Domanda di Devitalizzazione

Risposte pubblicate: 7

Mi ritrovo ancora con il fastidiosissimo problema di alitosi

Scritto da Luciano / Pubblicato il
Premetto che soffro di alitosi cronica da 10 anni, e che sono stati esclusi problemi a livello digestivo. Circa 3 mesi fa a causa di un ascesso il mio dentista è costretto ad operare sul primo molare destro. All'apertura del dente fuoriesce un odore terribile di marcio, dovuto al fatto che il dente era ormai in necrosi. Viene effettuata la terapia canalare e il dente viene otturato (senza corona). A distanza di 3 mesi mi ritrovo a percepire in bocca (soprattutto quando "aspiro" con la lingua sul dente) lo stesso odore di marcio che avvertivo quando il dente è stato aperto. Mi ritrovo pertanto ancora con il fastidiosissimo problema di alitosi, perlopiù accentuato in modo molto più grave, questo mi secca alquanto, perché attuo una pulizia maniacale dei denti. Il dentista ha escluso tasche parodontali, e i punti di contatto sono perfetti. Mi sono state prospettate due possibilità: riaprire il dente rieffettuando la pulizia interna, ma ovviamente senza garanzie che possa risolvere il mio problema, oppure estrarlo direttamente e ricostruirlo. Io opterei per la seconda opzione, in modo da risolvere il problema alitosi alla radice, in quanto il dente è sicuramente marcio. Ovviamente chiedo il vostro parere prima di prendere una decisione così importante. Grazie in anticipo.
Sig.Luciano, basta una visita ed una radiografia endorale per capire se il dente ha qualche problema ed eventualmente per curarlo. Non credo che il problema suo possa essere ricondotto ad un solo dente che come lei asserisce è stato già trattato. Pertanto le suggerirei di valutare tutto l'insieme e di non soffermarsi e focalizzare tutto sul dente devitalizzato a meno che lo stesso non abbia qualche fistola che emette pus o materiale infetto che potrebbe giustificare il problema. Ma se la cura è corretta e non c'è alcun segno di infezione il dente in questione non può essere in alcun modo responsabile dell'alitosi e risulta inutile l'estrazione. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Luciano, prima di estrarre ed escludendo problemi digestivi e/o parodontali, valuti anche con un otorinolaringoiatra se vi possa essere interessamento delle logge/ cripte tonsillari. Molte volte può dipendere anche da quello. Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Icardi
Vicoforte (CN)

Sig. Luciano, prima di estrarre ed escludendo problemi digestivi e/o parodontali, valuti anche con un otorinolaringoiatra se vi possa essere interessamento delle logge/ cripte tonsillari. Molte volte può dipendere anche da quello. Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Icardi
Vicoforte (CN)

Caro Signor Luciano, buongiorno. Bisogna semplicemente fare una corretta Diagnosi! L'alitosi è molto frequente e può essere dovuta a diverse patologie sia sistemiche che dell'apparato stomatognatico. l'Halimeter è uno strumento utile per misurare l'alitosi. Esso misura il Gas emesso dalla bocca in parti per milioni è stato stabilito da studi già risalenti agli anni '90 che sotto 75 parti/milioni non si ha alitosi,sopra si incomincia ad avvertirla sia soggettivamente che oggettivamente da parte del Medico che "odora" l'aria emessa dalla bocca,al di sopra di 120 l'alitosi è forte e la si sente anche da un metro di distanza. A 120 il paziente che ha l'alitosi, la sente soggettivamente sempre. Non è indispensabile avere questo apparecchio per misurare l'alitosi,è sufficiente la cosiddetta misurazione ORGANOLETTICA,che è soggettiva da parte del Medico (che la compara con un assistente che odora pure lui per "riprova",la si fa odorando l'alito del paziente a distanze diverse e sempre maggiori per stabilire la gravità dell'alitosi. Tra le malattie sistemiche sono in particolare quelle dell'intestino, apparato gastro enterico, fegato, dei seni paranasali e dei polmoni che danno Alitosi, per cui è opportuno farsi visitare da un Clinico Medico (specialista in Medicina Interna ) o da un Gastroenterologo e da un Otorino. Tutto il resto è di pertinenza del Dentista perchè nell'Organo Bocca risiede la maggior parte delle cause di Alitosi,dovuta a microbi produttori di gas, anaerobi, gram negativi che risiedono per lo più in Tasche Parodontali, in carie profonde, in canali di denti in necrosi, su "anfratti" della lingua specie se con alterazioni tipo lingua geografica, lingua nigra ed altre stomatiti o mucositi, è buona norma spazzolare oltre che denti e gengive anche il dorso della lingua con scovolini speciali che vendono in Farmacia,quindi le serve una buona Visita Odontoiatrica per ricerca di carie e necrosi endodontiche e stomatologica per stomatiti ed alterazioni del dorso della lingua,l'halimenter diciamo che serve,ma se ne può fare benissimo a meno,è sufficiente che il Dentista sia "bravo" e si occupi di questo problema come di solito avviene per tutti i Parodontologi,il gas prodotto da questi microbi contiene composti solforati e di putrefazione con liberazione di solfato di idrogeno e metilmercaptano che sono la causa del cattivo odore da ovunque provenga, si ricordi quindi che l'alitosi è un SINTOMO e per eliminarla bisogna eliminare la causa,quindi fare una diagnosi,ci sono poi infine pazienti che nonostante la eliminazione della causa e della alitosi la continuano a sentire,occorre allora una terapia delicata Psicologica presso uno psicoanalista.Fatta quindi una Visita Parodontale che escluda la presenza di Tasche parodontali e osteolisi periapicali e necrosi endodontiche e carie, si faccia visitare , ripeto, da un Medico specialista in Medicina Interna o da un Gastroenterologo e da un Nutrizionista ed eventualmente se non si arrivasse ad una Diagnosi certa o la Visita Organolettica del Dentista fosse negativa per l'Alitosi, consulti uno Psicologo Clinico o uno Psicoanalista. Vedrà che si risolverà tutto. Cari saluti e tantissimi sinceri auguri :) Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Luciano, ma se il suo dentista esclude problemi non vedo come si possa pensare che estraendo il molare l'alitosi regredisca. Mi sembra quasi che il ragionamento sia, io non vedo nulla ma non si sa mai. Non proprio scientifico. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Maca al solito e drammaticamente, la diagnosi. Inconcepibile che un collega dica "proviamo ad aprire e ripulire il dente".....c'ë una radiografia endorale? La cura canalare non è corretta e:o è presente una lesione peri - apicale? Al di là di queste mie considerazioni personali, se proprio non vede alternative, estragga il dente, ma non è assolutamente detto che il problema di alitosi si risolverà.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Luciano, non prenda decisioni, lei non è competente della materia, lasci al suo odontoiatra queste decisioni e stia alle sue indicazioni......................

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)