Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 10

Ho perso tre denti nella arcata superiore sinistra.

Scritto da MICHELA / Pubblicato il
Salve, sono una ragazza di 29 anni. Ho perso tre denti nella arcata superiore sinistra. Si è cercato di metterne due inserendo 1 impianto nell'osso rimasto con un dente in estensione. L'impianto è fallito. Ho fatto ricorso al rialzo del seno mascellare ma con poche prospettive di successo. Vorrei sapere se c'è un modo alternativo per inserire impianti dove l'osso non c'è più. Ho letto di impianti iuxtaossei e di impianti zigomali e vorrei avere approfondimenti a riguardo. Grazie.
Cara Signora Michela...l'impianto è fallito = ci credo, è il minimo che le sarebbe potuto capitare...non si fa un impianto con un dente in estensione..e soprattutto non si fa un impianto "cercando di...", come riferisce lei...non si cerca...non si prova...si fa diagnosi e piano di cura accurato con TAC e dime chirurgiche ...l'implantologia è una specialità seria ed efficacissima in mani esperte ... non in mani improvvisate...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo,Implantologo, Ortodontista (la figlia Claudia Petti) e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi , in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Signora Michela, non capisco perchè le sia stato applicato un dente in estensione su un impianto mascellare, è una cosa che con predicibilità va incontro a fallimento, specie se come suppongo l'estensione era posteriore. Riguardo poi all'elevazione del seno che le è stata praticata, perchè dice che ha poche possibilità di successo? Non dovrebbe essere così, proprio per niente, comunque senza avere una tc dentascan della zona non è molto serio parlare di quel che si può fare, ed il resto della sua domanda non è da prendere in considerazione seriamente se prima non si visiona tc e paziente, poichè non godono più di grandi indicazioni. Cordialmente Orazio Ischia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Orazio Ischia
Lipari (ME)
Consulente di Dentisti Italia

www.dottorbosco.it'}">Il rialzo del seno mascellare, se eseguito correttamente, è una tecnica assolutamente predicibile. Non pensi a soluzioni di "fantasia", come i iuxtaperiostei, o troppo invasivi, come gli zigomatici, dalle indicazioni veramente improbabili. Le tecniche che funzionano bene e che sono sperimentate e accettate dalla comunità scientifica, per la rigenerazione sono la GBR (Rigenerazione ossea guidata, che personalmente prediligo), l' innesto di blocco di osso, la split crest. Con queste tecniche, usate nelle loro indicazioni e il rialzo del seno è davvero improbabile non riuscire a risolvere il suo caso. E' evidente che.. per una diagnosi seria (qui si chiacchiera) serve la sua tac recente. In bocca al lupo! :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Bosco
Sanremo (IM)

Lasci stare gli impianti iuxtaossei, per quanto riguarda il trattamento vista la sua giovane età sono indicati interventi di rigenerativa, innesti, rialzo del seno mascellare, qualora l'osso residuo non permetta una riabilitazione fissa. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Michela, non è lei che deve ricercare quale metodo si deve utilizzare per inserire gli impianti, è il suo odontoiatra che lo dovrebbe proporre, se il rialzo non avuto successo. Concordo con i colleghi che l'estensione non è il top, salvo rari casi particolari.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Signora Michela, credo più che altro che lei abbia bisogno di un professionista competente che sappia risolvere il suo problema.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sono perfettamente d'accordo con i miei colleghi, l'implantologia è una pratica esatta e estremamente predicibile chiaramente in mani esperte. Non mi sembra il caso del collega in oggetto. Si dimentichi delle altre ipotesi da lei proposte cadrebbe dalla padella alla brace.

Scritto da Dott. Maurizio Monforte
Milano (MI)

Signora Michela, penso che prima di intraprendere chirurgie invasive, debba ricercare un ottimo implantologo che le mostri, prima di iniziare il suo caso clinico, la sua casistica personale mostrandole foto di casi similari risolti. Per saperne di più sul rialzo del pavimento de seno mascellare, legga la mia pubblicazione. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

spero solo che il prossimo trattamento non sia un tentativo, e che venga effettuato da un collega serio e preparato. Chi "prova" e questo qualcosa qualcosa è l'unica che sa fare, non è in grado di far nulla. (scusi il gioco di parole). Cordialmente, Gianluigi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Gentile Michela, il rialzo del seno mascellare (ammesso che sia indicato e/o necessario nel suo caso) ha circa il 96% di possibilità di riuscita. Non è un dato statistico generale, ma un dato statistico personale di qualche centinaio di casi trattati. Non capisco quindi, a rialzo effettuato, come mi sembra di aver capito, le "poche prospettive di successo": o c'è osso, o non c'è. Mettere un impianto con un dente in estensione è quanto di più i****a una mente umana possa concepire. Lasci stare fantasie come gli iuxtaossei, giustamente relegati quasi del tutto all'archeologia implantare, e tecniche particolarmente indaginose come gli zigomatici, probabilmente non adatti a sostituire tre denti. Si tratta di fare una BUONA IMPLANTOLOGIA, e ricostruire l'assetto masticatorio fino al settimo dente dell'arcata. Come giustamente dice il dr. Bosco, ottimo chirurgo che conosco personalmente, è davvero improbabile non riuscire a risolvere la sua situazione. Cordiali saluti dr. Sergio Formentelli - Mondovž (cn) - www.caricoimmediato.com
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento