Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 8

Sono 3 settimane che sono affetta da un doloroso trisma mandibolare

Scritto da Fiorella / Pubblicato il
Buongiorno, desideravo un consiglio terapeutico e una eventuale prognosi riguardo un evento occorsomi e di cui sto vivendo un rapido aggravamento. Premetto, sono un medico, ma specializzata in altra disciplina. Sono 3 settimane che sono affetta da un doloroso e invalidante trisma mandibolare; ho iniziato una cura ATB ( Ruliid 300x 2) associando 1 fiala di Muscoril e antiinfiammatorio non steroideo. Pochi miglioramenti, ma almeno potevo svolgere la mia attività lavorativa . Lunedì mi sono rivolta al mio dentista x vedere di accelerare la risoluzione ed ora sono in uno stato doloroso cronico, invivibile, che non mi permette neppure di parlare e tantomeno alimentarmi se non in forma liquida. Il blocco mandibolare è serrato, ho un ingrossamento dei linfonodi sotto mandibolari , un dolore acutissimo esteso a tutte e tre le branche trigeminali e x sopravvivere sono costretta a utilizzare l'anti dolorifico a intervalli Max di tre ore. Il peggioramento dopo il cambio di terapia consigliato dall'odontoiatra è stato tragico. Da lunedì sto assumendo Dalacin 150 x 6,+Zimox1gr x 3 + oki al bisogno ( che sta diventando eccessivo). Specifico inoltre che l'odontoiatra mi ha diagnosticato una coronarite dell'arcata inf dx .Chiedo un vostro consiglio sperando di poter avere una risoluzione più rapida al mio problema . Ringraziando anticipatamente, cordiali saluti
Cara Dottoressa Fiorella, Buongiorno. Sta assumendo Clindamicina ma, così, senza che sia stata fatta una Diagnosi Precisa. Chiede la Prognosi ma come si può parlare di Prognosi senza Diagnosi? Prima ha iniziato ad assumere roxitromicina, sempre senza che sia stata fatta prima una Diagnosi, perché mai? Il Muscoril va benissimo ma ha una azione lentissima ma "sicura" sul Trisma"! Cara Collega bisogna fare una accurata Diagnosi. Evidentemente, come al solito, stando almeno al suo racconto, è mancata la grande assente di sempre: la Diagnosi!La Grande Assente, come al solito, dicevo, è proprio la Diagnosi che è la conseguenza di una Visita Odontoiatrica Accurata e che impegna Dentista e Paziente per tanto tempo! Non basta un'occhiata e via! Bisogna valutare e analizzare tutto l'apparato Stomatognatico, Gnatologicamente, Parodontalmente, Conservativamente, Funzionalmente, Esteticamente. Tutto questo, senza estrapolare la "bocca" dal contesto dell'Organismo intero in cui si trova che va valutato quindi insieme alla "bocca", Clinicamente, Anamnesticamente, Semeiologicamente per fare Diagnosi Differenziali che Nascono Solo dalla conoscenza delle varie patologie (il trisma può avere anche cause extraorali ed extra articolari, da ricercare a livello della Rocca Petrosa, Cervello, Meningi, Faringe e Laringe e Tonsille e Pilastri Palatini, Parotidi, Ghiandole Esocrine Etc, come essere di origine Piramidale o a causa di farmaci particolari come fenotiazine e antidepressivi triciclici o di Malattie Particolari come la malattia di Gaucher) ed emettere infine un sospetto Diagnostico che diventa poi Diagnosi Certa con "Ragionamento Clinico e Strumentale e eventualmente analitico ematologico". Si emette così una Prognosi ed infine la Terapia ed ho detto "La", non "Una" Terapia che sceglie il Dentista e solo il Dentista! Vede quanto è importante una accurata Anamnesi Medica Locale e Sistemica? Le ho fatto solo un Discorso Generale e come mi comporterei io in una simile situazione! Il Trisma, ossia la Contrattura dei Massetere e degli Pterigoidei può avere tante etiopatogenesi diverse e non si può certo fare Diagnosi via Web! Gli antibiotici,in senso lato ovviamente dato che ha ioniziato coi Macrolidi, a mio avviso non sembrerebbero i più idonei per la sua patologia ma non posso certo prescriverli senza visita Clinica ed Anamnestica :) Mi dispiace di non poterla aiutare. Vada in Chirurgia Maxillo Facciale o da un Odontoiatra più Esperto, non tralasciando le patologie Faringo Laringee, la palpazione delle stazioni linfatiche e le analisi Standard di base ematologiche e tanto altro. Quello che mi laccia perplesso è che non dice niente di anamnestico sul "prima del Trisma", importantissimo, se non essenziale per avere un sospetto Diagnostico. Il Trisma è un Sintomo. Solo un Sintomo. La Patologia che sta alla base non l'ha descritta! Come potrei mai aiutarla? I lionfonodi sottomandibolari sono ingrossati ma sono dolenti alla palpazione? Sono mobili sui piani sottostanti e sotto il piano cutaneo? Le altre stazioni linfatiche cervicali, retronucali, sottoclaveari, ascellari, inguinali come sono? Una Rx Diretta del Torace è stata fatta, pensando soprattutto al Mediastino? Un semplicissimo e velocissimo Emocromo con Formula? Precisato questo, le cause più comuni sono intraorali, come Denti in Necrosi con osteolisi ascessualizzate o fuistole o pericoroniti trascurate, in particolare di ottavi in disodontiasi p tasche parodontali o postumi di avulsioni chirurgiche in particolare di ottavi inclusi o di Patologie della ATM!!! Cari saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile collega,
il cosiddetto trisma, altro non è che una risposta musclare antalgica ad un dolore dentale di tipo infettivo (probabile pericoronarite in disodontiasi del dente del giudizio. E' imperativa una terapia antibiotica adeguata alla gravità della infezione. La terapia ultima parrebbe adeguata, ma va monitorata l'evoluzione clinica. Generalmente vi dovrebbe essere un miglioramento abbastanza rapido. Nel dubbio richiedi una visita maxillofacciale. Sarebbe poi necessaria una diagnosi e valutazione radiologica meglio con CBCT.
Cordiali saluti e auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Armando Ponzi
Roma (RM)

Mah, questa dose incredibile di farmaci e poi l'antibiotico proprio non la capisco !
Senz'altro c'è un blocco a livello dell' ATM, che andrà valutato una volta che è scomparso il trisma.
Consiglierei Kiefergelenk compositum, piccolo ponfo, con ago da mesoterapia, visto che non puoi aprire la bocca, in zona anteriore al trago ( 1 cm.) bere il resto della fiala. questo procedimento in fase come la tua , ripeterlo 3 volte al di ( 3 fiale in totale), poi ripetere procedimento 1 sola volta 5 gg. dopo e 10 gg. dopo ancora. Dovresti ottenere un netto miglioramento. Se successivamente ai primi ponfi riesci ad aprire la bocca, allora passare a fare il ponfo in corrispondenza della tronculare.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Carlo Battistini
Rapallo (GE)

E' facile scrivere trisma, ma bisogna sapere quale. Noi dentisti usiamo classificare come trisma il blocco in chiusura della mandibola conseguente allo spasmo di un muscolo massetere. Il movente è un’infiltrazione infiammatoria sostenuta per contiguità da un’infezione nell'area di eruzione del dente del giudizio inferiore. Considerando l'età, e facendo l'analisi logica del testo mi sembra trattarsi di un "locking", un anglicismo da provinciali culturali quali noi dentisti siamo. Se fosse una banale "coronarite dell'arcata inf dx ", noi dovremmo avere dolore in un campo limitato. Invece sta scritto di "un dolore acutissimo esteso a tutte e tre le branche trigeminali". Il nervo trigemello per noi umili dentisti è sempre un brutto cliente, che però mai prende fuoco simultaneo in tutti i suoi tre rami. L'eziologia virale è specifica del primo ramo, dove nell'arco sopraciliare e nella palpebra superiore ricalca fedelmente il territorio di innervazione che si vede con lucida evidenza negli atlanti anatomici di antica memoria. N.B.: eziologia virale = dolore urente + prurito. Non mi sembra il caso di Fiorella. Ricapitolando di logica e di fatto, e stando al testo scritto, io oserei ritornare a parlare di locking. Si riconoscono tre varianti di locking: 1. L. in chiusura. 2. L. in apertura. 3. L. non ricombinante. “Il blocco mandibolare è serrato”. Mi fermerei al numero uno. Sta scritto di dolore acutissimo, che penso di tipo gravativo, di tipo spastico, quasi tetanico. Arrivato a questo punto, andrei a fare subito il mio mestiere di dentista, e vorrei osservare sulle superfici occlusali se ci siano ragioni causative di tanto patimento. Le cuspidi dentali si devono leggere come un linguaggio geroglifico, e il loro significato è il Sillabo. Nel suo caso un piccolo jig mobile (punzone di arresto anteriore in plastica autopolimerizzante x 5 minuti 5) potrebbe essere e diagnostico e terapeutico, implicando uno strategico chiarimento e di tipo occlusale e di tipo posturale. Nessuna menzione della cerniera condilare, che io oso supporre senza rumore di clic (sono ammessi slam clanc slung), cioè ancora compatta e integra, almeno al momento che questa nota viene scritta. Egregia Fiorella, vorrei essere più intelligente di come sono, ma non ci riesco. Le chiedo di agganciarmi sul mio sito internet, o per telefono a qualsiasi ora, che con amabile interesse e anche a distanza non frontale potrei ugualmente immaginare uno scenario risolutivo. Con molta stima e simpatia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Cara collega, coronarite arcata inferiore destra, cosa significa questa arcata in condizioni fisiologiche supporta 8 corone c'è una flogosi di queste 8 che genera il trisma? Forse la diagnosi pericoronite del terzo molare inferiore destro, ma questa diagnosi oltre essere supportata da un quadro clinico deve essere indagata anche radiologicamente, per cui ti consiglio al volo una OPT che confermerà la diagnosi e le corrette cure.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Salve per quanto riguarda la terapia le consiglio l'assunzione di antibiotico, va bene anche quello che sta assumendo o in alternativa se non ha allergia alla penicillina Augumentin cps 1 grammo ogni 12 ore x 5 giorni, questo per risolvere la pericoronite diagnosticatale dal collega, per il trisma va bene muscoril e dovrebbe cercare di farsi fare dal collega un anestesia loco regionale intraorale al fine di interrompere la trasmissione del dolore che come meccanismo di protezione le causa il trisma stesso...
Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Raffaele Altomonte
Roma (RM)

Bisogna vedere bene da che dipende.. Bisogna fare una OPT. In genere questi stati sono causati dai denti del giudizio, ma talora può essere qualche altro dente. La terapia antibiotica è ok, ma alle volte c'è da fare per via parenterale perchè può essere molto serio. E appena si risolve un po' e il dente è sfiammato, intervenire con cura o estrazione se non si può curare. Cari saluti al Collega

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Fiorella, sicuramente sarai stremata da questa lunga agonia, ma la cosa che mi preoccupa di più è il fatto che tu possa ancora non avere una diagnosi certa. Dal tuo racconto sorge il dubbio che la limitazione funzionale della mandibola possa non essere associata ad una pericoronarite di un ottavo, bensì ad un looking mandibolare per una patologia a carico dell'ATM. Entrambi gli stati morbosi possono determinare forte dolore che si irradia a tutte e tre le branche del trigemino, pertanto è d'obbligo fare una diagnosi differenziale il prima possibile; come puoi ben immaginare, infatti, non ha senso continuare ad assumere dell'antibiotico se la problematica non fosse di natura infettiva, viceversa può dare sollievo riprendere ad assumere muscoril.
Credo che sia il caso che ti rivolga ancora al tuo dentista per monitorare la situazione alla ricerca di una quanto più rapida soluzione.
In bocca al lupo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia