Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 6

Nel 2009 ho avuto la rottura del primo molare inferiore dx

Scritto da Marco / Pubblicato il
Salve, nel 2009 ho avuto la rottura del primo molare inferiore dx (già devitalizzato) a causa di un trauma e il mio dentista ha estratto una sola parte del dente. Ora ho fatto la panoramica alle arcate dentarie con questo referto: un pò abbassati i bordi alveolari ossi. Area di rarefazione ossea ingloba la radice mediale del primo molare inferiore di destra. Anche se il molare non mi fa male e non ho mai riscontrato problemi, deve essere estratto e sostituito con un impianto?
Frattura parete linguale di un molare recuperato con intervento parodontale osseo e conservativo endodontico e pernomoncone e protesi fissa. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Caro Signor Marco, lei ha le idee molto confuse! Se il suo Dentista ha estratto solo una parete del dente, evidentemente fratturata, vuol dire che si può salvare, basta fare un intervento di chirurgia partodontale con riposizionamento del lembo mucoperiosteo ed osteotomia - osteoplastica per allungare la corona clinica e poter montare la diga di gomma ed avere un attacco epiteliale al dente, della gengiva e fare una terapia canalare per curare l'osteolisi9 periapicale che non è altro che una risposta ad una infezione che sta nelle radici, procedere poi alla costruzione di un perno-moncone ed infine di una corona in oro-porcellana. Le lascio una foto di un caso simile curato ed in bocca da oltre 25 anni! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno sig. Marco, dividiamo la risposta. relativamente alla dicitura "un po' abbassati i bordi alveolari ...." questa significa che i suoi tessuti mostrano i segni dell'invecchiamento. Per quanto riguarda la questione relativa al dente in corrispondenza del quale vi è una rarefazione apicale certamente, se indicato, è possibile estrarre il dente e sostituirlo con un impianto ma anche guardando la Rx che ha allegato è impossibile dirle se questa è la terapia adatta a lei. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Gentile Marco, la rarefazione ossea è verosimilmente da attribuire a problemi endodontici con permanenza di infezione nella radice che migrata oltre apice ha creato un possibile granuloma. La parete fratturata la si può ricostruire tranquillamente (previo eventuale allungamento di corona clinica) e successivamente protesizzare il dente con una corona in ceramica. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.Marco, la radiografia panoramica non è il solo accertamento diagnostico che stabilisce l'eventuale avulsione di un dente, occorrono altri accertamenti che probabilmente il suo odontoiatra le saprà spiegare.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Marco, ma il suo dentista nel 2009 le ha estratto la parte fratturata e poi non le ha proposto una terapia? Un dente fratturato con una lembo a riposizionamento apicale con o senza un rimodellamento dell'osso, può essere recuperato. Il problema della rarefazione ossea poteva anche già esistere prima della frattura e può essere data da problemi endodontici. Comunque la panoramica è una lastra troppo imprecisa, bisogna fare una endorale e un sondaggio per una diagnosi certa. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno, la ringrazio per la sua gentile domanda. Dall' ortopantomografia che ha allegato non è possibile valutare l'area edentula ma in ogni modo un frammento radicolare dovrebbe essere rimosso se si ha l'intenzione di ricorrere all'implantologia. Una risposta più esauriente potrebbe essere formulata con un esame radiografico più approfondito e con un CT scan. La ringrazio e La saluto cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Amato
Borgoricco (PD)