Domanda di Endodonzia

Risposte pubblicate: 15

Qualsiasi dentista può riuscire a togliere le viti anche senza ultrasuoni?

Scritto da Andrea / Pubblicato il
Nel caso di debba far ritrattare un molare già devitalizzato a causa di granuloma e che ha delle viti, è necessario e conveniente affidarsi ad un dentista che possegga gli ultrasuoni per toglierle per non rompere il dente, oppure qualsiasi dentista può riuscire a togliere le viti anche senza ultrasuoni? E' solo perché non so se fidarmi del mio dentista o cercarne uno che abbia la macchina a ultrasuoni e magari anche il microscopio elettronico. Tra l'altro dovendo partire a breve per le vacanze mi conviene far ora l'intervento o "armato" di antinfiammatori e antibiotici mi converrebbe posticipare di qualche settimana? Grazie
Gentile Andrea, qualsiasi odontoiatra deve e può essere in grado di rimuovere delle viti da un canale e non sta certo a lei stabilire in che modo in quanto molte di esse possono tranquillamente essere tolte senza gli ultrasuoni da lei citati. Non è certo lei che possiede le competenze giuste per le terapie del caso e si affidi invece con fiducia a chi le possiede. Vada tranquillamente dal suo odontoiatra di fiducia e non si ponga dubbi poichè il suo dentista saprà sicuramente come operare. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Denti giudicati insalvabili e curati con endodonzia conservativa pernimoncone chirurgia parodontale ed in bocca da decenni.Da Casistica dl Dr.Gustavo Petti e Dr.ssa claudia Petti di Cagliari
Caro signor Andrea...ma perchè si pone queste inutili domande...lo sa il dentista come si rimuovono dei perni a vite... è una operazione che ha dei rischi e che le devono essere accuratamente spiegati dal dentista..ma operazione che riesce pressocchè sempre! e senza danni...in ogni caso si può curare il dente anche per via retrograda chirurgicamente, ossia curare le radici chirurgicamente dall'apice che poi va chiuso con amalgama chirurgica o MTA ...badi ho detto retrograda, NON APICECTOMIA; CHE MOLTISSIMI FANNO MA CHE NON VA ASSOLUTAMENTE FATTA...la retrograda è un'altra cosa...OK?......poi cì sarà sempre qualcuno che dirà che la retrograda non va bene perchè murerebbe i microbi dentro la radice, causando la perdita del dente e che la breccia ossea per arrivare all'apice causerebbe una perdita dell'osso utile poi per un impianto inficiando l'impianto stesso...NON E' COSi' e dispiace constatare che ci sia ancora tanta ignoranza, perchè la retrograda uccide i microbi e ne impedisce il contatto con i tessuti ossei periapicali...poi se il chirurgo volesse essere super preciso..ricostruirebbe (io faccio così) l'osso con osso artificiale costituito da solfato mdi calcio che funziona da matrice dissolvibile su cui si rigenera l'osso ospite e nuovo o con osso autogeno e non solo no vanifica un eventuale impianto ma lo facilità per la bontà della qualità dell'osso rigenerato....qquesto lo preciso perchè purtroppo ai congressi e nelle discussioni tra colleghi si sentono e si vedono ancora queste "forme di gravissima ignoranza" quindi attenzione nelle mani di chi capita...si informi bane sulla validità del Dentista o endodontista o Chirurgo...........le lascio una foto di radici che "tutti" avevano di estrarre e che invece sono state salvate e che sono in bocca da molti decenni a testimo0nianza della eccellenz della terapia...ma bisogna saperla fare una terapia così...................cordialmente suo Gustavo Petti Gnatologo e Parodontologo, Implantologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Andrea la rimozione di perni o viti endocanalari deve essere una rimozione sicura, che tutela il suo dente e quindi deve esser fatta solo con l'utilizzo degli ultrasuoni e con punte dedicate. Il ritrattamento canalare può essere eseguito anche senza l'utilizzo del microscopio visto che in letteratura scientifica ci sono migliaia di casi endodontici guariti che risalgono al periodo pre-microscopio. E' chiaro però che ci troviamo nel 2010 e grazie a Dio esistono i mezzi ingrandenti ed il microscopio che ci hanno aperto un mondo nuovo a noi Endodontisti prima esplorabile solo a livello tattile ora finalmente visibile. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Aglietti
Firenze (FI)

Caro Sig. Andrea, cambiare dentista solo perchè il suo non ha l'apparecchio ad ultrasuoni mi sembra davvero una cavolata (mi lasci passare il termine), in quanto oggi l'ignoranza fa sì che con leggerezza ci si lasci trascinare dalla pubblicità e dalle dicerie che enfatizzano ora il microscopio elettronico e domani un altro strumento futuristico che comunque rimangono solo di effetto d'immagine e di ausilio per l'operatore. Si ricordi che l'odontoiatria è un professionista abilitato all'esercizio della professione ed è in grado di effettuare gli interventi di sua pertinenza ed, in particolare quelli da lei richiesti, in base alla sua esperienza ed alla sua abilità senza dover necessariamente ricorrere a tali strumenti. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Andrea, non è semplice trovare un odontoiatra che non possegga gli ultrasuoni utilizzati per le comuni ablazioni del tartaro. In qualunque caso non è lei che si deve preoccupare dei trattamenti da scegliere, perchè sono di competenza del suo odontoiatra.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Sig. Andrea, la rimozione di un a vite può essere la cosa più semplice di questo mondo o la più complicata se non si hanno le conoscenze giuste e gli strumenti adatti. Tali strumenti sono innanzitutto le sorgenti di ultrasuoni che ogni studio aggiornato in cui si fa anche endodopnzia deve avere. Un altro strumento utilissimo, come già ha detto il Dr. Aglietti, e nella mia pratica ormai indispensabile è il microscopio. Non il microscopio elettronico come dice lei ma un semplice (si fa per dire) microscopio ottico, detto microscopio operatorio. Sappia che negli USA ormai da anni l'Endodonzia viene insegnata con l'utilizzo del microscopio. L'endodonzia è una branca nella quale la differenza tra più e meno un quarto di millimetro può fare la differenza tra successo e fallimento. Oltre agli ultrasuoni esistono in commercio degli appositi "estrattori" utilissimi per rimuovere perni fusi e viti endocanalari senza il minimo rischio di danneggiare la struttura radicolare. il suo dentista se è aggiornato dovrebbe conoscerli. Cari saluti. Dr. Arnaldo Castellucci
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Arnaldo Castellucci
Firenze (FI)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signore, viti di ancoraggio poste nello spazio endodontico sono considerati ostacoli ad un ritrattamento sia nella bibliografia del settore che in quella medico legale. Sia ben sviscerato il problema in tutti i suoi aspetti PRIMA di agire. Detto questo, dico che molto dipende da come le viti sono state poste in situ. Viti molto lunghe ancorate in profondità (come la tecnica richiederebbe) sono abbastanza difficili da rimuovere con o senza ultrasuoni. Spesso invece capitano viti appena appoggiate all'imbocco dei canali che sembra siano state messe lì solo per appesantire una parcella. La loro rimozione non rappresenta un problema. Non disponendo di immagini riguardanti il suo caso non posso però darle consigli. Con il microscopio elettronico vedrebbe la sua vite larga svariate decine di metri. In odontoiatria si usano sistemi ottici di ingrandimento che garantiscono ingrandimenti nell'ordine dei 3x fino a 8x-10x. Di più non credo serva. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile signore assecondo il suo desiderio di voler eseguire il ritrattamento endodontico da un endodontista che non solo sia in possesso di sorgente ad ultrasuoni e microscopio operatorio ma che abbia le capacita' di affrontare tali situazioni complesse senza per questo dover abbandonare il suo dentista di fiducia, che magari dopo aver eseguito il trattamento da uno specialista tornerà ad occuparsi della sua salute orale, cordialità .

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Caro signor Andrea, non credo assolutamente che per rimuovere delle viti endocanalari serva il microscopio operatorio, o comunque può essere utile ma non indispensabile, sta alle capacità, esperienza e tecnica utilizzata a fare la differenza, il suo odontoiatra le ha proposto questa terapia sicuramente perchè è in grado di eseguirla correttamente. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Donatello Castagna
Cori (LT)

Si fidi del suo dentista se ha proposto tale trattamento ne è senz'altro capace.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento