Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 6

L'espansore crozat a 29 anni può far danni?

Scritto da Raffaella / Pubblicato il
Gentili Dottori, sono una ragazza di anni 29 e sono affetta da Scoliosi con morfologia a S di gradi 40. Ho una malocclusione con forte affollamento dentale e i denti superiori, in special modo gli incisivi sono, in fuori rispetto all'arcata inferiore con overbite di circa 0,8mm. Ho una seconda classe scheletrica. Mi sono recata da un Dentista per allineare i miei denti sia per motivi estetici, ma anche perché mi fa male un incisivo per la posizione ruotata. Il Dottore Dentista mi ha fatto fare una Tac cone beam dell'Atm presso uno Studio Radiologico e una elettrognatomografia. Il Dottore mi ha riferito che dalla Tac cone beam risultano degli spazi per spostare i denti mentre dell'elettrognatomografia mi descrive che "l'esame evidenzia una deviazione in apertura a Sx di 8,1mm, senza deflessione. Non si evidenzia limitazione del movimento di apertura della mandibola, e' presente una ipocinesia di tipo disomogeneo con una masticazione modicamente sbilanciata a Sx.Il quadro descritto può essere compatibile con una in coordinazione condilo discale prevalentemente a Sx."La terapia consigliata da questo Dentista e' di durata di circa anni 6. Iniziare con un espansore sopra e sotto che si chiama crozat poi per 2 anni dovrei portare un apparecchio incognito sopra e sotto interamente in oro e poi per 2/3 anni la contenzione. Evitando però così la chirurgia maxillo facciale. Io chiedo, cortesemente a Voi Medici, se tutto ciò è possibile? Intendo l'espansore crozat a 29 anni può far danni? Anche alla mia schiena con la Scoliosi a S italica di 40 gradi ne soffrirà? Siccome la sutura del palato ormai a 29 anni si è' ossidificata funzionerà l'espansore Crozat? Oppure l'espansore Crozat va affiancato alla riapertura chirurgica della sutura? Così ho il piano di guarigione chiaro davanti a me. Vi ringrazio per l'attenzione. Distinti Saluti. Raffaella.
Prima va fatta la terapia gnatologica e quando risolta la patologia all'Atm, si fa quella ortodontica. L'espansore in un adulto si associa alla chirurgia ( ortognatica o anche alla piezochirurgia settoriale ) altrimenti si provocano danni parodontali come lei ha detto, l'osso negli adulti non si espande. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Raffaella, forse occorre prima risolvere il quadro gnatologico con sistemi clinici diagnostici per poi passare all'ortodonzia che renderà stabile il trattamento. L'espansore osseo in età adulta viene assistito nella maggior parte dei casi con la chirurgia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Raffaella, bisogna stare molto attenti quando si parla di ortodonzia su pazienti scogliotici, spesso la malocclusione non è altro che il compenso della curva della colonna, ed il cercare di corregerla può peggiorare la situazione della schiena, ed una terapia così aggressiva ( espansore) è sconsigliata. E' preferibile usare una terapia dolce con positioner e retainer.

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Un piano di terapia di 6 anni è una rarità (mai visto). Di solito si sistema i problemi gnatologici di cui Lei non ne fa cenno. Cioè risulta qualcosa dalla cone beam ma perchè l'ha eseguito? Quindi si affronta l'ortodonzia. Come Lei sa espandere il palato non serve se non ricuperare un poco nello spessore dell'osso. Si può aprire il palato con aiuto chirurgico, semplice da eseguire, ma ancora Lei non ci dice di inversioni delle arcate. Perchè allora metterlo? Sarebbe più utile inviarci le foto dei rapporti dei suoi denti e del viso così le rispondiamo con cognizione di causa. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Raffaella, il metodo Crozat è uno dei mille metodi ortodontici in essere! Pensi che il modello di riferimento, ovviamente con le dovute variazioni dovute alla logica evoluzione temporale e concettuale, è stato ideato da Crozat, da cui prende il nome, negli Stati Uniti d'America intorno al 1900, nientemeno! Lei ha una scoliosi severa. Ha una patologia Gnatologica attiva. Ha bisogno di uno Gnatologo col quale collabori un Posturologo, un osteopata, un Ortopedico che sia di riferimento per tutti loro. Dopo aver risolto le patologie del rachide e gnatologiche potrà pensare, dopo Cefalometria ad una eventuale Ortodonzia! Questo in linea di massima perchè è impossibile risponderle Professionalmente senza visitarla Clinicamente odontostomatologicamente e posturalmente ortopedicamente. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Raffaella, per poterle dare un aiuto concreto ci sarebbe bisogno di una visita accurata e di tutti gli esami clinici e radiografici necessari per una corretta diagnosi. In mancanza di tutto questo le darò delle informazioni di carattere generale che potrebbero risultarle utili. Il primo problema da affrontare è sicuramente quello gnatologico, per passare poi ai problemi ortodontici che, normalmente, possono essere risolti con svariate metodiche. Alla sua età è talvolta possibile una modica espansione delle arcate utilizzando apparecchiature a bassa frizione, ma un'espansione ortopedica del palato comporta rischi consistenti se non assistita dalla chirurgia. Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Del Rosso
Terni (TR)