Domanda di Denti e bellezza

Risposte pubblicate: 12

Come posso cambiare il colore del ponte senza dover rifare tutto?

Scritto da Tamara / Pubblicato il
Buongiorno, il mio problema è questo, 8 anni fa ho avuto un incidente e ho perso i quattro incisivi superiori, che cosa mi hanno fatto, mi hanno messo un apparecchio che serviva a chiudere lo spazio tra i denti così da impiantarmi successivamente due denti frontali invece che quattro. Purtroppo dopo aver già chiuso lo spazio hanno cambiato idea e mi hanno semplicemente messo un ponte definitivo supportato dai due canini limati. Per la scelta del colore non mi hanno assolutamente ascoltato e mi hanno messo un ponte con un colore giallino che secondo loro rispecchiava il mio colore naturale. Il fatto è che io voglio sbiancare i miei denti naturali, ma come posso cambiare il colore del ponte senza dover rifare tutto? è una cosa fattibile? grazie
Gent. Sig.ra Tamara potrà, ovviamente, schiarire i suoi denti ma obbligatoriamente rifare almeno il rivestimento esterno in ceramica del suo ponte se potrà essere rimosso senza alcun danno cordiali saluti Prof. Finotti Marco

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno cara Tamara, purtroppo i denti artificiali non sono " sbiancabili" al contrario degli elementi naturali. Potendo rimuovere il ponte, l`odontotecnico, puo` probabilmente schiarire il manufatto. La cosa che mi incuriosisce, e` il piano di trattamento post incidente. Ciao e buona fortuna Orio Bandera

Scritto da Dott. Orio Bandera
Brescia (BS)

Sig.Tamara, spero le forme del ponte siano congrue con una buona estetica. Le protesi normalmente sono realizzate in ceramica o resina a volte supportate da dei metalli, questi materiali sono amorfi rispetto agli elementi naturali e non reagiscono ai perossidi usati per correggere le discromie dei denti naturali. Le consiglio, nel caso che sia indicata la correzione della discromia, di rimuovere il ponte e rifare le parti estetiche con il colore adeguato. Dott. Ruffoni Diego

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se il ponte viene rimosso è possibile modificare il colore della ceramica attraverso un intervento del tecnico (rimozione di una quota parte di ceramica, stratificazione di ceramica più "chiara" e cottura in forno), viceversa i denti naturali possono essere sbiancati con varie metodiche. E' consigliabile, prima sbiancare i propri denti naturali e poi, dopo un breve periodo di tempo, modificare il colore del manufatto protesico se rimovibile. Dr Andrea Lorini

Scritto da Dott. Andrea Lorini
Firenze (FI)

Gent. Tamara, il suo è un gran bel problema determinato, è inutile nasconderlo da una errata cura iniziale. Bisogna prima di tutto rifare una seria rivalutazione della posizione dei monconi e di come si è adattata tutta la masticazione alla perdita dei 4 incisivi solo parzialmente sostituiti. Credo però che il colore sia a questo punto l'ultimo, anche se non trascurabile, dei suoi problemi. Non avendo a disposizione un quadro radiologico e delle immagini della situazione, le consiglieri comunque una vista da un maxillo facciale e da un ortodontista. Se metterà in rete almeno una ortopantomografia, le sarò più preciso. Saluti Francesco Scarpelli 
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Francesco Scarpelli
GORIZIA (GO)

Purtroppo no gentile signora. Dovrà rifare il ponte.

Scritto da Dott. Luciano Rita Maria Amelio
Catanzaro (CZ)

Lei potrà sottoporsi a sbiancamento e la protesi, se rimossa ed ancora valida dal punto di vista funzionale, modificata cromaticamente. Tutto ciò, se praticabile, le consentirebbe un buon risparmio ed una gratificazione estetica. Saluti. Dr.Cristoforo DelDeo

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.ma Sig.ra Tamara, il problema che deve risolvere non è probabilmente solo la discromia risultante dall'eventuale sbiancamento dei denti vitali rispetto al colore degli elementi del ponte, ma proprio quest'ultimo. Infatti non sapendo come le è stato risolto il problema della mancanza dei 4 incisivi con il trattamento ortodontico, peraltro poi finalizzato con un ponte con appoggio sui canini, sarebbe interessante poter vedere o una sua fotografia o almeno un Ortopantomigrafia per capire come è stato risolto il problema della masticazione del gruppo frontale e se non ci siamo problemi occlusali ancora da risolvere. In ogni caso, il colore degli elementi del ponte, sia esso eseguito in oroceramica o in ororesina (spero proprio di no visto l'impatto estetico) o in ceramica integrale, NON potrà essere modificato dallo sbiancamento, per cui sarà necessario rifarlo. Sarà molto difficile riuscire a recuperare la struttura in metallo (nel caso di oroceramica o ororesina) senza rovinarla e riadattarla ai monconi senza perdere di precisione nelle chiusure marginali ; men che meno se il ponte è in ceramica integrale: in questo caso molto probabilmente si fratturerebbe nella rimozione e andrebbe rifatto. A sua disposizione per ulteriori chiarimenti Dr. Giuseppe Lazzari Cernusco s/Naviglio-MI
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Lazzari
Cernusco sul Naviglio (MI)

I denti artificiali non sono sbiancabili con le metodiche utilizzate per quelli naturali. se l'attuale manufatto è eseguito a regola d'arte si può rimuoverlo usando uno strumento chiamato metalift (che lo danneggia poco ed in zone facili da riparare) quindi si può rifare la ceramica del colore assunto dai denti precedentemente sbiancati (ma badi che dopo un pò questi ultimi possono riscurirsi). Qualcuno applica delle faccette estetiche chiare anche alle protesi ma si tratta di un sistema di lavoro che non condivido.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Attilio Venerucci
Finale Ligure (SV)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig., bisognerebbe smontare il ponte, riportare il lavoro allo stato metallico e riceramizzare col nuovo colore raggiunto dallo sbiancamento, nel frattempo porterà dei provvisori; però il costo di tutto questo è sovrapponibile al nuovo ponte, che sicuramente avrà una modellazione nuova, una ceramica più moderna, ma soprattutto una chiusura marginale più consona. Dott. Maurizio Serafini

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sullo stesso argomento