Domanda di Odontoiatria

Risposte pubblicate: 3

Dolore al dente dopo 6 mesi dalla devitalizzazione

Scritto da Paolo / Pubblicato il
Buongiorno e grazie per l’attenzione. Sono una ragazza di 31 anni. A settembre 2008 mi è stato devitalizzato il 36 Sx Inf. Nonostante la devitalizzazione, il dente continuava a farmi male quando ci masticavo sopra. A ottobre 2008 mi è stato estratto il 38 Sx Inf. Da li a pochi giorni ho incominciato ad avvertire un dolore continuo al dente precedentemente devitalizzato. Ad oggi, sono passati quasi 6 mesi, continuo ad avvertire lo stesso dolore continuo (tutto il giorno) che comincia verso metà mattina e si calma del tutto quando mi sdraio la sera prima di addormentarmi. A volte avverto fastidio anche nella zona circostante e delle "scossette" sull'arcata superiore. Ho fatto una panoramica, una TAC arcata superiore e inferiore ma non è emerso nulla. Il dentista mi ha suggerito di provare dello xanas e solo per un giorno ho avvertito un miglioramento ma poi il dolore si è ripresentato uguale a prima. Ho consultato un neurologo che mi ha prescritto Lyrica (preso un mese senza miglioramenti) e Laroxyl (da 7 giorni senza miglioramenti). Esasperata sto valutando l'ipotesi di estrarre il 36 Sx Inf ma vorrei avere più pareri. In attesa di riscontro porgo i miei più cordiali saluti
Caro Signor Paolo...Il suo DENTE NON VA ASSOLUTAMENTE ESTRATTO (ovviamente lo dico solo in linea di massima...ma l'esperienza ...mi creda ... è veramente tanta per dirlo...ovvio che dovrei confermarlo con una visita clinica...ma tant'è...) ...ANZITUTTO non si va a tentativi...come le sta capitando...si fa una diagnosi...l'insieme dei sintomi che lamenta si chiama SINDROME e Sappia caro signor Paolo... che il dolore così diffuso ai denti di una emiarcata (dentale e Gengivale (in questo caso dice lei la inferiore sinistra) potrebbe essere una Sinalgia dento-detaria o dento-mucosa : dolore diffuso a tutta la emiarcata corrispondente, con coinvolgimento di denti e gengive. Deve sapere che come causa del dolore riflesso, alla base delle sinalgie ci sono le fibre sensitive del nervo Trigemino che arrivano ad un nucleo nel cervello che si chiama nucleo caudato a cui però arrivano non solo gli stimoli provenienti dai denti ma anche quelli provenienti dalle gengive, muscoli, lingua etc causando una sovrapposizione di vari stimoli per cui una diagnosi così a distanza non è possibile. Però questo le fa capire come possano essere varie le cause...da una alveolite nella zona dell'Avulsione dentaria a infinite altre patologie. In ogni caso...dopo avulsioni dentarie in particolare del dente del giudizio ...il dolore e il gonfiore possono non esserci o esserci...e possono durare anche due tre settimane...in genere il tempo di guarigione di qualsiasi ferita è intorno ai 21 giorni quando più...quando meno...parlando poi di osso...è molto più lunga! Direi che quindi potrebbe anche rientrare nella normalità...capisco la sua ANSIA..REALE...ma non deve temere ...! Mi creda non è possibile che non si riesca a stabilire se la causa è (l'avulsione del 38 o la terapia canalare del 36...il 38 è stato estratto...mi auguro che sia sotto terapia antibiotica potente ...la stessa che servirebbe per il 36 se riandasse revisionato endodonticamente...(tra parentesi)...le sue gengive come stanno...le è stato fatto un sondaggio parodontale in tutta la bocca...legga per favore il mio articolo nel mio profilo - scheda in questo portale...intitolato "LA VISITA PARODONTALE" ...parla di essa in particolare ma di come si fa una visita Odontoiatrica Specialistica ...in modo Professionale...se non è stata fatta in modo simile...non so che dirle...lo capisca da sola! ..vediamo di mettere un pò di ordine nei suoi problemi: A- Per il dente devitalizzato ... non capisco ... con una Rx Endorale, una Visita accurata, si deve arrivare ad una diagnosi sulla patologia di cui è eventualmente affetto il suo dente dolente ... se deve essere rimossa la vecchia terapia canalare, la si rimuove e poi bisogna procedere così: 1- Bisogna iniziare almeno tre giorni prima di intervenire una copertura antibiotica con un antibiotico potente, a largo spettro soprattutto su anaerobi gram neg. come il ceftriaxone bisodico in fiale intra muscolari da 1Gr. (una al di per tutto il trattamento e proseguire oltre di almeno 4/5 giorni. (ovviamente è solo un suggerimento ...non posso prescrivere antibiotici per vie web senza neanche averla vista e fatto una anamnesi accurata...lo farà il suo medico che la prenderà in cura)!!!!Faccia la prima seduta un lunedì...la seconda un Venerdì e la terza di chiusura dei canali il Lunedì successivo...in modo da assumere, partendo da tre giorni prima e terminando 4/5 giorni dopo, in tutto 14/15 Fiale da 1 Gr. (una al dì) 2- procedere alla strumentazione accurata con lavaggi (sotto diga ovviamente) di ipoclorito neutralizzato poi da acqua ossigenata e lavaggi soprattutto prima della chiusura provvisoria a fine seduta con prima Clorofenolocanforato, poi con lo stesso antibiotico lasciato dentro il canale. Si chiude poi il dente alla fine di ogni seduta con membrana osmotica per impedire la reinfezione dei denti coi microbi da fuori a dentro e nello stesso tempo per fare uscire il gas prodotto dai microbi sopravvissuti dentro che causerebbe pressione e quindi dolore! E qui finisce la prima seduta! 3-Nella seconda seduta si rifinisce la strumentazione... si vede se c'è pus ( se c'è bisogna programmare altre sedute) si ripete tutto e si chiude sempre con membrana osmotica... 5-infine in terza seduta si chiude il dente. ... se per disgrazia ci fossero problemi veramente insormontabili per una terapia canalare quasi impossibile...però possibile)...allora si curerebbero le radici per via retrograda ossia entrando nel dente dagli apici per via chirurgica e poi sigillando gli stessi con vari materiali chi preferisce l'amalgama chirurgica priva di zinco chi altri particolari cementi chirurgici...curato così...il dente si salva ne stia certo! basta essere esperti endodontisti e chirurghi endodontici ... o più generalmente basta essere eccellenti Dentisti!!!!! RIPETO NON FACCIA ESTRARRE IL DENTE...è un crimine! ...metaforicamente parlando...i denti si curano...non si estraggono...concetto apparentemente banale...ma REALE!!!... Cordilamente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Paolo, è proprio difficile darle un consiglio senza consultare la panoramica e il dental scan, ma soprattutto senza visitarla, poichè le infiammazioni di tutta una emiarcata difficilmente riguardano un solo elemento dentale, trattato anche endodonticamente da più di sei mesi. Perchè è stato estratto il dente del Giiudizio?, che problemi paradontali e/o rarefazioni apicali presentava?, qual'era la vicinanza col nervo alveolare infariore? e via discorrendo. Concludo che non deve affatto estrarre il settimo, ma ricercare le cause e le concause di tale infiammazione o lesione se c'è ne stata. Cordiali Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sig. Paolo, a volte le RX TAC non portano a diagnosi, occorre degli accertamenti clinici accurati ripetuti nel tempo, fino a ottenere una giusta diagnosi con le relative cure.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)