bifaro
Giugliano in Campania (NA)

Esistono alcune opzioni tra cui un trattamento non invasivo a base di gel antibiotico (Metronidazolo) da applicare in studio per ridurre la carica batterica nelle tasche parodontali. Sarebbe ovviamente opportuno avere ulteriori elementi anamnestici e clinici. Cari saluti.

Scritto da Prof. Attilio Menduni De Rossi
Castellammare di Stabia (NA)

Ha pensato a sostituire i denti con degli impianti? Si faccia estrarre i denti! Mi scuso con chi la pensa diversamente da me, ma le altre soluzioni sono estremamente lunghe e non certe.

Scritto da Dott. Luciano Rita Maria Amelio
Catanzaro (CZ)

Gentile paziente, se il collega ha valutato l'estrazione dei denti evidentemente la soluzione conservativa non è proponibile. Naturalmente se. In alternativa al ponte, che mi sembra lungo, si potrebbero porre degli impianti. In questo caso andrà valutata la quantità e la qualità dell'osso residuo, ed eventualmente rigenerarlo con le metodiche più indicate (rigenerazione guidata, innesti, distrattori ecc.). Cordialmente.

Scritto da Dott. Giuseppe Scandale
Roseto degli Abruzzi (TE)

Sig.ra Lina estremi mali, estremi rimedi. Probabilmente la sua malattia parodontale andava intercettata prima. Le consiglio di applicare una giusta prevenzione al resto dei suoi denti leggendo la pubblicazione "LA BOCCA" che trova in home page.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Lina, è impossibile darle un consiglio senza visitarla e senza Rx, l'unica cosa che puo fare oltre ad un accurato csaling, è la legatura degli incisivi, che temporeggia un pò la prognosi infausta che le ha decretato il suo dentista. Colgo l'occasione per segnalarle un articolo da me pubblicato: Igiene orale e malattia paradontale. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sullo stesso argomento