Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 11

Lo sfogo di una paziente in cerca di verifica.

Scritto da GABRIELLA / Pubblicato il
Salve e ringrazio anticipatamente per il servizio offerto. Dopo anni di cure odontoiatriche lunghissime, compresa un’ortodonzia durata 4 anni, nel luglio 2007 mi vengono inseriti n° 2 impianti in titanio nell’arcata inferiore. Dopo c.ca 4 mesi (Novembre 2007) la cementazione provvisoria delle corone in porcellana. Quest’ultime si decementano sin dalla prima sera e, comunque, nonostante l’impresa per rintracciare il medico in questione, solo dopo due giorni risolvo il problema (sempre con il cemento provvisorio). Il medico (Odontoiatra, specializz. In Implantologia) sostiene che in presenza d’impianti è meglio cementare le corone solo provvisoriamente! La mia domanda è: dopo anni di sofferenza, quando risolverò definitivamente? 2a domanda: Nell’arcata superiore ho n° 4 elementi (Monconi) con le rispettive cappette provvisorie che attendono le corone definitive da ben 5 mesi! Devo naturalmente attendere che il medico rilevi l’impronta definitiva! Inutile descrivere l’imbarazzo dal punto di vista estetico (due dei quali sono: Canino sx e 1°Premolare dx) e le difficoltà masticatorie ogni qualvolta si decementa un elemento provvisorio visto che il medico puntualmente ha difficoltà a ricevermi soprattutto quando l’incidente è la “decementazione”! Dopo varie lamentele, credevo di aver raggiunto finalmente il traguardo a giugno del 2008 per la “fatidica” impronta sup. definitiva di precisione! Recatami nello studio, mi comunica che son terminati i materiali d’impronta! Fa solo un controllo generale e passa così altro tempo sino ad arrivare ad agosto 2008 e le sue ferie! E figuriamoci nel mese di agosto, naturalmente, sono stata costretta ad imparare a far da me, acquistando il cemento provvisorio in farmacia e portandolo sempre con me in vacanza! E’ prassi normale tutto ciò? Sono mesi e mesi che attendo e tutto questo, dopo anni, ha avuto anche un effetto psicologico devastante che non mi consente di vivere serenamente! Ho persino paura a masticare! E mi rifiuto di “mangiare” cremine e frullati! Penso abbia il diritto di masticare con tranquillità dopo tanti anni! Può un dentista giocare sui tempi e magari far in modo che le cose peggiorino… per benefici economici, giacchè ho praticamente pagato tutto? Direte…si può cambiare il medico! Può passarla così liscia? Cosa posso fare e soprattutto su quale diritto posso rivalermi??????? Scusate per la domanda/sfogo! Grazie
Sig.ra Gabriella la situazione che Lei descrive non è delle più splendide, ma mi piacerebbe ascoltare anche l’altra campana prima di esprimermi. Le consiglio di scrivere al suo dentista le stesse problematiche che ci ha esposto e terminare la lettera con "parliamone e decidiamo indicativamente il termine delle varie fasi di cura". La sua bocca da quello che mi descrive è una bocca difficile e travagliata da diverse cure, prima quelle ortodontiche poi quelle di riabilitazione protesica. Lei ci scrive di aver iniziato cure implantologiche a luglio 2007, ed è abbastanza normale, in casi complessi, che dopo un anno non siano completamente terminate le cure. Inoltre, in ambito medico, a volte è possibile avere delle complicanze non sempre prevedibili. Non le consiglio di avviare un contenzioso con il suo odontoiatra perché allungherebbe ancor di più il termine delle cure. Inoltre, le lungaggini burocratiche non portano frutti a breve termine, ma solo spese iniziali che non sempre sono recuperabili. Non si arrenda, parli con il suo odontoiatra e si faccia scrivere le risposte in modo di poter far valere le proprie ragioni in caso di necessità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Concordo pienamente con il collega cara Sig.ra Gabriella. Di sicuro le posso dire che esistono dei tempi "precisi" ma a volte anche lunghi in caso di particolari piani di trattamento, come ad esempio accade quando si fa rigenerazione ossea o, quando si vuole condizionare la mucosa gengivale con la provvisorizzazione. In entrambe le situazione possono trascorrere anche 2 anni prima di cominciare quello che sarà il lavoro protesico definitivo, oppure già i tempi d'attesa prima del carico protesico su impianti sommersi. Io ho, ad esempio, una paziente che ha proprio cominciato un lavoro ad ott 2007 di implantologia sul mascellare superiore, con rigenerazione ossea e grandi rialzi di seno mascellare e solo ora mi sto accingendo a protesizzarla, poichè devono trascorrere dai 9 ai 12 mesi prima del carico. Le dico che la paziente era pienamente a conoscenza del tempo necessario per la conclusione del suo piano di trattamento. In ogni modo non conosco precisamente qual'è stato e come è stato impostato il suo piano di trattamento e, come dice il collega, provi a scrivere e chiedere spiegazioni al suo dentista. Credo che troverà la soluzione. Un abbraccio.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Vincenzo Bifaro
Giugliano in Campania (NA)

Cara signora certamente le cure implantari richiedono tempi lunghi ma sicuramente non è pensabile di non farla mangiare per un periodo di tempo così lungo! Non sò sinceramente perche il collega si sia comportato in questo modo, forse teme che non lo paghi? Mi scusi la franchezza ma non vedo grosse ragioni scientifiche a supporto del suo comportamento. Certo gli impianti non vanno cementati con un cemento duro ma non devono staccarsi così facilmente ! Rivadi dal collega e chieda chiarimenti!!! Ci faccia sapere poi. La saluto .
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Giudice
Salerno (SA)

Gentile Gabriella, concordo con i colleghi Ruffoni e Bifaro che mi hanno preceduto circa l'importanza di conoscere a fondo le problematiche di un caso prima di dare giudizi che potrebbero essere inesatti o quantomeno falsati. La durata di un trattamento odontoiatrico e specialmente quello implantologico sono abbastanza codificati e il tempo necessario per risolvere un caso puo' essere individuato in linea di massima. Ma purtroppo sono molti gli intoppi che possono procrastinare una protesizzazione definitiva che possono sembrare banali ma in effetti non lo sono. Il contenzioso legale, erede diretto della mentalita' speculativa americana, e' sempre un fallimento e non lascia mai contento e soddisfatto nessuno (dopo anni e anni di rinvii e battaglie...). Ora Le dico perche' un professionista pagato e corretto non dovrebbe avere interesse a completare il suo lavoro? Ne parli con lui con serenita' e sono convinto che risolvera' il suo problema. Non ceda alle sirene pronte a giudicare il lavoro altrui... Cordilamente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Francesco Sacco
Salerno (SA)

Gentile signora, in effetti sarebbe anche opportuno sentire il collega o essere bene a conoscenza del suo caso clinico prima di esprimere un giudizio, di certo posso dirle che orientativamente il dentista stabilisce insieme al paziente il tempo e la lunghezza delle cure; è altresì normale che ci possano essere degli imprevisti in campo medico, ma credo che tra dentista e paziente debba instaurarsi un rapporto confidenziale e di reciproca fiducia e, in virtù di questo, dovrebbe provare a parlarne con il suo dentista così come lui è tenuto ad aggiornarla su eventuali evoluzioni e cambiamenti nel corso della terapia. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Renato Migliori
Cosenza (CS)

Gentile Gabriella, è ovvio che è un suo diritto risolvere definitivamente le cure. Credo che se il collega non conclude il lavoro in maniera definitiva è perchè vi sono delle complicanze. Chieda a lui le motivazioni di tale procedura. Dopo le sue spiegazioni ritengo opportuno consultare altro professionista di sua fiducia. Cordilmente.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Non capisco i motivi per il quale ci sia questo ritardo ,ne parli tranquillamente con il suo dentista e vedrà che le darà tutte le spiegazioni. Cordilmente

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Cara Gabriella, in linea di massima concordo con i colleghi, ma ho comunque delle riserve. Per l'implantologia intanto mi sembra strano che una corona, definitiva o provvisoria che sia, cementata sull'impianto si stacchi. In Genere le corone su impianto hanno una tale ritenzione che a volte è veramente complicato staccarle anche con il cemento provvisorio. Per quanto riguarda l'arcata superiore, se lei ha 4 monconi con cappette provvisorie (e quindi il lavoro sarebbe praticamente finito) non capisco cosa sta aspettando il suo dentista a terminare il tutto, visto che dalla preparazione dei denti all' impronta definitiva si può aspettare al massimo un paio di settimane (ovviamente sempre che non ci siano problemi di altro genere che in questa sede non sono stati esposti). E poi è anche suo interesse terminare per una questione di soldi. E il fatto che ti ha mandato via perchè il materiale era finito? Proprio strano. Riparla con il tuo dentista, se temporeggia ancora fatti visitare da un altro specialista. P.S. L'Odontoiatra NON è un medico. Ne esiste una Specializzazione in Implantologia. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Signora, anch'io Le consiglio di farsi dare delle spiegazioni dal suo curante, se non ci sono complicanze avete tutti e due interesse a concludere il lavoro. Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, concordo con i colleghi. Ma sicuramente qualcosa non quadra nel cerchio, ora occorrerebbe sentire anche l'altra campana. Inoltre i provvisori in genere sono a gruppo e non singoli se ha degli elementi mancanti. Ora spero, mi scusi se lo chiedo, che non vi sia un problema di acconti versati. Se questo non c'è allora chiarisca al più presto e si faccia terminare il lavoro a meno che non ci siano altri problemi che a questo punto il collega deve riferglieli chiaramente. Saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pietro Convertino
Alberobello (BA)

Sullo stesso argomento