Cefalometria 3d - tridimensionale

Dr. Orazio M, Bennici - Corso di Ortodonzia - Catania 2012: Cefalometria 3D
by Dott. Orazio Maximilian Bennici 31-08-2011
cefalometria 3D DOLPHIN imaging

Ormai la tecnologia 3D é diventata l'essenza quotidiana della vita. Tv, cinema, elettronica o nel campo dentale CAD-CAM, Invisalign, Orthocad sono compagni d'intrattenimento, hobby e lavoro. In campo diagnostico il dentascan permette già da tempo la pianificazione implantare, ma in campo ortodontico la diagnosi, per lungo tempo legata a filosofie o scuole di pensiero, è rimasta ancorata a parametri obsoleti come telecrani e comunque solo 2D.

Come l'acqua del fiume che prima o poi raggiunge il mare, già da qualche tempo l'industria ha messo a disposizione della diagnostica nuove apparecchiature Tac definite Cone-Beam. Quest'ultima, sfruttando un raggio conico permette di ottenere volumi tridimensionali come se avessimo sul monitor il pezzo anatomico da esaminare, sia tessuti molli che duri senza distorsione ed in rapporto 1:1.

Finalmente è possibile acquisire i dati digitali ottenuti da parte di alcuni software in grado di elaborare e fare le misurazioni cefalometriche che in alternativa sarebbero impossibili.

Uno di questi gioielli hi-tec si chiama DOLPHIN IMAGING 3D (USA). In pratica attraverso un sistema triassiale x,y,z si definiscono dei punti di repere anatomici alcuni simili per concetto al precedente sistema 2D ma con una interpretazione completamente rivoluzionaria, basti pensare all'analisi delle asimmetrie o delle malformazioni craniofacciali; oppure elementi completamente nuovi, i canti oculari, le commissure labiali oppure tutti i punti classici che eravamo abituati a cercare nei Telecrani ora si sono tutti raddoppiati (destra e sinistra)

In passato con i telecrani in doppia proiezione capire in dettaglio l’anatomia, la forma e dimensione delle lunghezze mandibilari era compito arduo, complicato da distorsioni e non solo ad esempio diverse inclinazioni minimali del capo producevano errori diagnostici a volte madornali.
Una volta assegnati i landmarks, in tempo reale appaiono tutte le misurazioni compresi i tracciati 3D e 2D delle varie tecniche basta solo sceglierle. Tutto ciò è solo la punta del iceberg in quanto le applicazioni sono pressochè infinite. Infatti il sistema può stirare la foto frontale del paziente ed ottenere un modello 3D del volto e con la versione SURGERY 3D è possibile ottenere il morphing in tempo reale di un ipotetico intervento maxillo-facciale.

Il sistema una volta acquisito il volume è in grado di ottenere tutte le proiezioni necessarie ad implementare il quadro diagnostico; telecrani LL e PA scala 1:1, OPT in primis ma anche infinite proiezioni ATM, dentascan, evidenziare il nervo alveolare inferiore, nonchè sovrapporre il modello digitale dentale (vd Orthocad) per avere dettagli più accurati a livello occlusale. I telecrani che il sistema produce sono privi distorsione e i tracciati hanno un valore pressochè assoluto.

Una applicazione ormai fondamentale in ortodonzia è l'uso di miniscrews per ancoraggio scheletrico; il loro uso presenta pochi rischi se inseriti in safety zone specifiche che il software attraverso un inserimento virtuale è in grado di visualizzare, evitando danni radicolari o perforazioni del seno mascellare (vd sinusite), perforazioni bicorticali ecc. Tutto ciò vale anche per le fixture implantari protesiche con una libreria completa (vd implantologia computer assistita).

Tutti questi elementi si ottengono solo dal volume iniziale che viene usato a seconda delle necessità. La quantità di radiazioni assorbita dal corpo in una acquisizione del cranio (sievert) per uno studio 3D è pari ad una OPT digitale (0.05 sv), veramente molto bassa per la quantità di informazioni che lo studio permette di avere.

Capisco che la rivoluzione diagnostica in atto possa spaventare perchè troppo radicale, perchè bisogna avere un inclinazione informatica indispensabile ma sono i tempi che lo chiedono e bisogna solamente evolversi.
Il futuro è adesso, gli ortodontisti sono pronti?

Per chi volesse approfondire l'argomento può partecipare al COCKTAIL Ortodontico: Cefalometria 3D (gratuito) a Catania 18 Nov 2011. Per info, diagnosi 3D e consulti: odontomax@tiscali.it

Scritto da Dott. Orazio Maximilian Bennici
Catania (CT)
Consulente di Dentisti Italia

TAG: Cefalometria 3D