Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 10

Mio figlio ha 5 anni e mezzo e una carie al molare curata a febbraio

Scritto da Patrizia / Pubblicato il
Buongiorno, ho letto un pò delle domande e risposte pubblicate e mi sono venuti alcuni dubbi. Mio figlio ha 5 anni e mezzo e una carie al molare curata a febbraio. La carie era profonda e, nonostante le cure, mio figlio ha continuato a sentire dolore. Pertanto ieri la dentista ha provveduto ad estrarre il dentino. Dopo una lastra, mi ha anche informato che non è necessario inserire il mantenitore di spazio in quanto si vede già  il dente sotto. Volevo qualche consiglio, avrà fatto la scelta giusta? Grazie.
Dentizione
Cara Signora Patrizia.... lei parla di molare (ovviamente deciduo = di latte) che erompono intorno ai 10-16 mesi e vengono sostituiti dai premolari permanenti intorno ai 10-11 anni ... ora, questi parametri sono orientativi, ...ed è necessario fare una Rx endorale per vedere lo stato di maturazione della radice del dente permanente in via di eruzione per stabilire se questo eromperà tra brevissimo tempo o no!
Ma eromperà se è un molare di latte di cui parliamo e di un premolare permanente, tra troppi anni e lo spaziuo si chiuderà con gravi problemi ortodontici...quindi va messo un mantenitore di spazio...se i denti di cui parla sono giusti...se parla di altri denti allora potrebbe essere tutto diverso...quindi è necessario stabilire se lo spazio per l'eruzione del permanente è sufficiente....insomma se la sua DEntista è una Pedodontista...avrà preso in considerazione tutti questi "ragionamenti" ed allora va tutto bene ...se non fosse Pedodontista = esperta in odontoiatria infantile), allora sarebbe opportuno fare visitare al più presto sua figlia da un Dentista Pedodontista che prenda le giuste decisioni, dopo avere fatto una giusta DIAGNOSI!..............Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Signora, la curante di suo figlio se dopo l'rx di controllo le ha detto che il mantenitore di spazio non è necessario non le resta che fidarsi, le consiglio magari di fare controlli frequenti per seguire l'eruzione corretta del premolare permanente.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora, credo sia il caso di far visitare suo figlio da un pedodontista in quanto ritengo assai improbabile che a soli 5 anni e mezzo ci sia già il premolare definitivo pronto a erompere. Di solito l'eruzione dei premolari definitivi che vanno a sostituire i molaretti decidui avviene molto più in là con l'età a circa dieci anni a meno che non si tratti di eruzione precocissima, cosa peraltro assai rara, che ritengo improbabile. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Dagli elementi che ci fornisce, posso dirle che non sono per nulla d'accordo con la scelta operata dal collega, avrei prima provato la cura canalare (o pulpectomia)con una ricostruzione senza percorrere come prima strada l'estrazione di un dente il cui permanente fuoriuscirà tra qualche anno. Non prenda per oro colato, ma l'estrazione di un molare da latte, quando ancora non sono ancora erotti i primi molari permanenti (che erompono a 6 anni), può causare un malposizionameno o anche un incarceramento dei premolari permanenti, che non avranno spazio a disposizione. Ad ogni modo, ogni caso va poi ben valutato e contestualizzato alla situazione dentale di suo figlio. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Livio Germano
Verbania (VB)

Cara Patrizia, da ciò che ci riferisce sarebbe corretto sottoporre Suo figlio ad una visita ortodontica. Personalmente, ritengo che un mantenitore di spazio in un bambino di 5,5 anni sia tanto necessario in caso di perdita del primo molare deciduo (sostituito dal primo premolare permanente attorno ai 9-11 anni) quanto a dir poco doveroso in caso di perdita del secondo molare deciduo (sostituito dal secondo premolare permanente generalmente 6-12 mesi dopo la comparsa del primo premolare permanente) in quanto sempre più sovente mi capita di vedere eruzioni precoci (anche prima dei 6 anni) dei primi molari permanenti che, in caso di perdita del secondo molare da latte, ruotano e mesializzano (=si inclinano verso il dente davanti) riducendo lo spazio in arcata per l'eruzione (=la fuoriuscita naturale) del secondo premolare permanente [è una tipica causa di ritenzione (=trattenimento nell'osso) o eruzione ectopica (=fuoriuscita storta verso la guancia o verso la lingua) del secondo premolare permanente]. La presente, naturalmente, è una valutazione generica (e NON riferita al caso di specie, ossia a Suo figlio, che necessiterebbe di esame obiettivo diretto per formulare una diagnosi specifica); valutazione che comunque mi sento di sottoporLe al solo scopo di farLe comprendere l'effettiva importanza di una visita specialistica ortodontica in casi analoghi a quello da Lei narratoci. Con l'augurio di imbattersi sempre in soluzioni preventive nella vita; Antonio Scala, Brescia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Patrizia, dubito che il premolare sia in eruzione, ma non posso essere preciso nel consigliarle un mantenitore di spazio perchè non conosco la situazione del bimbo, le consiglio invece di cercare un pedodontista. Cordialmente

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

Buonasera sig.ra Patrizia, sinceramente sarebbe stato assai meglio curare e NON estrarre il molaretto , la cui permuta avverrà tra i 9 e gli 11 anni ( con variabili cioe' individuali). Una volta tolto , ritengo invece INDISENSABILE applicare il mantenitore di spazio, da lasciare fino alla comparsa del permanente corrispondente. Sappia che la radice del dente da latte è anche matrice funzionale per la crescita della base ossea su cui si impianta , pertanto la sua rimozione potrebbe comportare contrazione della cresta ossea che dovrà accogliere il permanente . Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Sono indignato dalla risposta che la sua dentista le ha dato riguardo al mantenitore di spazio, perché è assolutamente SBAGLIATA! Se me la avesse data ad un esame nella sua carriera universitaria l'avrei BOCCIATA. Mi scusi per questa reazione, non sono abituato a criticare i colleghi, ma leggere una castroneria simile dopo anni di insegnamento appassionato della Pedodonzia mi indigna vedere che ancora c'è chi non la ha imparata. Mi spiego: i molari da latte hanno la forma dei molari permanenti e sono molto più grandi dei "premolari" che li devono sostituire a tempo debito. Questo perché AL TERMINE della permuta devono permettere al primo molare permanente di avanzare quel tanto che basti per rendere normale la occlusione con i denti superiori. Ho detto a"a tempo debito" perché questo avanzamento deve avvenire quando i denti anteriori (incisivi e canini) hanno trovato il loro posto senza affollamenti. La perdita del molare deciduo in epoca prematura invece provoca una diminuzione dello spazio disponibile per i denti anteriori perché permette la migrazione in avanti del molare permanente troppo presto e quindi provoca affollamento anteriore. Inoltre i molari permanenti sono inclinati all'interno dell'osso, ed il movimento di eruzione è non solo verticale ma anche rotatorio per mettersi in verticale, appoggiandosi appunto al molare deciduo che lo precede. Togliendo il molare da latte, quello permanente non ruota più e si dispone obliquamente in avanti, togliendo spazio anche al premolare (quello che la sua dentista vede nella radiografia) e questo può restare incluso e non erompere più. I mantenitori di spazio sono nati appunto per evitare questi danni, e la cosa più difficile è realizzarli prima che il primo molare permanente sia erotto, perché si deve cercare il modo di appoggiarsi su questo molare permanente che ancora non è apparso nel cavo orale. Detto tutto questo le consiglio, per il bene di suo figlio, di affidarne la cura ad un altro dentista, meglio un pedodontista (cioè uno che abbia pratica di bambini e delle loro problematiche. Purtroppo la Pedodonzia non è ancora una specializzazione riconosciuta per legge. O meglio la legge esiste dal 2006 ma ancora non sono state istituite le Scuole di specializzazione. Quindi lei non può avere indicazioni precise. Ma credo che a Varese lei possa ricorrere alla Clinica Odontoiatrca dell'Università, dove chiedere di far visitare suo figlio dal professore di Pedodonzia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Concordo con i colleghi che mi hanno preceduto in particolare il dr Petti. Ovviamente però senza una visita non può essere fatta nessuna diagnosi specifica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Patrizia, richieda una relazione scritta al suo odontoiatra, dove lei è informata che l'avulsione precoce del molare, non implicherà alcun problema di spazio ai futuri denti permanenti. A questo punto lei ha responsabilizzato il suo odontoiatra e in caso di mancanza di spazio futuro, rimedierà a sue spese nel ricreare gli spazi persi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento