Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 8

Da cosa può dipendere?

Scritto da valeria / Pubblicato il
Buongiorno...volevo porre una domanda visto che sono due settimane che la mia vita è un calvario a causa di male ai denti...la scorsa settimana mi è stato estratto un dente per granuloma nell arcata superiore destra, la ferita è stata fatta rimanere aperta perchè aveva pus e il mio dentista mi ha detto che dopo un estrazione è meglio non chiudere se c è in infezione in corso...fatto sta che da alcuni giorni sento dolore anche a un dente nell'arcata inferiore sempre nella parte destra e la sensazione è che provenga da un dente già devitalizzato, il problema è che appena bevo sia cose calde che freddo mi prende un dolore insopportabile fino alla testa e che sento soprattutto anche dove ho avuto l'estrazione...può essere un riflesso dato da quello sotto o è una cosa diversa?da cosa può dipendere? premetto che devo andare ovviamente dal dentista ma l apparecchio radiografico lo ripareranno tra un paio di giorni e nel frattempo volevo avere dei pareri se possibili...ringrazio in anticipo per le eventuali risposte...cordiali saluti....
Gravi compromissione dentarie e Parodontali curate con la Odontoiatria Riabilitativa Conservativa endodontica Parodontale e Protesico gnatologica. Da casistica Clinica del Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Valeria, buongiorno a Lei, mi auguro, anzi le auguro che le sia stata prescritta una adeguata copertura antibiotica. Poi non voglio "sindacare" perchè non conosco la situazione clinica sua sistemica e locale ma un dente con granuloma ed ascesso lo si cura tranquillamente. Non voglio "sindacare" ho detto per cui presumo che il dente fosse per motivi medico-odontoiatrici non recuperabile. I punti di sutura, personalmente, li metto sempre, lasciando solo uno spazietto di spurgo centrale, eventualmente! In ogni caso ... veda lei o meglio avrà valutato bene il suo Dentista! Oer il dolore non capisco cosa centri l'attendere le lastre, e mi auguro che non sia una OPT inutile ma Rx endorali mirate al dente o ai denti in causa. La diagnosi più che radiologica che è un ausilio, è clinica. Non sto qui a spiegare come, lo sa il suo Dentista. In ogni caso sappia che esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certa che si arriva ad una diagnosi.Le lascio una foto con denti gravemente compromessi per patologie endodontiche, periapicali come il granuloma, fistole ed ascessi e parodontiti con gravi perdite ossee ossia tasche parodontali infraossee, salvati. Lo preciso perchè i denti si salvano curandoli non estraendoli, salvo l'irrecuperabilità del suo, come sembra. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Bisogna fare subito una radiografia, anche una panoramica, che dirà quali sono i denti interessati. La OPT la potrebbe fare subito in ospedale, chieda al medico di famiglia.. Bisogna andare dal dentista prima che escano i dolori, periodicamente, per intercettare le carie o i guai quando sono ancora recuperabili con facilità e molta meno spesa. A soli 27 anni è un vero peccato estrarre dei denti. Da quello che descrive ci deve essere qualche carie non tanto visibile che però è attivata al nervo. Quando c'è l'infiammazione del nervo, i dolori si diffondono, a tutta la parte e il dolore "migra" da più avanti ai denti più dietro o da quelli di sotto a sopra, e viceversa. Tutta la metà del viso può diventare dolorante, ma la causa forse è solo un dente che va devitalizzato e recuperato.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Valeria, l'unico modo per scoprire se c'è una carie interdentale o comunque in zona poco accessibile che sia responsabile della sensibilità accesa agli stimoli termici è ovviamente una radiografia meglio se endorale piuttosto che una panoramica ed un test di vitalità. Se il radiografico del suo dentista è in riparazione non credo che si offenderà se esegue una radiografia in altro studio;almeno scioglierà tutti i dubbi. Per quanto riguarda i postumi dell'estrazione le consiglio un controllo dal suo dentista. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Valeria, confermo quanto suggeritole dal Collega Dott. Savino. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Valeria, a distanza possiamo fare poco, le consiglio di ritornare dal suo odontoiatra richiedendo un eventuale terapia farmacologica.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Senza poterla visitare e senza radiografie non è possibile darle risposte certe. in ogni caso, se ha avuto un'infezione purulenta è d'obbligo la terapia antibiotica. Per quanto riguarda la sofferenza relativa all'arcata inferiore, se avverte dolore in seguito a stimoli termici non può derivare da un dente devitalizzato (non c'è più innervazione che conduce gli stimoli). E' possibile che sia presente qualche carie rilevabile da un esame radiografico. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Gentile Sig. Valeria, purtroppo una rx endorale è indispensabile. Possibile che non vi sia un collega del suo dentista disponibile ad eseguire una rx? Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Valeria, faccia una radiografia della sua bocca e vedrà che probabilmente c'è una carie in qualche altro dente. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento