Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 8

Vorrei sapere quale è la soluzione più adeguata al mio caso

Scritto da Luca / Pubblicato il
Gentili medici, ho un problema sin dall'infanzia: mi manca il dente incisivo laterale destro. Il tutto crea un'immagine distorta del sorriso. Cosi sono andato dal mio dentista che mi ha inserito due faccette in ceramica al posto del incisivo centrale destro e il canino destro nel tentativo di colmare il "vuoto" lasciato dal dente mancante. Il risultato è sicuramente meglio di prima, ma ultimamente mi lascia un pò insoddisfatto e sto considerando di fare un impianto oppure un ponte (in ceramica) affinchè possano creare un immagine con tutti i denti al completo. Premetto che ho 23 anni, perciò sono ancora piuttosto giovane. Vorrei sapere quale è la soluzione più adeguata al mio caso (foto in allegato). Grazie per la disponibilità
Bisogna vedere se lo spazio per l'impianto c'è o se bisogna crearlo. Le foto non permettono di apprezzare questo fattore, sebbene la prima sia di qualità migliore della seconda (almeno sul mio monitor). Se lo spazio non ci fosse, le manovre per crearlo ortodonticamente, qualora si potesse, sono lunghe e non esenti da altri possibili problemi, per cui consiglio vivamente di verificare col suo dentista l'effettiva possibilità dell' alternativa implantare. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Caro Signor Luca, non avendo postato la foto di prima della terapia con le faccette, non si vede l'ampiezza dello spazio vuoto tra i due denti che però presumo da quanto vedo, che sia piccolo, ossia troppo piccolo per farci stare un impianto per piccolo che sia. Stando così le cose, bisognerebbe valutare dopo cack up ortodontico se si possa e valga la pena aumentare ortodonticamente questo spazio o se valga la pena colmarlo protesicamente o con un impianto se ci stesse. Per quanto riguarda le faccette estetiche, tenga presente che esse sono funzionali solo se non sovradimensionano troppo i denti creando sottosquadri pericolosi per il parodonto.Sappia che il concetto fondamentale è che tutti in Natura e Forma e Forma significa Funzione. Massima espressione di Forma che svolge una funzione è proprio l'apparato stomatognatico, ossia la bocca e le sue unità dentali.Le spiego i concetti basilari di forma dei denti, gengive ed osso e quindi corone gengive ed osso, che devono essere armoniosi e giusti perchè dipendenti l'uno dall'altro, quindi se una corona fosse fatta male come forma e il cibo si "impigliasse per questo", sarebbe "sbagliata" con compromissione di forma gengivale ed ossea.La Gengiva ha una forma a festone, che ripete la forma a festone dell’osso sottostante e replica la forma del Dente che circonda a livello della linea di giunzione amelocementizia (che unisce lo Smalto alla radice). Addirittura il piano inclinato formato dai versanti cuspidali dei denti, formano con la linea ideale del piano occlusale, masticatorio, un angolo che è uguale all’angolo formato in un movimento particolare, dalla Testa del Condilo e un punto preciso della Cavità Glenoide della ATM (Articolazione Temporo Mandibolare). Questi quattro Organi Stomatognatici, Gengiva, Osso, Dente e ATM, sono quindi in un rapporto talmente stretto di forma e funzione che è sufficiente che cambi la forma uno solo di essi per farla cambiare anche agli altri… creando patologie anche gravi, oltre che inestetismi spesso molto seri. Ecco perché è semplicistico risolvere tutto e sempre con le sole faccette estetiche che alterano la forma e quindi la funzione e creano danni parodontali se sovradimensionate come immagino siano per chiudere il diastema! Solo una visita clinica ben fatta e seria può far porre l'esatta diagnosi e la conseguente terapia più idonea! :) Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia,Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Luca, le foto non permettono di valutare la sua situazione. Probabilmente il suo dentista le avrà proposto la soluzione delle faccette perchè lo spazio dovuto alla agenesia era talmente piccolo da non permettere l'inserimento di un impianto che evidentemente non le ha proposto ma almeno avrebbe dovuto ampiamente spiegarlo il perchè della scelta obbligata. Se la soluzione non la soddisfa può sempre chiedere al suo dentista se fattibile un discorso ortodontico di ripristino dello spazio necessario poi all'inserimento dell'impianto. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Luca, per mettere ordine alla posizione dei suoi denti, deve rivolgersi ad un bravo Ortodontista. Questo dottore, dopo aver studiato il suo caso con visita, fotografie, radiografie, misurazioni varie, modelli in gesso montati su articolatori speciali, ecc., farà le sue valutazioni e le presenterà al computer (set up virtuale tridimensionale) o su modelli in gesso da lui ritoccati (set up ortodontico e creatura diagnostica) come intenderebbe correggere la posizione dei suoi denti, facendoli corrispondere così come idealmente dovrebbero andare, secondo il cosiddetto rapporto di "prima classe". Logicamente aumenterebbe lo spazio dell'incisivo laterale mancante, che verrebbe chiuso da un provvisorio durante la cura e da un definitivo (impianto o ponte) dopo. Sembra semplice, ed in realtà lo é, avendone le competenze, le attrezzature ed un preciso obiettivo. Purtroppo però, quando si spostano i denti, si vanno ad alterare degli equilibri posturali fisiologici, o più spesso patologici "di compenso", che si erano creati nel tempo in base all'occlusione abituale dell'individuo. Cerco di darle un'idea semplice, che potrebbe anche corrispondere alla sua situazione: Un sorriso irregolare come il suo é facilmente associato ad una inclinazione irregolare della mandibola. A questa può corrispondere una inclinazione irregolare dell'altezza delle spalle (linea bisacromiale) e del bacino (linea bisischiatica). Il rapporto di concatenazione tra queste linee é tenuto dalla colonna vertebrale, che si adatta con piccole torsioni alle variazioni di inclinazione della mandibola (ATM), delle spalle o del bacino. Ogni cambiamento importante della posizione dei denti, quindi dell'occlusione, dev'essere valutato anche gnatologicamente e posturalmente. Le consiglio quindi di rivolgersi ad uno studio professionale altamente specializzato in ortodonzia e gnatologia, dove potrà avere una corretta valutazione per una riabilitazione estetica e fisiologica del suo sorriso. Non si perda di coraggio e non accetti accomodamenti pasticciati: ho trattato molti casi come il suo, raggiungendo il massimo successo. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Luca, che obiettivi vuole raggiungere? Il sorriso perfetto è essenziale nella sua futura carriera? Prima di uscire da questa situazione provvisoria deve rispondersi a queste domande, poi si parte con lo studio del caso in base alle sue esigenze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Dalle foto si vede un incredibile spostamento del centro (da qui purtroppo il grave inestetismo) dovuto alla quasi totale chiusura dello spazio relativo al laterale mancante. Sembra una rotazione verso destra dell'intera arcata. Il caso si può risolvere solo con un trattamento ortodontico completo e ben diagnosticato (come le hanno detto i colleghi, in particolare il dr. De Fazio, che giustamente ha posto l'accento sulle possibili serissime conseguenze su tutto l'assetto corporeo di tale forte asimmetria) il quale tuttavia sembra alquanto arduo, perchè con tutta probabilità si è persa la cosiddetta classe molare. E si è creato, come sembra pure di apprezzare dalle foto un cross byte a dx a livello del secondo molare. Ovvero nulla più combacia correttamente fra sopra e sotto, fra destra e sinistra. Riportare tutto a posto è estremamente importante per l'estetica (si rassegni al fatto che non può esistere alcuna altra strada facile se non quella ortodontica) ma soprattutto, e assai di più per la salute orale ed anche, come si diceva, generale. Un vero peccato che nessuno abbia fatto nulla nei tempi giusti, ovvero quando lei faceva la seconda elementare, e che lei sia stato lasciato al suo destino.Quello sarebbe stato il tempo di fare ortodonzia ben fatta, per riallargare e mantenere lo spazio del laterale. Ora la asimmetria che si vede chiaramente non è solo dentale ma scheletrica, e questa non è affatto facile da recuperare, anche se forse non impossibile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente è difficile valutare il suo caso senza ortopanoramica e denti originali, è chiaro che l'ortodonzia e poi l'implantologia è la terapia più adeguata soprattutto considerando la giovane età ma a volte è lunga e complessa. Ne parli con il suo medico vedrà che saprà proporle la terapia ha lei più indicata. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

La soluzione più semplice è l'ortodonzia, però lei ha già scelto le faccette di ceramica. Avrete già valutato, lei ed il suo dentista, la soluzione più adatta al suo problema. Si può certo rivalutare il suo problema di fronte alla variazione dei suoi obiettivi. Cordialità

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento