Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 11

Sono al 9 mese di gravidanza e circa 2 mesi fa mi è uscita un epulide gravidica

Scritto da Emanuela / Pubblicato il
Buongiorno, vi scrivo per chiedervi un parere riguardo il mio problema. Sono al 9 mese di gravidanza e circa 2 mesi fa mi è uscita un epulide gravidica (così chiamata dai 2 dentisti che mi hanno visitata) Il primo dentista mi ha devitalizzato il dente credendo fosse una fistola dato che all'inizio della gravidanza (quando ancora non sapevo che ero incinta) ho messo 6 faccette. Successivamente quando ha visto che continuava a crescere mi ha detto che era un epulide gravidica e che sarebbe regredita dopo la gravidanza. La scorsa settimana ho voluto ascoltare il parere di un altro dentista il quale dopo una lastra mi ha comunicato sempre che è un epulide gravidica, ma che ho perso il dente ( INCISIVO CENTRALE) che subito dopo aver partorito devo sottopormi ad un intervento di rimozione fino all'osso che dovrò stare senza dente finchè non me ne verrà impiantato uno nuovo. (e che tra le altre cose non potro' allattare più per vie dei medicinali che dovrò prendere) Essendo due pareri in forte contrasto potreste aiutarmi a capirci qualche cosa? Dimenticavo di specificare che nessuno mi vuole operare in gravidanza per via dei coagulanti che non possono somministrarmi causa rischio trombi placentari.
Sicuramente ormai il consiglio " telematico" è quello di dedicarsi alla gravidanza poi potrà procedere con l'escissione dell'epulide. Per quanto riguarda la necessità di estrarre il dente mi sembra un po' assurdo...... io proverei con un terzo dentista magari però affidandosi ad un professionista un po' più serio dei precedenti... cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Epulide Fibromatosa. Legga il caso clinico e l'intervento nella mia pubblicazione indicatale. Da casistica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Emanuela, l'Epulide è un tumore benigno del Parodonto. Prende origine dal Ligamento Parodontal, legga per favore e nel suo interesse un mio caso clinico proprio sulla escissione chirurgica di un'epulide fibromatosa con prelievo bioptico naturalmente, nel mio profilo su casi clinici "Epulide". La sua escissione chirurgica deve essere molto accurata e deve comprendere le zone circostanti di tessuto sano per evitare le recidive. Innanzi tutto bisogna confermare la diagnosi sul tipo di Epulidi, perchè ne esistono tipi diversi. Poi bisogna fare una diagnosi differenziale con altri tumori ed altre formazioni. Il metodo migliore per fare diagnosi certa è una biopsia per avere una diagnosi isto-patologica che unita a quella clinica, porta alla Diagnosi reale e corretta e quindi al tipo di intervento da fare!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora, l'epulide gravidica e' una forma intermedia tra tumore benigno e infiammazione; molti la chiamano parodontoma. Va tolta perche' tende ad ingrandirsi e a "mangiare" i tessuti di sostegno. Purtroppo puo' recidivare e durante l'escissione possono esserci danni estetici; nel suo caso alle faccette che ha appena fatto. Estrarre il dente per una epulide mi sembra un eccesso di zelo a meno che non sia successo qualcosa anche al dente dopo la devitalizzazione.

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Sig.ra Emanuela, mi sembra strano che un'epulide gravidica possa causare la perdita di un dente. Comunque visto che ormai è al nono mese si può tranquillamente aspettare a togliere l'epulide dopo la nascita di suo figlio. Non capisco neanche perché non può allattare. Non vedo la necessità di prescrivere medicinali che impediscono l'allattamento. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora Emanuela, l'epulide gravidica è conseguente alla tempesta ormonale che l'accompagna in questo bellissimo momento della sua vita (anche se possono esserci dei cofattori predisponenti, concomitanti o determinanti). Probabilmente in seguito alla nascita del bimbo questa comincerà a ridurre le proprie dimensioni, e potrebbe anche regredire del tutto. Solo se ciò non dovesse avvenire si passa ad esami più approfonditi come descritto dal dottor Petti. Al momento deve solo dedicarsi al lieto evento! Infiniti auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Umberto Tersigni
Palermo (PA)

Si faccia vedere e consigliare dal suo dentista

Scritto da Dott. Alessio Battistini
La Spezia (SP)

Intanto la rimozione dell'epulide e l'esame istologico è consigliabile, ovviamente non abbiamo radiografie x valutare il coinvolgimento osseo e dentale, ma si potrebbe in urgenza avere un approccio conservativo e poi rivalutare. Ripeto non conosco la situazione ossea e dentale. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Gent. Sig.ra Emanuela Io opterei per un trattamento conservativo, vale a dire, attendere qualche settimana dopo il parto, secondo me dovrebbe iniziare a regredire spontaneamente, se questo non dovesse accadere allora si potrà pensare ad eseguire esami più approfonditi che indirizzeranno sulla terapia più appropriata, ovvero quella chirurgica con coinvolgimento di una parte di tessuto sano, non vedo la necessità di assunzione di farmaci e quindi non ci sono controindicazioni o rischi per l'allattamento. Cordialmente Dr. Paolo Formenti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Formenti
Senago (MI)

Sig. Emanuela, quanti giorni mancano? L'ematocrito è OK?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig.ra Emanuela, l"epulidis gravidarum" è una situazione che frequentemente si presenta per disordini ormonali durante il periodo della gravidanza e va trattata mediante un semplice intervento di escissione profonda associata a terapia locale che potrà effettuare tranquillamente dopo il parto con conservazione dell'elemento dentario. Auguri per lei ed il piccolo nascituro.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento