Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 14

Dovrei fare un bilaterale rialzo del seno mascellare

Scritto da rita / Pubblicato il
Dovrei fare un bilaterale rialzo del seno mascellare per mettere i sesti mancanti.il mio spessore osseo è di soli 4 mm.e dovro'fare un rialzo con bioss+osso autologo prelevato da mascella... mi chiedevo se un impianto fatto su rialzo di seno puo'avere le possibilità di lunga durata di un impianto fatto su osso "vergine". Grazie mi preme molto sapere le cose come stanno realmente grazie ancora
Gentile Rita, il rialzo di seno mascellare è una tecnica di rigenerazione dell'osso necessaria quando non ci sono condizioni locali idonee per l'inserimento di un impianto nella mascella. In questi casi l'intervento può essere risolutivo e le possibilità di durata sono solitamente le stesse di un impianto su di un osso non rigenerato. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Chirurgia del Seno Mascellare. Da casistica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Cara Signora Rita...tranquilla...il rialzo del seno mascellare è intervento semplice e sicuro, ovviamente in mani buone....(bisogna solo fare molta attenzione a non lacerare la membrana di Schneider che spesso ha uno spessore di pochi decimi di millimetro.)... ed un impianto ha tutte le aspettative migliori di riuscita immediata e nel tempo ......Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La tecnica di rialzo di seno con innesto di materiale autologo eo eterologo è una procedura chirurgica che ormai ha un follow-up di molti anni e la letteratura ha dato informazioni statistiche che la durata nel tempo di un impianto inserito nelle zone così trattate è sovrapponibile a quello di un impianto inserito in zone che non hanno avuto la necessità di aumento della quota ossea, "vergine" come definito da lei. L'intervento andrà comunque pianificato con cura e dovranno essere fatte tutte quelle valutazioni strumentali che ora sono di routine per la corretta valutazione dello stato dei tessuti e l'esatta definizione dei vari limiti anatomici. Cordiali saluti dott. Fabio Caine
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Caine
Venezia (VE)

Signora Rita può stare tranquilla perchè l'intervento di rialzo del seno, nelle monoedentulie, è ormai diventato una routine ed ha la stessa durata delle tecniche implantologiche classiche. L'unica possibile complicanza è una leggera sinusite post intervento e naturalmente è necessaria una maggiore attenzione durante l'inserimento dell'impianto in modo da non provocare lacerazioni della membrana. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Gilberto Urbinati
Pesaro (PU)

Gentile paziente, la tecnica del rialzo del seno mascellare è utilizzata per "creare" osso in una cavità normalmente piena di aria. La tecnica chirurgica prevede l'apertura di una botola attraverso la quale si solleva la membrana del seno mascellare e si posiziona al di sotto di essa un innesto di osso del paziente o degli osteoinduttori. Esiste una variante mini invasiva, che prevede l'accesso al seno mascellare attraverso la cresta alveolare - quindi meno traumatica - riempiendo la cavità con osteoinduttori. Questa ultima mi sembrerebbe indicata nel suo caso - avendo circa 4 mm di osso crestale - sufficiente quindi per il nostro scopo. Purtroppo molte volte il rialzo del seno mascellare è utilizzato a sproposito in quanto il riassorbimento osseo in senso verticale può essere recuperato solo con un innesto (che aumenti quindi la dimensione verticale). Se non si recupera la dimensione verticale, potrà verificarsi il caso di avere impianti da 13 mm e pilastri protesici anche da 20-22 mm. In ogni caso, si affidi al suo dentista e stia tranquilla: se ha programmato un lavoro così complesso, sarà certamente un valido chirurgo. Dr. Giuseppe Scandale Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi in Roseto degli Abruzzi ed in Bucarest (Romania).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Scandale
Roseto degli Abruzzi (TE)

Gentile paziente, fatto da implantologo serio,normalmente un impianto con rialzo del seno mascellare ha la stessa probabilità di durata di uno su osso non trattato. I rischi sono dovuti ad infezioni del seno, fumo, parafunzioni (digrignamento, bruxismo,...malocclusione, occlusione non fisiologica per otturazioni o protesi incongrue, estrazioni con spostamento dei denti contigui...). Ma ciò vale per tutti gli impianti in linea generale...Importante capire perchè ha perso il molare:prima eliminare le cause altrimenti si potrebbe perdere anche l'impianto.. saluti, Dr A. Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Sig. Rita, in rialzo del seno è un intervento chirurgico non immune da eventuali complicanze e non è praticato con facilità da tutti gli odontoiatri. La visita a parere di un otorino è consigliata per evitare alcune complicanze, non è possibile a distanza stabilire l'eventuale futuro riassorbimento osseo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il rialzo del seno mascellare è un'ottima tecnica che consente di generare spessore osseo indispensabile per un impianto che avrà la stessa durata delle tecniche implantologiche tradizionali. Cordialmente.

Scritto da Dott.ssa Anna Cervone
Marigliano (NA)

Gentile Sig.ra Rita, se la tecnica di rialzo del pavimento del seno mascellare viene effettuata in modo ortodosso la durata degli impianti non viene minimamente inficiata solo per il fatto che si tratta di una rigenerazione ossea e non di osso presistente e l'unico inconveniente è che dovrà attendere un pò più di tempo prima di caricarli. Cordialmente

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Si le possibilità di durata sono comparabili. Ovviamente il suo disagio è quello dell'intervento e dei mesi di attesa che l'osso "maturi", circa nove per poi inserire gli impianti. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Sullo stesso argomento