Domanda di Morso inverso

Risposte pubblicate: 5

SEGUITO ALLA DOMANDA: Mio figlio di quasi 14 anni è in cura da 3 anni e mezzo circa da un ortodontista

Scritto da ILARIA / Pubblicato il
Buongiorno. Ho una domanda da fare soprattutto a quei gentili professionisti che mi hanno risposto che la recidiva per intervento maxillo facciale per terza classe con morso aperto può essere evitata facendo una buona rieducazione linguale. Premesso che finora la terapia miofunzionale logopedica per mio figlio durata già 8/9 mesi non ha dato i risultati sperati (ha però capito dov'è lo spot finalmente), che il mio dentista mi ha detto che probabilmente a fine trattamento ortodontico non si riuscirà a chiudere il morso stabilmente (in quanto è scheletrico) e che la lingua per ora funziona da sigillo e quindi è portata a coprire i buchi dei canini che stanno nascendo con postura bassa e non corretta; se la logopedia per evitare recidiva deve essere fatta prima e dopo l'intervento che senso ha farla da ora fino a prima dell'intervento se tanto la lingua mai andrà dove dovrebbe andare perchè il morso non si chiude completamente? E dopo l'intervento mio figlio ormai grandicello e con abitudine di posizione lingua consolidata ed errata, rifacendo una logopedia ottima daccapo, riuscirà a mettere la lingua finalmente bene? E la eventuale e sfortunata recidiva sarà ossea o dentale? Grazie a tutti Precedenti: http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/ortodonzia/10149_ortodonzia.html http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/ortodonzia/10135_cure-ortodontiche.html
Cara Signora Ilaria, buongiorno. Le ho già spiegato che le disgnazie di terza classe scheletrica, terapia ortopedica di avanzamento del mascellare è molto più efficace prima che avvenga la "saldatura" delle suture ossee pterigo-mascellari processo che avviene intorno ai 7 anni circa e anche prima, quindi un progenismo va corretto di regola prima dei 5 anni. A 14 anni (in cura dagli 11 anni), con l'Ortodonzia ci si può solo accontentare di un compromesso, regolarizzando di più i rapporti dento dentali, valutazione che però è solo clinica e dopo aver fatto un ceck up e cefalometria ortodontica! Certo, quello che dice il Dottor Passaretti (apparecchio miofunzionale e postura della lingua e terapia da un Logopedista) è correttissimo. Egli è un Ortodontista esperto. Segua quindi i suoi consigli o vada da Lui, Civitanova Marche non è poi così lontana da Roma! Certamente la terapia chirurgica andrebbe incontro a recidiva se attuata durante l'accrescimento scheletrico. Ad accrescimento terminato la terapia Chirurgica sarebbe la sola terapia certa se avesse fallito quella miofunzionale precedente, su descritta. Dal punto di vista scheletrico è quindi necessario, nell'adulto, attuare un intervento chirurgico tipo osteotomia mascellare Le Fort di Tipo I. Ovvio che se ci si accontentasse di agire solo sui denti e non sullo scheletro, si potrebbe fare Ortodonzia senza intervento. Sarebbe però un compromesso spesso non accettabile soprattutto se avesse un tavolato osseo vestibolare molto sottile, specie nella mandibola che potrebbe causare per lo spostamento non "corporale" ma rotatorio degli incisivi, pericolose deiscenze ossee con gravissime recessioni spesso affrontabili terapeuticamente sia funzionalmente che esteticamente in modo molto complesso e con plurinterventi per evitare la formazione di gravi inestetismi, visti troppo spesso, da me Parodontologo, in questo tipo di terapie, per non metterle in rilievo ed in ogni caso da decidere solo dopo un esame cefalometrico completo, a tavolino e tanto altri accertamenti ortodontici. Però c'è un però e le spiego: non è detto che l'età cronologica corrisponda con quella scheletrica. Basta fare una radiografia del polso per accertare la maturità dei nuclei di ossificazione per conoscere l'età scheletrica in realtà molto utile intorno ai 10-13 anni per avere certezze ma anche intorno ai sei anni! Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche! Non dimenticando il metodo della Maturazione Vertebrale Cervicale in particolare per l'identificazione del picco puberale nel tasso di crescita cranio-facciale e le correlazioni tra gli indici carpali come l'SMS e quelli vertebrali come il CVS, il CVMS e il CS dove quest'ultimo indica il picco di crescita mandibolare! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

L'età è decisamente avanzata, ma si potrebbe tentare (in base alle risultanze cefalometriche) con una apparecchiatura funzionalizzante. Questo è un apparecchio che chiude il morso e contemporaneamente corregge la postura linguale in automatico. E' un apparecchio facile da portare e ci si parla bene, ma bisogna portarlo 48 ore al giorno. E insistere con 5 minuti al giorno di esercizi di logopedia. Tutte cose che a 14 anni non sono simpaticissime. Ma la chirurgia sarà destinata fatalmente a recidiva (dentale ma anche ossea, o con danni al parodonto per la spinta linguale anomala) se non si sarà prima corretta la postura linguale con sacrificio e dedizione. La lingua è il muscolo più potente che abbiamo (in relazione alle piccole dimensioni) e noi deglutiamo 1500 volte al giorno: i Latini dicevano gutta cavat lapidem.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora,
la chirurgia è sicuramente la terapia piu' indicata nei casi di discrepanza scheletrica grave.
Ma non puo' dare garanzie assolute di tenuta in quanto entrano in gioco elementi non sicuramente controllabili o modificabili.
Tenga conto che la tenuta postoperatoria è anche frutto di una buona preparazione ortodontica (che veda l'ortodontista lavorare in stretto contatto con il chirurgo) e di un chirurgo valente, tutte cose che per la mia esperienza hanno sicuramente piu' importanza della sola rieducazione linguale.
Per ultimo le chiedo : e'. Stata avvertita che la chirurgia non puo' essere eseguita prima dei 20/21 anni?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Costantino Volpe
Salerno (SA)

Sig. Ilaria, questa era la mia precedente risposta:"Sig. Ilaria, si faccia rilasciare le indicazioni scritte per la germectomia dei terzi molari, poi si faccia rilasciare diagnosi e piano di trattamento con tutte le eventuali complicanze, così avrà un documento che potrà sempre rileggere chiarendo la sua confusione. Tutto questo permetterà anche di avere le nostre risposte corrette.". Qui non vedo questo documento e trovo un racconto ancora più confuso; le ricordo che lei sta parlando della salute di suo figlio, che non va di certo giocata in internet con i suoi confusi racconti che potrebbero portare a peggioramenti o a danni non indifferenti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

La rieducazione della deglutizione è indispensabile per il posizionamento dei denti e durante lo sviluppo anche dei mascellari. Ma la posizione corretta è indispensabile anche per altre funzioni come la respirazione e sviluppo del torace ed anche per alcuni importanti riflessi che partono da un corretto posizionamento della punta della lingua. A 14 anni è facile sistemarla specie se la madre non rema contro con ragionamenti capziosi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia