Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 11

20 anni fa ho subito la devitalizzazione del 46 per una carie profonda

Scritto da paolo / Pubblicato il
20 anni fa ho subito la devitalizzazione del 46 per una carie profonda con posizionamento di una capsula in oro. 10 anni fa ebbi una 'ricaduta' con ascesso e fistola e ritrattamento con scomparsa della fistola in tempi abbastanza brevi. Circa due mesi fa, dopo l'influenza, sono incorso in una seconda recidiva con ascesso e fistola. Uno specialista mi ha consigliato, da subito e dopo l'esame delle lastre endorali, l'apicectomia, dichiarando che per via endodontica non avrebbe potuto raggiungere la sede infetta. Un altro specialista ha tentato invece un ulteriore ritrattamento per via endodontica, forando la capsula senza danneggiarla. Dopo poco più di un mese permane una piccola fistola. Il dente mi dà qualche lievissimo fastidio alcune notti. Certe mattine, la gengiva è perfettamente piatta, altre volte, dopo che nelle ore notturne mi ha recato fastidi, forma una sorta di piccolo bottoncino da cui geme una goccia di sangue se premuto. Il dentista mi ha detto che bisogna attendere ancora perché alcune fistole, vaste e con riassorbimento osseo attorno, impiegano molto tempo, anche 4 o 5 mesi, per spegnersi e quindi chiudersi. Secondo voi, è lecito attendere tutto questo tempo o è meglio ricorrere rapidamente all'apicectomia? Grazie e cordiali saluti.
Gentile Paolo, se radiologicamente si è avuta la conferma che il canale o i canali radicolari sono stati perfettamente sigillati non vedo il motivo di dubitare. Non conoscendo il suo caso le consiglio di aspettare ancora un poco prima di procedere ad eventuali ritrattamenti o interventi come del resto le ha suggerito il suo dentista. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Retrograda nelle sue fasi. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Caro signor Paolo, lo deve chiedere al suo Dentista che conosce la sua situazione clinica! Non capisco perchè si sia fatto curare da lui, visto che è palese che non ha nessuna fiducia in lui, dato che cerca altrove, sul web nientemeno, delle conferme all'operato del suo Dentista, torni da lui e avrà tutte le risposte! L'apicectomia poi è sbagliata, non si fa più da oltre trenta anni, si fa una retrograda, apparentemente simile, ma sostanzialmente diversa, ossia si raggiunge l'apice per via chirurgica, lo si tratta e lo si sigilla con materiali particolari! Le lascio una foto così capisce!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Paolo, le consiglio di ritornare dal suo dentista e fare presente quello che ci ha raccontato. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro signor Paolo, si è vero una grossa lesione ha bisogno di molto tempo per guarire, si lasci consigliare dal dentista, se poi il tragitto fistoloso non dovesse sparire ricorrerà alla terapia chirurgica. Saluti

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Caro Sig. Paolo, le dico solamente che le fistole dopo una corretta pulizia e disinfezione dei canali radicolari guariscono nell'arco di una settimana. Aspettare dei mesi NON SERVE A NIENTE!!! La invito a consultare il sito della Società Italiana di Endodonzia www.endodonzia.it e cercare tra i Soci Attivi quello più vicino a lei. Milano ne è piena. Auguri e cari saluti. Dr. Arnaldo Castellucci

Scritto da Prof. Arnaldo Castellucci
Firenze (FI)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Paolo, considerando il problema reale dell'infezione a distanza, che si chiama MALATTIA FOCALE, sono sfavorevole all'ennesimo ritrattamento e le consiglio una sana estrazione, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Paolo, l'esito di terapie inadeguate si paga sempre,anche a distanza di anni.Bene ha fatto il collega a ritrattare il dente:purtroppo spesso non si può eseguire a regola d'arte la terapia per impossibilità di alesare e ripulire perfettamente i canali. Ciò giustifica la fistola, spia del focolaio infetto ancora attivo. E'giusto tentare di tutto, compresa l'apicectomia, ma valuti anche l'opportunità, se tutto fallisce, di fare un impianto dopo qualche mese dall'estrazione. Valuti con il suo dentista, i costi, i rischi, la durata di quello che deve fare e se ne vale la pena:non vedendo la situazione ossea e dentale,non posso sbilanciarmi. Saluti dott Angelo Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Caro Paolo dopo 3 ritrattamenti mi sembra abbastanza evidente che ci siano dei problemi a chiudere l'apice, quindi io al posto suo ricorrerei ad una apicectomia per risolvere il problema in via definitiva. Distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Sig. Paolo, ritorni dal suo odontoiatra e richieda il tutto per iscritto, vedrà che forse c'e stato qualche malinteso, come forare una corona senza danneggiarla.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il primo molare inferiore è in assoluto il dente più sfortunato e bistrattato delle arcate dentarie. Comincia a cariarsi molto precocemente, viene otturato, poi riotturato, poi gli viene applicata una corona, poi va in necrosi, poi la prima cura canalare, poi la seconda ... Si può sicuramente tentare la via chirurgica, ma ne vale la pena? Che predicibilità ha questo trattamento, nel suo caso? (questo lo sa solo il suo dentista). Il mio consiglio, poco "scientifico", è di estrarlo, aspettare qualche mese con un mantenitore di spazio, in occlusione, tra i due elementi contigui (in modo da evitare tutte le conseguenze dell'estrazione, come 1)la discesa del dente antagonista 2)l'inclinazione e contemporanea migrazione dei denti adiacenti verso lo spazio libero 3)l'abbassamento della cresta alveolare -in sostanza la perdita di altezza ossea- nella sede estrattiva), poi un bell'impianto ed una bella corona!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fausto Fumi
Trieste (TS)