Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 8

E' il caso che tolga 4 denti?

Scritto da rossana / Pubblicato il
Gentili Dentisti, le radiografie parleranno meglio (seppur se ne alleghino poche) e più di quanto possa fare io. Ho 31 anni, fino ai 19 ca (altezza attuale 1,78), crescita regolare, anche del viso. Ad un certo punto non potei fare cose ke facevo 'fino' al mese prima. Una serie di disagi, anche sintomi, per cui quello che era lo strappare il nastro adesivo con i denti, tranciare la pizza o gli spessori sottili non mi riuscì più di farlo. Dopo un paio di anni ho messo la griglietta linguale che impediva alla lingua di fare il suo danno (terapia andata un po’ alla deriva). Intorno ai 25 anni ho messo apparecchio fisso con elastici, (cura portata avanti male, perchè non ero nella mia città, tornavo a periodi di distanza più lunghi di quelli che sarebbero stati necessari, l ho tolto anche in anticipo). Al termine, sembrava che la situazione si fosse riappianata, cioè 'ho la sensazione' che ero ritornata a 'tranciare' alla vecchia maniera (vi allego radiog a distanza di 2 anni). Adesso dopo 3 anni ca., [attuali 31 (ancora anche l apprecchio di 'contenzione/nimento'?, e splintaggio)], considerando che la situazione è come prima che mettessi l apparecchio, sono intenzionata a fermare o frenare questo obbrobrio (biprotrusione), che capite bene, da un punto di vista estetico mi addolora moltissimo. E' un problema di postura della lingua (e quindi deglutizione atipica)? Ci sono delle criticità nel mio apparato respiratorio, che in effetti non ho mairisolto. Quanto devo prestare attenzione a ciò? E' il caso, come si potrebbe suggerire, che tolga 4 denti? Mi sono dilungata, in effetti dovevo riassumere 12 anni di storia. Scusate
Cara Signora Rossana, purtroppo per serietà professionale le devo rispondere con frasi ripetute centinaia di volte: la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi!Si rassereni si risolve tutto!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Rossana, purtroppo si vede solo una fotografia del suo viso. Da questi pochi elementi è inpossile consigliarle una terapia. Possibile che in questi anni non abbia trovato un bravo ortodonzista che l'ispiri fiducia? Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Rossana, capisco i suoi problemi trovandomi ogni giorno davanti a consulti come il suo. L'amico e Collega Dr. Petti dice il vero, l'ortodonzia è una cosa seria e non può essere liquidata in due parole. sicuramente è necessario un controllo linguale etc, ma va gestita anche la situazione estetica e facciale. le consiglio un consulto ed una visita approfondita e nel frattempo consulti il sito  la Saluto Dr. Bennici

Scritto da Dott. Orazio Maximilian Bennici
Catania (CT)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Rossana, bella la foto con apribocca, chissà se il suo viso sarebbe carino appiattito con le labbra non adeguate? La risposta corretta si ottiene solo con un vero studio del caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Rossana. Come è ovvio, bisogna fare uno studio accurato della struttura ossea tramite quell'esame che si chiama cefalometria. Può leggere i miei articoli in proposito presso questo sito.. Ma come lei ci racconta, e come si vede bene dalla foto anche se non proprio ben fatta, la biprotrusione con open (quello che le impedisce di tagliare un filo con i denti, perchè davanti sta beante) sono dovuti e sostenuti dalla lingua!! La unica cura al mondo è un apparecchio mobile funzionalizzante (solo questo agisce contemporaneamemnte su osso -ma lei è grande- lingua, denti ATM etc) e logopedista con terapia miofunzionale (cioè 4-5 minuti di esercizi a casa ogni giorno per anni interi..). Ho curato così alcuni casi come il suo, anche da adulti, ma con forte impegno. Le estrazioni sono una bestialità, ma tutto ciò che ho detto, l'ho detto ad occhio via cavo web. Bisogna fare gli esami diagnostici e vedere se è giusto..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Salve Rossana dalla foto si evince poco bisognerebbe fare degli esami più approfonditi (TAC IN 3D, CEFALOMETRIA ecc. ecc.) e valutare bene qual'è la cosa giusta per la salute della sua bocca cerchi di trovare uno specialista serio in ortognatodonzia e questa volta metta tutto il suo impegno affinchè risolve in modo definitivo il suo problema senza lasciare la terapia a metà. Per qualsiasi chiarimento rimango a sua disposizione dott. Angelo Di Mauro

Scritto da Dott. Angelo Di Mauro
Sant'Agata li Battiati (CT)

Gent.ma Rossana, proverei a fare un buon ciclo di " Mioterapia " , e poi decidere. Ne parli con il suo ortodontista. Auguri Dott Fausto Perrone Catanzaro

Scritto da Dott. Fausto Perrone
Catanzaro (CZ)

Gent. ma Rossana, Le consiglio, in generale, prima di sottoporsi ad alcuna terapia, di farsi formulare una diagnosi corretta. Essa viene eseguita basandosi su un esame clinico approfondito, valutazione della lingua e dei tessuti molli, e degli esami radiografici (telecranio laterale, frontale, ortopantomografia, la stratigrafia dell'articolazione temporo-mandibolare a bocca aperta e a bocca chiusa di entrambe le articolazioni. Grazie per averci contattato. Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento. Dott. Sergio Sambataro
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Sambataro
Catania (CT)