Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 5

Seguito alla domanda: Mi perseguita la paura di perdere le faccette in ceramica che mi sono state applicate su 4 denti

Scritto da Valeria / Pubblicato il

Gentili dottori, approfitto di nuovo della Vs competenza. Qualche giorno fa vi esponevo il mio problema riguardo alle paura di perdere le faccette in ceramica, purtroppo la mia paura derivava dal percepire una eccessiva mobilità dell'incisivo superiore sinistro, dopo una radiografia è stato visto che è compromessa la radice del dente (ho consultato due studi, uno dei quali attribuisce la causa ad una ortodonzia troppo veloce, mentre quello che l'ha effettuata nega). L'operazione mi è stata sconsigliata perché, nel caso non dovesse risolvere la situazione, potrebbe pregiudicare una eventuale implantologia. Vorrei sapere se ci sono alternative valide all'impianto che, vista l'importanza estetica data dalla posizione del dente interessato, diano buoni risultati estetici oltre che funzionali. Forse un ponte potrebbe risolvere il mio caso (dato che i denti vicini sono già "compromessi" per essere stati limati per le faccette)? Procedere all'implantologia in età così giovane (22 anni) cosa può comportare in futuro? Sono frequenti casi di impianti alla mia età? Sono molto confusa perché ho ricevuto risposte diverse dai due studi cui ho chiesto un consulto. Confidando in una Vs risposta, saluto cordialmente. Valeria

 

Precedenti:

 Mi perseguita la paura di perdere le faccette in ceramica che mi sono state applicate su 4 denti

 

Cara Signora Valeria... se il dente è mobile...c'è compromissione parodontale, quindi, l'alternativa è valutare se con una terapia parodontale rigenerativa ossea e mucogengivale si possa risolvere la sua patologia. Per una risposta più dettagliata e completa che ora, per motivi logistici, non posso darle, mi contatti pure alla mia email personale...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Partendo dalle correttissime indicazioni del Collega, Amico, Omonimo, dott.Gustavo Petti, Le aggiungo: Una ortodonzia, per concetto generale le causa mobilità dei denti che, grazie ad un complesso meccanismo di osteoclasi osteoblasti (stia tranquilla non l'annoierò con spiegazioni tecniche), permettono il movimento del dente, questo, di norma, dopo un tempo relativamente breve, torna alla sua naturale fisiologia, SALVO CHE SIANO INTERVENUTI PROBLEMI PARODONTALI. In altre parole Lei non perde attacco parodontale per il trattamento orto, infatti la mobilità per trattamento o per stress occlusale è normale, il sopraggiungere del problema parodontale è dovuto all' azione della placca batterica. Per quanto e per come Lei racconta il caso, la mia impressione è che l'elemento sia salvabile, cosa che preferirei personalmente all'impianto, non che non sia una soluzione valida anzi, però potendo mi terrei il mio dente (anche se pratico chirurgia implantare da 25 anni). La chirurgia implantare non ha alcuna controindicazione per le età "giovani", ho diversi casi di incisivi laterali sostituiti con impianti per agenesie in giovani ragazze che sorridono da molti anni. Cordialità Gustavo De Felice sapri (SA).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Sig.ra Valeria, ho una valutazione astratta del suo caso, e forse tutte le terapie che le hanno proposto sono valide. Concordo con il dott. De Felice che la via conservativa è preferibile.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Sig.ra Valeria, dal suo racconto potrebbe trattarsi sia di problemi paradontali per presenza di placca sia per riassorbimento radicolare dovuto alle forze ortodontiche; in quest ultimo caso è sufficiente sospendere l' ortodonzia perchè il processo si arresti e normalmente la stabilità del dente non è compromessa, se invece è sopraggiunta malattia paradontale sarà necessario l' intervento di un paradontologo in maniera che la malattia non progredisca generando tra l'altro, inutili inestetismi. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Cultrone
Calcinaia (PI)

Gentile Valeria, se ha concluso da poco la terapia ortodontica, come ha già descritto il collega, può aspettarsi un recupero della mobilità nelle prossime settimane. Se non dovesse avere altra scelta che l'estrazione dell'elemento potrà valutare la sostituzione protesica che preferisce, entrambe danno sufficienti garanzie nel tempo

Scritto da Dott. Andrea Gizdulich
Firenze (FI)

Sullo stesso argomento