Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 3

Seguito alla domanda: I granulomi e le infezioni dentali possono causare alopecie o micosi della barba?

Scritto da salvo / Pubblicato il

Vorrei ringraziare tutti i medici per le risposte. In merito alla diagnosi del dermatologo, inizialmente ha trattato il problema come una micosi; solo successivamente, quando a suo dire la cura micotica non avendo sortito effetti, propendeva per un'alopecia. Provvederò a fare una panoramica dentaria (spero vada bene)ed a consultare il dentista. Vorrei aggiungere che la perdita dei peli della barba, è iniziata gradualmente e proprio dal punto corrispondente al premolare danneggiato. Non vorrei fosse una coincidenza, ma non certamente un suggestione, ma sento che l'infezione gengivale riconduce, come fastidio, proprio al punto di inizio del diradamento della barba. Ringraziandovi Nuovamente tutti per la vostra sarà mia cura aggiornare la mia condizione in modo particolare se si dovesse riscontrare, come anche sostenuto da alcuni di Voi, che l'alopecia trova origine dal dente o comunque da un infiammazione gengivale. Porgo i miei più cari saluti

 

Precedenti:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/endodonzia/1698_i-granulomi-e-le-infezioni-dentali-possono-causare.html

Sig. Salvo il dente è comunque da curare, si rivolga al più presto ad un odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Signor Salvo..grazie per la sua stima e fiducia...stia però tranquillo...assolutamente... il fatto che l'alopecia sia iniziata in coincidenza del dente che le da problemi...è senz'altro una coincidenza, vedrà...poi il granuloma va dimostrato e diagnosticato...così come una possibile gengivite, o tasche parodontali ... Parodontite...va poi anzitutto diagnosticata una malattia focale in senso lato da un internista e solo dopo che eventualmente venisse confermata (cosa rarissima come le ho detto) si devono fare tutte le ricerche del caso valutando tutte le possibili patologie di tutte le cavità del corpo umano che comunicano con l'esterno...quindi non precipiti le cose...se anche avesse patologie orale non sarebbe detto che avrebbe una malattia focale...spero di essermi spiegato bene... in bocca al lupo e mi tenga informato!...Gustavo Petti Parodontologo in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Salvo, la invito a scindere con grande serenità e certezza i due problemi. L'alopecia, che con elevata probabilità rappresenta il problema accusato nell'area cutanea della barba, è una patologia la cui causa è si ancora incerta, ma la cui genesi è senz'altro su base immunologica. In sintesi vengono prodotti: (1) prevalentemente degli anticorpi simili a quelli prodotti nelle allergie (IgE); (2) altre volte degli anticorpi simili a quelli che si osservano nelle risposte autoimmunitarie o da contatto con antigeni estranei o insulti LOCALI (cute) di varia natura (soprattutto linfociti T). Allorquando prodotti, entrambe queste classi di anticorpi sono caratterizzati da una alta affinità (tropismo) per un organo bersaglio specifico (in questo caso i tegumenti, ossia cute e/o, al più, mucosa; no denti e/o ossa mascellari ...) tale per cui essi sono in grado di raggiungere esclusivamente la sede cutanea (e/o affine) bersaglio e danneggiare a breve o medio o lungo termine i follicoli piliferi. E' stata identificata in letteratura una possibile predisposizione genetica che renderebbe tali individui a maggior rischio di contrarre la malattia. Ma lo stress sembra certamente coinvolto come fattore precipitante ("goccia che fa traboccare il vaso") e/o aggravante le manifestazioni cliniche. Una alimentazione sregolata ed una riduzione di ferro ematico sono stati significativamente associati a comparsa di alopecia. La buona notizia è che la malattia risulta comunque autolimitante, nel senso che a distanza di pochi mesi o pochi anni sparisce completamente (quasi sempre senza esiti). Pertanto, Le suggerisco caldamente: (1) maggior relax e riduzione dei ritmi di vita e/o stress; (2) una alimentazione più regolare e completa; (3) trattare separatamente il problema cutaneo (terapia di supporto per l'alopecia, seguito dal dermatologo e/o immunologo clinico) da quello dentale (diagnosi ed eventuale trattamento dentale, seguito dal Suo Odontoiatra di fiducia). Con l'augurio di una pronta guarigione.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento