Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 11

E' normale che avvenga una riduzione nella parte alta dell impianto?

Scritto da maurizio / Pubblicato il
Buongiorno, mi cuso anticipatamente per il mio lessico non da dentista :), o diciamo un problema: mi è stato fatto un impianto circa 6 o 8 mesi fa sul penultimo dente di destra e incapsulato il terzultimo di destra adesso da circa 3 settimane ogni tanto sanguina la gengiva tra il dente incapsulato e l'impianto, già dopo i primi giorni di sanguinamento, non copioso sono stato dal dentista che mi ha detto che ho una tasca paradontale e mi ha dato il plackgel da fare dopo ogni lavaggio (mi lavo i denti ad ogni pasto con filo e scovolino + colluttorio) osi ho fatto nei giorni seguenti ed era inizialmente scomparso il problema per poi ripresentarsi sono ritornato nuovamente dal dentista e si è accorto che i due denti incapsulato e impianto non toccano nella parte alta della corona quindi mi ha detto che deve risistemare la corona, abbiamo fatto anche una radiografia e si è accorto che lievemente l'osso dell impianto si è ridotto nella parte alta. 1 volevo sapere è normale che avvenga una riduzione nella parte alta dell impianto? 2 la tasca può essere dovuta al fatto che i due denti non toccandosi quando mangio il cibo spinge fortemente sulla gengiva e scolla diciamo la gengiva creando poi la tasca? 3 può essere dovuta ad una capsula fatta male?? tipo piu lunga ?? grazie ancora
Gentile sig. Maurizio, non è chiarissimo quello che scrive, vorrei vedere una buona radiografia prima di scriverle un parere, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Da quello che ho capito non c'e' un punto di contatto fra la corona su impianto e il dente contiguo. Questo provoca impatto di cibo e conseguente danno ai tessuti. Spero che il suo dentista abbia definito come tasca un inizio di lesione parodontale perche' se ci fosse gia' una lesione strutturale del parodonto e riassorbimento osseo non sarebbe buona cosa, anzi. Certo che la prima cosa da fare e' ripristinare il punto di contatto ma poi bisogna fare una diagnosi parodontale seria (forse bisognava) per poi intaprendere una terapia adeguata
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Sig. Maurizio, avere una tasca parodontale vicino ad un impianto non promette bene, soprattutto se viene curata con un po’ di gel. Non posso valutare se la causa sia la mancanza del punto di contatto tra le due capsule. Comunque tutta la vicenda mi sembra strana. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.le sig Maurizio se due corone dentali non hanno un buon punto di contatto il tessuto gengivale sottostante può' infiammar si, perché' il cibo ristagna appunto tra i due denti..giusto almeno rivedere una delle due corone per risolvere il problema. Per il resto della domanda e' difficile dare una risposta logica perché' l'assenza delle radiografie non ci da' le corrette informazioni.. Cordiali saluti.. DOC Frankie Tarello, dentista in Torino

Scritto da Dott. Franco Tarello
Torino (TO)

Caro Signor Maurizio, il plackgel non serve certo per curare una tasca parodontale! Poi parlare di tasca parodontale è un "parolone" perchè la tasca parodontale ed i difetti ossei conseguenti, che sono le due massime espressioni della parodontite, hanno come eziopatogenesi una complessa interazione tra batteri anaerobi gram negativi contenuti nella placca batterica nel fondo delle tasche parodontali ed il sistema immunitario controllato anche dalla attività Neuro endocrina, plasmata anche dalla patologia Psicogena! La tasca parodontale si misura in sei punti di ogni dente in tutti i denti e si deve procedere ad una Visita Parodontale che è una visita Complessa: Le spiego qualcosa, anticiopandole che se veramente si trattasse di tasca parodontale, allora l'impianto non lo si sarebbe dovuto fare prima di avere curato questa tasca e la Parodontite di cui sarebbe espressione! Quello che mi preoccupa è che chiaramente, chi la cura, sembra non abbia ben presente cosa sia una Tasca parodontale, una Parodontite e la sua terapia, stando a quanto lei scrive ed allora temo che lo studio preimplantologico possa non essere stato adeguato se l'impianto fisse stato fatto in una bocca con parodontite. Si aspetti ora una Perimplantite che in parole povere e semplici anche se "errate" è una specie di Parodontite dell'impianto che anche esso va curato!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La protesi è, oserei dire, quasi parte integrante dell'impianto. L'impianto da solo non serve a nulla, deve sostenere una protesi e allora tutto ha un senso. E' chiaro che non tutti gli impianti possono godere dello stesso assetto osseo, in alcuni casi ci si considera soddisfatti quando l'impianto è stabile e asintomatico, ma una corona protesica che non sia stata eseguita a regola d'arte, può inficiare anche l'impianto perfetto. Mi sembra che il suo dentista si sia già espresso comunque sulla disponibilità assoluta a fare in modo che il suo problema sia eliminato. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Maurizio, la causa di una tasca parodontale sono i batteri, è questo il suo odontoiatra lo sa benissimo, per cui si affidi alle sue cure.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Maurizio, personalmente la invito ad inviare al sito una radiografia dell'impianto e del dente naturale ad esso vicino. Ciò permetterà di valutare la sua situazione e di essere più esaustivi. Certo l'assenza di un corretto punto di contatto fra gli elementi non giova alla situazione, come hanno già riferito i colleghi che mi hanno preceduto. Di sicuro una lesione parodontale non si risolve con il plackgel di cui, a dire il vero, non conosco neanche la composizione. Cordiali saluti Michele Lasagna.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Senza visitarla ogni risposta è poco affidabile, me le risposte sono: 1) non non è normale che vi sia un riassorbimento osseo dopo pochi mesi (o meglio vi può essere ma dovrebbe essere poco importante); 2) sì è possibile; 3) sì è possibile. IN OGNI CASO COME DETTO SOPRA SENZA VEDERLA SONO TUTTE ILLAZIONI DI SCARSA UTILITA'.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Gent. Sig. Maurizio è inutile entrare nei dettagli, potrei presentarle un trattato di parodontologia e alla fine non capirebbe nulla ed avrebbe le idee sempre più confuse, pertanto le dico solo due cose, grazie alle quali può anche Lei trarre le dovute conclusioni: il sanguinamento è segno di infiammazione ed infezione, il sondaggio altre ai 4mm. indica che Lei non può essere in grado di eliminare completamente la placca batterica. Pertanto terapie protesiche ed implantologiche eseguite da pochissimi mesi non dovrebbero dare questi segie sintomi. Cordiali saluti Dr. Erminio Casalini Medico chirurgo specialista in odontostomatologia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Erminio Casalini
Modena (MO)
Valsamoggia (BO)

Sullo stesso argomento