Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 18

Mi sono stati realizzati due ponti laterali di 3 elementi ciascuno sull'arcata superiore...

Scritto da Fabio / Pubblicato il
Salve. Mi sono stati realizzati due ponti laterali di 3 elementi ciascuno sull'arcata superiore. Sin da subito ho avvertito dolore nella masticazione, ma il dentista mi ha detto che sarebbe passato con il tempo cosa che invece non si è verificata e a distanza di tempo, oltre due mesi da quando sono stati cementati, la cosa non solo non è migliorata ma sotto uno di questi si è formato un ascesso per cui recatomi presso altro dentista mi ha aspirato con una siringa pus e cemento canalare essendo i denti sotto questo ponte devitalizzati già molti anni prima. Mi è stata prescritta cura antibiotica ma ora Vi chiedo fatta la cura dovrò togliere quello che rimane del dente sotto il ponte o posso rimanere così? Quali conseguenze avrei lasciando tutto così com'è? Mi rode il fatto che sono stati appena fatti questi ponti con sofferenza fisica ed economica. Aggiungo che entrambi i ponti mi gelano se bevo qualcosa di fresco (non ne parliamo poi se è fredda!)ed anche lavando i denti o passando l'idropulsore, che uso regolarmente almeno 2 volte al giorno, devo usare solo acqua ben calda. Infine sotto l'altro ponte, dove non c'è ascesso ma comunque provo dolore durante la masticazione, quando passo l'idropulsore sento cattivo odore nonostante la cura meticolosa dell'igiene orale. Oggi farò una panoramica ma sono realmente preso dallo sconforto. Attendo fiducioso un Vostro prezioso parere. Grazie.
Sig. Fabio, controlli, se chi le ha applicato i ponti è iscritto all'ordine dei medici. Se cosi fosse, non ci sono problemi, perchè può ritornare da questo professionista tranquillamente facendogli presente le sue problematiche e responsabilizzandolo sull'accaduto. Se, invece, non fosse iscritto ci riscriva...che troveremo un’altra soluzione. Chi le ha prescritto la panoramica?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Fabio, dal suo racconto la situazione dei suoi ponti è totalmente da riprendere e, pertanto, le suggerisco di parlarne con il primo dentista che ha eseguito il lavoro e conosce bene il caso. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Fabio,senza alcun elemento oggettivo difficile poterla aiutare o consigliare. E' probabile che l'ascesso sia dovuto alla precedente devitalizzazione o ad un problema parodontale con formazione di tasche. In entrambi i casi una attenta valutazione preliminare tramite visita con sondaggio parodontale ed analisi delle radiografie avrebbe evidenziato il o i problemi. Per la sensibilità sul lato opposto è probabile che il o i denti pilastro siano stati "limati" troppo o la chiusura marginale delle corone sia non precisa. E' comunque necessaria una attenta valutazione del suo caso. Le consiglio di consultare il dentista che ha eseguito le cure. Molto spesso si possono correggere in maniera positiva i manufatti protesici. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Fabio, da come descrive la situazione pare che il primo dentista le ha applicato due ponti su denti che andavano ritrattati (rifare la devitalizzazione) perché infetti. Purtroppo non può rimanere così, La cura antibiotica non risolve il problema. Siccome i ponti sono nuovi deve prima risanare i denti (rifare le devitalizzioni, in sostanza togliere l'infezione) e poi rifare i ponti. Provi a parlare con il primo dentista, non è comunque corretto che lei ripaghi un ponte appena fatto. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Anch'io mi associo ai colleghi che le consigliano di rivolgersi al primo dentista (sperando che lo sia). Troverete di sicuro un modo per ristabilire la corretta funzione dei suoi denti e degli elementi di ponte. Cordialmente, Gianluigi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Gentile Sign. Fabio, da quello che lei descrive, penso che prima di effettuare i nuovi ponti, si sarebbero dovuti ritrattare endodonticamente i pilastri portanti, e che si sia peccato di superficialità, affidandosi a denti già mal devitalizzati. Per l'altro ponte, in cui i denti sono vitali, per eliminare la sensibilità, si potrebbero fare delle applicazioni con prodotti desensibilizzanti, ma sè il dolore persiste, sarebbe saggio devitalizzarli, poichè si potrebbe presentare una necrosi dei denti portanti, cosa fare?? Una nuova Opt, e verificare il grado di lesione apicale dei denti già devitalizzati, farli ritrattare e sperare che tali lesioni possano guarire in breve tempo. Si affidi ad un bravo Endodontista e/o Protesista cordiali saluti Dr. Tommaso Giancane
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Salve. Torni dal primo dentista, e faccia presente che dopo soli due mesi sono troppe le problematiche che riferisce riconducibili alla realizzazione delle protesi.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signore va compresa la causa dell'ascesso se di natura endodontica e/o parodontale ed intervenire con una adeguata terapia, stesso discorso per gli altri fastidi da lei lamentati ( sensibilita' dentinale e dolore alla masticazione ). Le consiglio di ritornare dal dentista Che le ha effettuato la terapia protesica per risolvere tutte le problematiche da lei lamentate, cordialita'.

Scritto da Dott. Francesco Sforza
Carovigno (BR)

Chiaramente ci sono dei problemi il freddo lo sente per dei denti vitali che limati adesso risultano sensibili il catttivo odore evidentemente vi è un facile accumulo di placca l'infezione richiede un trattamento endodontico se da cause interne del dente o parodontale se da "tasche " del tessuto di supporto del dente dovrà far rimettere le mani ad entrambi i ponti cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Caro signor Fabio, non capisco perchè abbia lasciato il suo Dentista per sentire il parere di un secondo. Il mio consiglio è di fare ora ciò che non ha fatto prima. Non si getta al vento la propria fiducia presso il proprio dentista per patologie banali (necrosi pulpare e osteolisi periapicali, curabilissime in modo banale) e le consiglio quindi di rifarsi visitare dal suo primo Dentista. Egli procederà ad una diagnosi ed alla terapia adeguata! Sia più coerente e si ricordi che la fiducia reciproca è basilare nel rapporto medico peziente e non la si perde così, come è accaduto a lei! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.