Domanda di Gnatologia

Risposte pubblicate: 12

Questa ''cartella clinica'' può causare questi giramenti di testa cosi invalidanti?

Scritto da debora / Pubblicato il
Buongiorno ho 25 anni e ho un problema di giramenti di testa costanti. Tutto nacque lo scorso anno, dopo aver tolto il dente del giudizio superiore sinistro e aver otturato quello inferiore destro, iniziai ad avere questi forti giramenti di testa passati poi con varie sedute di osteopatia. Dopo circa un anno e mezzo questi giramenti sono tornati: sono stata ricoverata, ho fatto esami dall'otorino, esami del sangue, risonanza magnetica sia encefalo che cervicale e esame vestibolare. Mi è stato detto che ho uno scompenso vestibolare nell'orecchio sinistro e una malocclusione dentale. Tre mesi fa il mio dentista mi ha detto che era da valutare se togliere o meno il dente del giudizio inferiore sinistro perché cariato. La mia domanda è: questa "cartella clinica" può causare questi giramenti di testa cosi invalidanti? Passeranno mai? Nel frattempo sto anche facendo riabilitazione vestibolare e tengo a precisare che le mie vertigini sono soggettive. Vi ringrazio anticipatamente Debora
Cara e Gentile Signora Debora, innanzi tutto bisogna fare una diagnosi differenziale tra Vertigine Soggettiva e Vertigine Oggettiva. Preciso che "soggettiva" è una vertigine in cui lei si sente ruotare ma l'ambiente circostante è fermo mentre invece oggettiva è esattamente il contrario, ossia Lei vede ruotare l'ambiente intorno a sè. Hanno due etiopatogenesi diverse. Le Oggettive sono spesso secondarie a patologie periferiche dell'orecchio medio ed interno in particolare del labirinto che è l'organo dell'equilibrio o dei patologie vertebrali cervicali o della postura e quindi anche gnatologiche e dell'apparato stomatognatico! Le soggettive invece hanno una etiopatogenesi più complessa neurologica centrale del sistema nervoso centrale cerebrale! Questo in linea di massima. E' necessario quindi visitarla per esprimersi in modo realistico ed a Lei utile. Se non è stata fatta diagnosi evidentemente è mancato "quel qualcosa" che fa nascere il sospetto diagnostico in un Medico ed il sospetto Diagnostico nasce solo se si conoscono le patologie, altrimenti non le si possono sospettare! In parole povere le serve un bravo Neurologo che faccia anzitutto una Diagnosi giusta sul tipo di vertigine ed in ogni caso , tra il vedere ed il non vedere, anche di un bravo Gnatologo anche se le vertigini soggettive sono di origine centrale e non periferica perchè ripercussioni centrali apparenti potrebbero verificarsi in patologie serie gnatologiche, quindi mi muoverei su queste due fronti, cercando di non essere categorici e schematici ma aperti e riflessivi al massimo! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La domanda non è chiarissima. Cosa intende con questa cartella clinica? Comunque l'estrazione del dente del giudizio non le cambierà la situazione clinica molto probabilmente. Le consiglio una visita da un collega esperto in gnatologia. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Debora, non è semplice risponderle senza aver presente il quadro clinico, certamente c'è da valutare che influenza da all'ATM un eventuale avulsione del terzo molare, valutando anche quanto influisce la malucclusione sulla pustura. Poi c'è un po' di confusione, perchè il dente era stato tolto un anno fa e i giramenti di testa arrivano dopo un anno e mezzo e i conti non tornano, le consiglio di rivedere bene la sua situazione e di riformulare correttamente la domanda. ruffonidiego@virgilio.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

E' difficile indirizzare il paziente senza nemmeno conoscerlo e averlo visitato. Si chiamano disturbi disfunzionali e patologie di confine, perchè comprendono problemi gnatologici e disturbi che stanno al confine tra la bocca e altre specialità vedi ortorinolaringoiatria neurologia, psicologia reumatologia posturologia nutrizione, eo altro; per questo il dentista si avvale a volte di un osteopata (che però non èun medico) che studia le cose olisticamente ovvero vede il corpo unano com'è: tutto di un pezzo. I disturbi che ha sono piuttosto particolari e come giustamente dicono tutti i colleghi come da sopra molte altre volte i conti anamnesticamente non tornano. L'anamnesi o interrogatorio che dovrebbe essere compresa nella visita è una vera e propria arte che richiede tempo con molta attenzione e partecipazione da parte di entrambi operatore e paziente e in questi casi complessi è indubbiamente indispensabile. Credo che le patologie di confine abbiano una responsabilità mista: pertanto la terapia deve essere integrata o meglio trattando più sistemi assieme. Almeno questa è la mia esperienza in questi casi. distinti saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Valter Gallo
Peschiera Borromeo (MI)

Lei chiede se è possibile avere "giramenti di testa così invalidanti?" La risposta è si, per colmo di sfortuna sua, e si chiama "sindrome da deficit postulare", causata da un disturbo del campo trigeminale. La sicurezza clinica della diagnosi proposta la può formulare solo un dentista di razza, che, invece di tanti esami passatempo, applichi ai suoi denti un interruttore di contatto. Se eseguito da mani esperte, dovrebbe dare una risposta immediata. Lei si alza dalla sedia del dentista e cammina bene e senza vertigine, se il dentista lo toglie con il suo estrattore, lei ritorna come prima. Subito si, subito no, come un interruttore della luce. Se il giochino funziona propri così, non perda altro tempo in giro per il mondo, perché adesso sa che i problema e la sua soluzione è dentro l'ingranaggio dei suoi denti. Non serve uno studio elettronico dei muscoli come per il battito cardiaco, che sarebbe utile solo per chi le presenterà un conto salatissimo. Serve solo un cervello fine. Servono mani esperte. Serve un dentista di razza. Lo trovi e tutta la sua vita sarà più semplice e il suo mal di mare solo un ricordo. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Troppo difficile rispondere. ma le dico alcuni concetti. Se c'è malocclusione (questo lo giudica un dentista ortodontista e gnatologo) possono scatenarsi disturbi da lei riferiti. I denti del giudizio spessissimo creano peggioramenti della malocclusione con vari meccanismi e spesso vanno tolti, ovviamente specie se rovinati. L'osteopatia può stabilire in modo abbastanza affidabile se i disturbi dipendono dalla malocclusione. In questo caso va curata con trattamento ortodontico oppure con un byte. La patologia vestibolare dell'orecchio, dal canto suo può provocare tutti i problemi lamentati. Va curata molto bene. Difficile distinguare se dipende dall'orecchio o dalla malocclusione. Vanno visti entrambe gli aspetti..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Solo una accurata visita gnatologica può darle una risposta che fughi tutti i dubbi che ha. Cioè si può capire se le sue vertigini sono causate da disordini cranio-mandibolari o no.

Scritto da Dott. Andrea Nuzzoli
Lecce (LE)

Gentile Sig.ra Debora, generalmente le vertigini soggettive hanno un eziopatogenesi centrale e non correlate ad un problema della bocca. Ovviamente vi sono le eccezioni, pertanto è consigliata una visita da un bravo gnatologo. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Debora, non credo che l'estrazione del dente del giudizio risolverà altri problemi se non quelli legati alla carie dello stesso. Comunque se è cariato lo tolga che può solo esserle di aiuto. Difficilemte i giramenti di testa sono in relazione alla sua occlusione. Consulti un buon gnatologo ma i problemi, per quel che è dato di capire dalla sua descizione, non sono, a mio avviso, di origine odontoiatrica. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, necessario il consulto da un collega con competenze in gnatologia. Il problema va inquadrato non solo da un punto di vista occlusale ma anche con attenta valutazione neuromuscolare dell'apparato stomatognatico: denti, muscoli ed Articolazione Temporo - Mandibolare (ATM). Il suo percorso è all'inizio ma uno gnatologo esperto le sarà di grande aiuto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Macrì
Napoli (NA)

Sullo stesso argomento