Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 12

Dolore ad un molare già curato

Scritto da Gregory / Pubblicato il
Salve a tutti, vorrei un vostro parere sulla vicenda che sto vivendo. Prima di Natale, dovendo affrontare in viaggio negli USA e avendo dolore ad un molare già curato, mi sono rivolto dal mio medico il quale mi ha consigliato, (dopo visita e radiografia) di svuotare la camera pulpare per alleviare il dolore e consentirmi di viaggiare sereno e al mio rientro procedere con la devitalizzazione. Dopo due settimane sono tornato per la devitalizzazione; il medico mi ha praticato una anestesia circoscritta al dente in questione (credo si chiami ignos o qualcosa del genere)ed ha iniziato a rimuovere l'otturazione provvisoria messa in precedenza. L'ovatta posizionata all'interno era intrisa di essudato e appena il medico si avvicinava al canale radicolare io vedevo le stelle. Ha tentato una anestesia direttamente nel canale, ma purtroppo per me non ha preso. A questo punto si è fermato, ha disinfetatto la camera pulpare ha messo antibiotico, ha richiuso con una provvisoria e mi ha prescritto Augmentin per 5 giorni 2 compresse al dì in quanto, a suo dire, l'infezione con il suo PH acido annullava l'effetto dell'anestetico. Oggi dopo una settimana sono tornato, ma purtroppo anche stavolta dopo due anestesia locali e una tronculare, non è stato possibile devitalizzare in quanto impossibile avvicinarsi al canale senza che io vedessi le stelle i pianeti e tutte le galassie. Il medico mi ha prescritto altri 5 giorni di antibiotico e ha detto che la prox volta tenterà la devitalizzazione chirurgica, ma se dovesse nuovamente essere impossibile farla, suo malgrado, dovrà procedere con la pasta necrotizzante (Dentogen o qualcosa di simile). Navigando su internet ho letto che questa pratica della pasta necrotizzante è datata e pericolosa e dunque vi chiedo: alla luce di quanto da me esposto pensate che il mio medico stia agendo correttamente? E' inutile dire che sto iniziando a preoccuparmi non poco. Grazie a tutti per la pazienza nella lettura. Saluti cordiali.
Caro Signor Gregory, ma che pasta e pasta devitalizzante! E' roba da preistoria! Riguardo a " in presenza di infezione l'anestesia non fa pienamente effetto e si sente dolore" rispondo si e no. Si perché perché l'effetto dell'anestesia potrebbe essere invalidata parzialmente perché è presente una forte infiammazione perché il PH locale si abbassa acidificando l'ambiente e l'anestetico libera la sua base attiva in ambiente basico o almeno neutro, non in ambiente acido! No, perché, in queste situazioni, basta risolvere prima l'infiammazione e poi procedere all'anestesia, oppure fare una anestesia regionale, nel senso di tronculare del tronco nervoso che innerva quella particolare "regione" della bocca, da trattare terapeuticamente, anzichè la sola anestesia locale! Ripeto, basta potenziare l'anestesia plessica o tronculare con anestesie peripress nello spazio parodontale e subperiostea ossea e, aperta la camera pulpare, intrapulpare, che l'effetto diventa pieno in qualsiasi situazione patologica! Per la terapia, concettualmente i microbi presenti nella radice inviano fuori nell'osso le loro tossine a cui l'organismo risponde con la formazione cistica o granulomatosa per arginare l'infezione stessa e difendersi, e i corpi dei leucociti macrofagi che arrivano in massa, formano il pus e quindi l'ascesso che si fa strada tra le fasce muscolari dove trovano meno resistenza, ecco che un ascesso può "emergere" anche abbastanza lontano dal dente di origine, tolti i microbi con la nuova terapia endodontica per via ortograda (normale ) o retrograda (chirurgica) le tossine non vengono più emesse e la zona di osteolisi (lisi dell'osso) scompare con rigenerazione dell'osso stesso. La mobilità del suo dente è semplicemente dovuto alla distruzione ossea temporanea per la presenza dell'osteolisi periradicolare che è curabile e reversibile o al sovrapporsi di una Parodontite o di una Endoparodontire con tasca parodontale e difetto osseo relativo. Solo una visita clinica ed un sondaggio parodontale di tutta la bocca e una o più Rx endorali possono consentire di fare la Diagnosi Differenziale tra le diverse patologie! Devo dire ancora " Povera Odontoiatria , dove stiamo andando a finire? Ed insieme con l'Odontoiatria, Voi pazienti siete quelli che soffrite di più da questo stato di cose!" . Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Quando l'anestesia non ottiene l'effetto voluto si cambia tipo di anestesia, sede di inoculo o al limite molecola farmacologica per ottenere il necessario "silenzio" della sintomatologia dolorosa e portare a termine la terapia.

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Gentile Sig. Gregory, pasta necrotizzante? Effettivamente parliamo di 50 anni fa. Da allora le cose si sono evolute, pensavo non esistesse più. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con i colleghi per quanto riguarda la sua situazione clinica. comunque l'endodonzia è considerato un trattamento di routine quindi stia tranquillo e si rivolga al suo dentista di fiducia. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Antonella Scorca
Bari (BA)

Caro Gregory, un solo consiglio: cambia odontoiatra.

Scritto da Dott. Vincenzo Carpentiere
Barletta (BT)

Mi sembra che il suo dentista abbia fatto tutto quello che si poteva fare in quella situazione. Forse io insisterei con un'altra anestesia, magari quando sarà passata ancora un pò l'infiammazione. (Che cosa sarebbe la "devitalizzazione chirurgica"?).

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

L’anestesia deve funzionare sempre come funzionano sempre la stricnina o la cicuta. L’idea di svolazzare in alta quota sull’Atlantico con una palla di cotone nella cavità di un dente aperto e tappato sembra un azzardo fortunoso, tanto che al ritorno lei aveva solo “l'ovatta posizionata all'interno intrisa di essudato”. Spiace doverle dire di trovarsi un dentista più caro e più bravo, e dalle mani esperte. Un dentista che sappia il fatto suo non dovrebbe mai fermarsi ad un’altra otturazione provvisoria, con un giro di Augmentin perditempo. La bravura costa sempre. L’odontoiatria moderna è costosa, ma non cara. Se lei salva il dente conquista un valore che è maggiore del valore del denaro pagato. La procedura: anestesia risolutiva, strumentazione dei tre o quattro canali, misurazione elettronica, irrigazione con conegrina, chiusura antisettica ermetica. Alla fine rimarrà con un dentista per amico, da panettone natalizio. Le raccomando mani esperte. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Il problema e eseguire una anestesia efficace. Se c'è infezione prima si sfiamma bene con antibiotici appropriati e poi un tipo di anestesia o l'altro dovrà funzionare. Abbia pazienza e torni dal suo Dr.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Gregory, negli anni 2000 lei non ci può raccontare questo discorso dell'orrore, spero che si sia inventato tutto; anche perché di norma non si esegue una pulpectomia parziale e lasciando il dente il cotone per 15 giorni. Aspetto le sue prossime notizie su come si esegue una devitalizzazione chirurgica, che non conosco.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Egregio Gregory, non voglio assolutamente parlar male del collega ... Ma la tossicità di quei prodotti è nota a tutti ... Una buona anestesia tronculare con rinforzo di plessica e intraligamentosa dovrebbe quantomeno abbassare la soglia del dolore per procedere alla corretta terapia endodontica....

Scritto da Dott. Valerio Pierpaolo Fiore
Barletta (BT)